CasierIntervisteSlide-mainTurismoVideoVille Venete

Tra le acque del Sile: i tesori di Casier, terra di Radicchio Rosso e Prosecco

2 minuti di lettura

Esplorare il fiume Sile e le sue terre equivale ad immergersi in una storia antica e in una bellezza senza tempo, facendo esperienza di un viaggio indimenticabile tra natura, cultura, architettura e tradizione.

CASIER (TV) – Il fiume Sile, tra i gioielli naturali di Casier, affascina con la sua storia millenaria e i suoi paesaggi mozzafiato. Con i suoi 95 chilometri di lunghezza, è il fiume di risorgiva più esteso d’Europa, offrendo un susseguirsi di tesori naturali, culturali e architettonici lungo le sue rive.

Da qui prende vita il celebre itinerario ciclabile del GiraSile, che attraversa poli culturali di rilievo come il Museo di Altino e i reperti dell’antica città romana, Altino. Lungo il percorso, si incontrano mulini industriali ormai in disuso nel Trevigiano, paludi incantate, chiese e maestose dimore veneziane, offrendo agli appassionati di sport come il Nordic Walking, la possibilità di immergersi in una natura rigogliosa e rigenerante.

Guarda il video su YouTube.

Ma il fiume Sile non è solo terraferma. È anche una delle vie navigabili più affascinanti del Veneto, consentendo ai visitatori di esplorare la laguna veneta in modo alternativo. Partendo da Casier, è infatti possibile imbarcarsi su un battello che porta fino a Venezia e alle sue isole più suggestive. Lungo il tragitto, si possono ammirare panorami mozzafiato, paesaggi naturali incantevoli e attrazioni uniche come il Ponte del Diavolo e la Basilica di Santa Maria Assunta a Torcello, prima di immergersi nei colori vivaci di Burano e nelle tradizioni artigianali di Murano.

Guarda il video su YouTube.

Tra Casier e Silea, l’area conosciuta come il Cimitero dei Burci testimonia il passato commerciale e strategico del fiume Sile, con diciannove imbarcazioni mercantili abbandonate che creano uno spettacolo suggestivo avvolto dalla vegetazione circostante.

Un viaggio a Casier è un’esperienza autentica, che abbraccia la bellezza dell’acqua, i ritmi lenti e cadenzati del territorio e la ricca tradizione culinaria veneta. Le visite alle imprese agricole e artigianali offrono l’opportunità di scoprire le eccellenze locali – come il Prosecco e il Radicchio Rosso di Treviso IGP, detto il fiore d’inverno – prodotte con passione e dedizione.

Guarda il video su YouTube.

E non si può dimenticare il ricco patrimonio delle Ville Venete che punteggiano il paesaggio di Casier, testimoniando il lusso e la raffinatezza dell’epoca passata. Queste sontuose residenze, immerse in parchi secolari, rappresentano un’eccellenza architettonica da non perdere!

Articoli correlati
IntervisteLe eccellenzeMarca TrevigianaSlide-mainTurismoVideo

Sulla "Strada del Prosecco": esperienza enoturistica tra le Colline Unesco

2 minuti di lettura
Tra le numerose cantine che punteggiano il territorio collinare tra Conegliano e Valdobbiadene, c’è una che ha una storia unica e affascinante,…
AttualitàMargheraSlide-main

Primark lancia workshop gratuiti per prolungare la vita dei capi

2 minuti di lettura
Primark coinvolge tutti i suoi 15 negozi italiani nei workshop per la riparazione degli abiti. MARGHERA – Primark annuncia oggi una nuova…
Le eccellenzeMarca TrevigianaSlide-mainTurismo

L'eccellenza al femminile: la storia di Dal Din, un viaggio tra terroir e passione

3 minuti di lettura
Il cuore delle colline di Valdobbiadene, culla del vino di qualità, custodisce una storia che merita di essere conosciuta: è la storia…