Home / Slide-main  / Crippa e Romagnolo trionfano alla Corritreviso

Crippa e Romagnolo trionfano alla Corritreviso

I due azzurri conquistano la classica kermesse di Piazza dei Signori che ieri sera ha festeggiato il trentesimo compleanno. Oltre 740 atleti al traguardo, compreso il sindaco Conte.

I due azzurri conquistano la classica kermesse di Piazza dei Signori che ieri sera ha festeggiato il trentesimo compleanno. Oltre 740 atleti al traguardo, compreso il sindaco Conte  

 

Nekagenet Crippa (Trieste Atletica) ed Elena Romagnolo (Cus Pro Patria Milano) hanno vinto la trentesima edizione della Corritreviso-Trofeo Lattebusche. Classica kermesse su strada che ieri sera, sul traguardo di Piazza dei Signori, ha visto sfilare oltre 740 atleti, tra i quali il sindaco della città, Mario Conte.

 

I due azzurri si sono imposti nelle gare ad invito che chiudevano la serata. Neka Crippa, fratello maggiore del più celebre Yeman, ha conquistato la prova maschile sui 10 chilometri (distanza certificata Fidal), precedendo in volata Pietro Riva (Gs Fiamme Oro Padova). Crippa ha chiuso in 30’55”, avvicinando il record del percorso appartenente ad Eyob Faniel (30’51” nel 2018). A 4” Riva, in ripresa dopo un periodo di infortuni. Terzo il giovane Ahmed Ouhda (Atl. Casone Noceto), l’ultimo ad arrendersi al ritmo imposto dai due battistrada, che si sono giocati la vittoria nell’ultimo giro.

 

“Non mi sembrava di essere in gran serata – ha commentato Neka Crippa -. Ho lasciato agli altri il compito di fare la gara, cercando di rimanere più coperto possibile e la volata mi ha premiato”. Meno incerta la gara femminile.

 

Elena Romagnolo ha allungato la falcata durante il terzo dei cinque giri, chiudendo i 5 km in 17’09”. Sul podio, nell’ordine, anche Sara Brogiato (Aeronautica) e Federica Dal Ri (Esercito). “Treviso? Una città meravigliosa – ha detto la vincitrice, due Olimpiadi nel palmarés -. Non c’ero mai stata, me la sono goduta. Il mio futuro? Da due stagioni non ho problemi, voglio togliermi ancora qualche soddisfazione”.

 

  

 

Oltre 650 gli atleti al via nella prova aperta a tutti sulla distanza di 9,9 chilometri. I più veloci sono stati due trentini: Davide Raineri (Atl. Trento), che ha chiuso in 33’15” dopo una corsa in solitaria, e Loretta Bettin (Atl. Paratico), arrivata al traguardo in 38’24”.

 

Il sindaco Mario Conte è arrivato nel gruppo in 55’02”. Più veloce, il collega di Preganziol, Paolo Galeano, neo tesserato dell’Asd Corritreviso, arrivato 69° assoluto in 41’16”.  La serata si era aperta con le gare giovanili, valide per il campionato regionale. Prima del via, il saluto dell’olimpionico di ginnastica Igor Cassina. Un bel modello a cui ispirarsi. I sei titoli veneti in palio sono stati vinti tutti da atleti trevigiani. Merito, nell’ordine, di Rebecca Agbortabi (Trevisatletica), leader tra le ragazze, di Pietro De Pizzol (Silca Ultralite), dominatore tra i ragazzi, di Sofia Tonon (Silca Ultralite), protagonista tra le cadette, di Sofyan Goudadi (Atl. Valdobbiadene), senza rivali tra i cadetti, e di Matteo Andreola e Sara Meneghel, duo del Team Treviso, impostosi nella gara allievi.

 

 

A Trevisatletica, anche quest’anno, il Trofeo Lattebusche, per il più alto del numero di iscritti nelle gare under 18. A proposito di alto, salutati in piazza anche Paolo Borghi e Sergio Baldo, due grandi ex – trevigiani doc – della specialità. Treviso corre (e salta) tra gli applausi.

 

Classifiche complete.

Photo Credits: Roberta Radini

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni