Home / Posts Tagged "sport"

Inizia il conto alla rovescia per l’edizione 2019 della gara sui 10 chilometri che venerdì 21 giugno, in abbinata al Trofeo Lattebusche, percorrerà le strade del centro storico. Iscrizioni già oltre quota 600: correrà anche il sindaco Mario Conte. Cartellone della serata impreziosito da una doppia gara ad invito che coinvolgerà i big del mezzofondo

 

Il traguardo non è da tutti. E la Corritreviso – Trofeo Lattebusche lo sta preparando al meglio. Venerdì 21 giugno, nella prima serata d’estate, la grande classica di Piazza dei Signori spegnerà le sue prime 30 candeline. Sarà un appuntamento da non perdere, che si aprirà con il campionato regionale giovanile; proseguirà con la gara aperta a tutti gli appassionati e terminerà con due prove ad invito – prima le donne (5 km), poi gli uomini (10 km) – che coinvolgeranno molti big del mezzofondo e fondo azzurro.  La manifestazione è organizzata dall’Asd Corritreviso, con il patrocinio del Comune di Treviso e la partnership della sezione provinciale della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, rappresentata ieri sera dalla vicepresidente Nelly Mantovani.

 

TOP RUNNERS

La gara maschile ad invito vedrà al via il campione italiano dei 10.000 metri (2016 e 2017) e della mezza maratona (2018) Ahmed El Mazoury, che proverà a scrivere per la prima volta il proprio nome nell’albo d’oro della Corritreviso. Riflettori puntati anche su cinque altri atleti: Abdoullah Bamoussa, finalista nei 3000 siepi agli Europei di Amsterdam, azzurro all’Olimpiade di Rio e ai Mondiali di Londra, secondo a Treviso nel 2018, Pietro Riva, campione europeo juniores dei 10.000 metri nel 2015 e vicecampione italiano assoluto 2018 dei 5000 metri, Cesare Maestri, vicecampione europeo 2018 di corsa in montagna, e gli emergenti Alessandro Giacobazzi, campione italiano under 23 di mezza maratona, e Ahmed Ouhda, miglior under 23 italiano di questo primo scorcio di stagione nei 10.000 metri (29’31”53 a fine aprile a Milano). Tifo di casa per Paolo Zanatta (primo alla Corritreviso nel 2013 e 2015), Simone Gobbo (leader nel 2016) e Stefano Ghenda. Da seguire inoltre il maratoneta Francesco Bona e Stefano Guidotti Icardi. In campo femminile, torna alla Corritreviso la vincitrice dell’edizione 2018, Veronica Paterlini, ma le favorite della gara sono l’intramontabile Elena Romagnolo, finalista olimpica nei 3000 siepi (2008) e nei 5000 (2012), e Sara Brogiato, altra emergente, terza alla maratona di Torino del 2018. Outsider di lusso, l’azzurra del cross, Federica Dal Ri. Completano il cast, per le posizioni di prestigio,Natascia Meneghini, la maratoneta Maurizia Cunico, la giovane Laura De Marco. E poi ancora Erica Franzolini,Sonia Lopez, Silvia Gavarretti. Il quadro delle presenze è ancora in via di definizione, ma i motivi d’interesse già non mancano.

 

ISCRIZIONI A QUOTA 600

Gli iscritti alle gare assolute della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche, in queste ore, hanno raggiunto quota 600. Ad essi andranno poi aggiunti gli iscritti alle gare giovanili. Sarà possibile prenotare un pettorale per le gare assolute sino alle ore 24 di mercoledì 19 giugno. Poi le iscrizioni riapriranno, con quota maggiorata, venerdì 21 giugno, alle 19.30, presso la segreteria organizzativa di Piazza Borsa.

 

CAMPIONATO REGIONALE GIOVANILE

La serata della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche sarà aperta dalle gare giovanili, che anche quest’anno coincideranno con il campionato regionale individuale per le categorie ragazzi, cadetti e allieviCorritreviso Kids – questo il nome dell’evento nell’evento – sarà dunque, più che mai, una passerella per le giovani stelle del mezzofondo veneto, che a Treviso saranno protagoniste di uno dei più significativi appuntamenti della stagione su strada. Le gare giovanili sono anche valide per il campionato provinciale Fidal di società. In palio, inoltre, il prestigioso Trofeo Lattebusche, che andrà alla società con più iscritti nell’insieme delle categorie esordienti, ragazzi, cadetti e allievi. Le categorie esordienti (per le quali è prevista una prova dimostrativa, senza assegnazione di titoli), ragazzi e cadetti si sfideranno su uno spettacolare percorso ridotto di 580 metri, da ripetere più volte a seconda delle fasce d’età, che avrà anch’esso partenza e arrivo in Piazza dei Signori. La categoria allievi tornerà invece a cimentarsi sul percorso da mille metri, omologato Fidal, che a fine serata ospiterà le due gare assolute ad invito.

 

ORARI E DISTANZE

La segreteria organizzativa della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche sarà in Piazza Borsa. Qui saranno posizionati anche gli spogliatoi e il punto di consegna delle borse con gli indumenti personali. Tutte le gare partiranno e arriveranno in Piazza dei Signori. Il ritrovo per le categorie giovanili è alle 18.15. Ecco orari e distanze di gara. Ore 19: esordienti A masch. e femm. (580 metri, 1 giro piccolo). 19.10: ragazze (1.160 metri, 2 giri piccoli). 19.20: ragazzi (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.30: cadette (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.40: cadetti (2.320 metri, 4 giri piccoli). 19.50: allievi e allieve (5.000 metri, 5 giri su percorso omologato Fidal da 1.000 metri). Per le gare del settore assoluto il ritrovo è invece previsto, sempre in Piazza Borsa, alle 19.30. La gara master maschile e quella femminile per tutte le categorie scatterà alle 20.30 e si svilupperà su un totale di circa 9,9 km (tre giri grandi di lunghezza variabile da 3 a 3,5 km). La gara femminile ad invito – novità dell’edizione 2019 – scatterà alle 21.45 e sarà sulla distanza di 5 km. La gara maschile ad invito partirà invece alle 22.10 e sarà sulla distanza di 10 km.

 

LATTEBUSCHE PER CORRERE CON PIÙ GUSTO – Sorbetti, yogurt, gelati.

La serata della Corritreviso sarà resa più gustosa dai prodotti Lattebusche, storico partner dell’evento di Piazza dei Signori. I partecipanti allaCorritreviso potranno degustare le prelibatezze di Lattebusche nell’esclusivo corner creato subito dopo l’arrivo, inPiazzetta Aldo MoroAttiva dal 1954 nel settore lattiero caseario, Lattebusche lavora giornalmente oltre 3.600 ettolitri di latte che danno vita ad un’ampia gamma di prodotti; dal latte fresco Alta Qualità allo yogurt, al gelato, fino ai formaggi, sia freschi che stagionati.

 

PINARELLO FA PEDALARE IL GRUPPO PIU’ NUMEROSO

Alla Corritreviso – Trofeo Lattebusche c’è chi arriverà al traguardo correndo e se ne andrà a casa pedalando. La società Fidal con il maggior numero di iscrittinelle categorie juniores, promesse, seniores e master si aggiudicherà infatti una splendida bici realizzata daPinarello, azienda trevigiana di prestigio da sempre vicina all’evento. Un motivo in più per presentarsi alla Corritreviso in forze: più il gruppo è numeroso e più facile sarà vincere la bicicletta.

 

TANTI PREMI IN ROSA FIRMATI GIOIELLERIA MINOTTO

Le migliori atlete della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche, dopo la gara, potranno passare… in gioielleria. Le prime tre classificate a livello assoluto e levincitrici di ogni categoria Fidal riceveranno infatti un buono-spesa che potranno utilizzare per i loro acquisti nell’elegante Gioielleria Minotto di Postioma di Paese (Treviso).  Corritreviso, insomma, si colorerà anche di rosa!

La società del presidente Enrico Furlan ha il piacere di annunciare, di aver formalizzato l’accordo per la prossima stagione sportiva con Erick Bellomo, storico capitano della Came C5.

 

L’Atletico Nervesa 2014, neo promossa in serie B, sta mettendo a fuoco il gruppo che anche quest’anno verrà condotto da mister Regondi.

 

Dopo le numerose riconferme dello zoccolo duro della squadra che ha portato alla promozione dello scorso anno, il primo annuncio “sensazionale” per fare un grande campionato di serie B riguarda l’ acquisto di: Erick Bellomo, nato a San Paolo il 3 marzo 1978, alto 1,83 peso forma di 80 kg., italo brasiliano con bisnonno da Prata di Pordenone, di lunga militanza italiana.

 

Gioca in Italia dalla stagione 2004-2005, quando venne ingaggiato dalla Lazio in serie A1, ha calcato i parquet italiani con la maglia della Lazio, della Marca, del Venezia, della Luparense e del Gruppo Fassina vincendo nella sua carriera uno scudetto (Marca) e 3 supercoppe italiane (2 Marca, 1 Luparense), e infine del Came Dosson C5 inoltre ha fatto parte anche della nazionale azzurra (12 presenze, 4 gol).

 

Il Direttore sportivo Matteo Parolin non nasconde la soddisfazione e ci tiene a dichiarare: “Erick è un giocatore che porta esperienza, qualità e tanto carisma alla nostra squadra”.

Bellomo ha dichiarato: “Subito a disposizione del mister per centrare obiettivi importanti“.

 

Oltre all’italobrasiliano sono in corso trattative per portare a Nervesa anche altri importanti giocatori per poter effettuare una stagione di alto livello, assicura il Ds Matteo Parolin, che inoltre ringrazia gli sponsor F.L.F., Giusti Wine e Full Service per la vicinanza e il sostegno anche per la prossima stagione sportiva.

 

[email protected]

facebook.com/AtleticoNervesa

www.AtleticoNervesa.it

La Società Mogliano Rugby 1969 è lieta di annunciare di aver ingaggiato per la prossima stagione del Campionato Italiano di Rugby Peroni Top12, i due trequarti-centro Andrea Pratichetti e Cristian Cerioni.

 

“Siamo molto contenti dell’arrivo di Cristian e Andrea”, dice il Team Manager Enrico Endrizzi, “perché uno degli aspetti che ci sono mancati nella scorsa stagione è stato un po’ di esperienza in più. Crediamo che abbiano entrambi l’età e la personalità giuste per costituire dei punti di riferimento in una linea di trequarti composta per la maggior parte da giocatori giovani che, messi nelle condizioni di confrontarsi con giocatori più esperti, avranno possibilità di crescere in maniera più consistente. Cristian è già stato un giocatore di Mogliano in stagioni molto importanti per la storia recente del club, è un ottimo giocatore e siamo felici del suo ritorno. Andrea ha un curriculum che parla da solo. Ha giocato per molto tempo a Treviso, oltre che in squadre importanti di Eccellenza e Top12, e anche in Nazionale. È senza dubbio un innesto di valore.”

 

Sulla stessa linea il commento del capo allenatore Salvatore Costanzo: “Pratichetti e Cerioni sono due giocatori che ci serviranno per aumentare la nostra consistenza fisica e di esperienza. In particolare Andrea per il grande bagaglio maturato ad alto livello con la Benetton in Celtic League. Crediamo fermamente che si dimostreranno molto utili alla crescita dei nostri giovani promettenti e per aumentare la qualità della nostra linea arretrata.”

 

Andrea Pratichetti

Proviene dal Rugby San Donà con cui ha disputato gli ultimi due Campionati. Nato il  26 novembre 1988, 183 cm per 94 kg di peso, è cresciuto nella Rugby Roma, dove suo zio Carlo era giocatore e poi allenatore. E’ poi passato alle giovanili della Capitolina, una breve parentesi di mezza stagione con la Lazio, prima di essere ingaggiato con il primo contratto da professionista da Calvisano. Con i calvini è rimasto per due stagioni, in seguito ha disputato una stagione con il Rugby Rovigo per poi trasferirsi al Benetton Treviso, nella stagione 2010-2011. Con Treviso ha disputato tra Celtic League e Coppe Europee più di 90 partite in sette stagioni. Ha esordito con la Nazionale italiana nel giugno 2012, a Toronto contro il Canada. In questi giorni è impegnato con la Nazionale Seven azzurra guidata da Andy Vilk.

 

“Come prima cosa tengo a dire di essere stato bene a San Donà, ringrazio il Club e voglio salutare tutte le persone che ho conosciuto in questa mia esperienza. Avevo voglia di cambiare per trovare nuovi stimoli, mi sono mosso in tal senso e ho cercato qualche possibile opportunità. Ho avuto la fortuna di parlare con Costanzo ed Endrizzi, mi hanno fatto un’ottima impressione e hanno mostrato di avere le idee chiare su quello che vogliono fare; hanno un progetto molto interessante da portare avanti. Sono molto contento della scelta e molto carico per la prossima stagione. A Mogliano c’è un bel gruppo di giovani di qualità e spero riuscire ad aiutarli con la mia esperienza che, tra le altre cose, è anche quello che mi hanno chiesto Salvatore ed Enrico. Poi per quanto mi riguarda, personalmente cerco sempre di migliorarmi e di divertirmi

POST TAGS:

La Società Mogliano Rugby 1969 è lieta di annunciare ufficialmente la composizione dello staff tecnico della categoria Under 18.

 

 

  

 

Marco Toppan, dopo il ritorno alla direzione tecnica del settore juniores, sarà anche impegnato direttamente nella conduzione tecnica della squadra Under 18.

 

 

 

Ad affiancarlo in questa nuova stagione sportiva, ci saranno Giacomo Branni e Mattia Zappalorto.

 

 

 

 

 

Giacomo Branni, classe 1993, da giocatore è stato protagonista in tutte le categorie del Mogliano Rugby.

 

Dopo aver appeso le scarpe al chiodo, ha iniziato ad allenare l’Under 18 biancoblù proprio nell’anno dello scudetto juniores, per poi continuare il suo percorso allenando anche l’U14 e ritornando nella categoria iniziale lo scorso anno.

 

 

 

 

 

 

Mattia Zappalorto, classe 1990, dopo avere anche lui effettuato da giocatore tutta la trafila delle giovanili del Mogliano Rugby, è approdato in prima squadra giocandoci per 3 stagioni, tra le quali anche quella della storica promozione in Eccellenza.

 

Si è quindi trasferito al Rugby Casale, dove ha anche iniziato ad allenare, per poi tornare a casa due stagioni fa ed iniziare un percorso da allenatore in Under 16. Mattia è anche tecnico del Comitato Regionale e collabora con il CDF Under 18 di Treviso.

 

 

 

Il commento di Marco Toppan: “Ritengo che Giacomo e Mattia siano due tecnici giovani, ma assolutamente preparati, che potranno aiutare i nostri ragazzi a crescere e a sviluppare le competenze necessarie per affrontare un Campionato duro e di alto livello come quello del girone Elite Under 18. Investire in due tecnici giovani è una scelta lungimirante che Mogliano Rugby ha deciso di fare e che porterà benefici non solo nel breve, ma soprattutto nel lungo periodo. L’obiettivo che ci si porrà non sarà solo agonistico, ma anche di preparare gli atleti per il salto nelle squadre seniores ed accrescere il numero degli atleti provenienti dal nostro vivaio in queste categorie.”

La Brussa è uno dei rari lembi del litorale veneziano non urbanizzato, situata nel comune di Caorle all’interno del suggestivo paesaggio delle valli da pesca, inserite dagli anni ’60 in una zona di bonifica. Si tratta di una spiaggia di soffice sabbia dorata, suggestiva e dal fascino selvaggio.

 

Venerdì 14 giugno l’associazione sportiva ASD Strada Facendo Nordic Walking Treviso organizza una camminata all’alba, fra l’argine, la spiaggia, la pineta e laguna.

 

Programma della giornata

Ritrovo: ore 5.50 presso il parcheggio di Prato fiera
Ritrovo in loco: Brussa, parcheggio di via Brussa
Percorso pianeggiante di 14 km circa

 

Info utili

Difficoltà: facile
Quota di partecipazione: € 5
Prenotazioni entro oggi, mercoledì 12 giugno!

Mentre le prestazioni del calcio in rosa ai mondiali di Francia fanno innamorare gli italiani, a Treviso sette atlete professioniste, provenienti dalle più diverse discipline, si raccontano per quella che è un’esigenza comune a tutte le donne atlete: come conciliare la cura della bellezza con la pratica quotidiana dell’attività sportiva?

 

Sono le sette donne protagoniste di “Io sono bella”, originale stage formativo organizzato ieri a Treviso dalle comunità acconciatori ed estetiste di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. Tra le sportive protagoniste dell’iniziativa,  Barbara Pozzobon, atleta delle Fiamme Oro campionessa mondiale di nuoto di fondo, Luna Mendy, pluricampionessa italiana e argento europeo di kick-boxing, Nicole D’Agostin, ciclista del team femminile Bizkaia-Durango, Micol Cavina, mediano d’apertura delle neo-campionesse d’Italia Iniziative Villorba Rugby, Tania Ferrazzo, campionessa europea di snow volley, la pallavolista Valentina Fiorin e infine Silvia Marangoni, atleta della Polizia Penitenziaria, 11 volte campionessa mondiale di pattinaggio artistico.

Lasciati per un giorno gli impegni sportivi, le ragazze si sono prestate al ruolo di modelle per una dimostrazione tecnica di acconciatura e trucco, eseguita dall’hair stylist castellano Diego Santi e da Carlotta Meo, regional make-up artist de La Truccheria, che hanno illustrato a una platea di professionisti del settore alcune soluzioni estetiche, pratiche e veloci, utili a far convivere sport e bellezza nella vita di tutti i giorni.

Ideato da Giannantonio Papa e Nicla Marcolongo, presidenti delle comunità acconciatori ed estetica di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, “Io sono bella” è la risposta «al numero crescente di donne che pratica sport – spiegano i due organizzatori – e che sempre più spesso impegna i professionisti del nostro settore ad affrontare problemi di gestione della bellezza legati all’acconciatura, che non deve essere eccessivamente elaborata, al capello sfruttato, alla pelle sciupata: i nostri stilisti hanno offerto oggi idee interessanti su come costruire acconciature e trucchi in grado di evidenziare la bellezza senza togliere praticità».

Idee e soluzioni apprezzate dalle stesse atlete, che attraverso “Io sono bella” hanno potuto non solo «imparare pratici consigli di bellezza», ma anche affermare una volta di più il messaggio che «lo sport è donna – commenta, tra le altre, la kickboxer Luna Mendy – In questi giorni il calcio lo sta dimostrando con grande evidenza mediatica, ma sono tanti gli sport tradizionalmente maschili che oggi hanno una folta rappresentanza femminile, come la stessa kickboxing, il ciclismo, il rugby». «”Io sono bella” per noi significa che la bellezza è parte integrante dell’attività sportiva e non solo nelle discipline più femminili come il pattinaggio o la pallavolo», sostengono le “esperte” Silvia Marangoni e Valentina Fiorin. «Piacersi, sentirsi belle e curare il proprio aspetto è un diritto delle atlete – aggiunge Fiorin – specialmente al giorno d’oggi, che l’immagine di ognuna di noi viene amplificata dai social network».

L’iniziativa è finanziata dall’Ente Bilaterale dell’Artigianato Veneto.

 

 

Photo Credits: Stefano Cusumano

Tre ori per il Gruppo Atletico Coin nella rassegna nazionale juniores e promesse di Rieti: Elena trionfa nell’asta, Rebecca vince l’alto, Camilla s’impone nel triplo, dove arrivano anche l’argento di Fabio Pagan e il bronzo di Chiara Bertuzzi. 

 

Salti d’oro, ma anche d’argento e di bronzo, per il Gruppo Atletico Aristide Coin Venezia 1949. Il bilancio dei campionati italiani juniores e promesse di Rieti è trionfale: la società mestrina, nell’intenso weekend allo stadio Guidobaldi, ha conquistato tre titoli italiani, aggiungendo alle maglie tricolori anche un secondo e un terzo posto.

 

Curiosità: le medaglie sono arrivate tutte dal settore salti, anche se, allargando l’orizzonte, va sottolineato che il Gruppo Atletico Coin ha piazzato ben otto atleti tra i migliori dieci d’Italia nelle varie specialità.

 

La prima maglia tricolore è arrivata grazie alla junior Rebecca Pavan che si è confermata campionessa d’Italia, bissando il titolo vinto l’anno scorso tra le allieve.

 

Rebecca ha saltato 1.80, eguagliando il primato personale stabilito nel 2018 e ottenendo il lasciapassare per i Campionati Europei under 20 che si terranno a metà luglio a Boras, in Svezia.

 

 

Lo standard di partecipazione per la rassegna continentale era invece già in possesso di Camilla Vigato, confermatasi leader nel triplo juniores.

 

Camilla, a Rieti, ha realizzato la seconda misura della carriera, saltando 13.10 e prevalendo al termine di una gara emotivamente molto accesa sulla padovana Veronica Zanon, staccata di un solo centimetro.

 

 

 

Oro anche per Elena Bisotto, presentatasi a Rieti con la miglior misura d’accredito nell’asta promesse (3.98).

 

Elena, che trascorre parte dell’anno negli Stati Uniti per ragioni di studio, ha saltato 3.95, tornando sul podio tricolore dov’era già salita, da juniores, nel 2017.

 

 

Oltre all’oro della Vigato, il salto triplo ha regalato l’argento dello junior Fabio Pagan, atterrato a 15.29, e il bronzo della promessa Chiara Bertuzzi, arrivata al primato stagionale (12.42) nel momento più importante della stagione. Per Pagan anche un bel quarto posto nel lungo con 7.34, seconda misura della carriera. Sia lui che Camilla Vigato, oltre a Rebecca Pavan, hanno ora l’obiettivo fissato sui Campionati Europei under 20. Il traguardo che vale un’annata.

 

 

I risultati degli atleti del Gruppo Atletico Coin ai Tricolori juniores e promesse di Rieti

UOMINI
PROMESSE. Giavellotto: 7. Matteo Orian 56.54. Juniores. Asta: 6. Massimo Zanetti 4.60. Lungo: 4. Fabio Pagan 7.34 (+1.3). Triplo: 2. Pagan 15.29 (+1.3).

DONNE
PROMESSE.
 Asta: 1. Elena Bisotto 3.95. Triplo: 3. Chiara Bertuzzi 12.42 (+1.7). Martello: 11. Margherita Rizzetto 46.31. Giavellotto: 12. Alessia Checchin 38.81. Marcia (10.000 m): 12. Beatrice Andreose 55’24”17. JUNIORES. Alto: 1. Rebecca Pavan 1.80. Triplo: 1. Camilla Vigato 13.10 (+0.2).

 

Nel fine settimana il Gruppo Atletico Coin è stato protagonista anche in campo giovanile, vincendo il bronzo di società nel prestigioso Trofeo Vimar, giunto alla 42^ edizione, che a Marostica coincideva con il campionato regionale individuale ragazzi.

 

Alvise Tomassini è campione regionale ragazzi di lancio del vortex   

Alvise Tomassini ha vinto il titolo veneto nel vortex, lanciando a 56.55. Vanno poi segnalate le terze piazze diAlessia Miniutti e Raffaele Faronato nei 1000 metri (rispettivamente 3’16”95 e 3’09”80) e di Giulia Raimondi nei 60 ostacoli (9”82). Oltre 50 le società in lizza per uno degli appuntamenti più attesi della stagione giovanile: il bronzo del Gruppo Atletico Coin nella graduatoria di club brilla come l’oro.

 

 

Photo Credits: Colombo / Fidal

Ieri, domenica 9 giugno, si è svolta a Venezia la 45esima edizione della “Vogalonga “, con oltre 2.000 barche iscritte e ben 7.600 partecipanti.
Moltissime le barche provenienti da tutto il mondo: 380 equipaggi dalla Germania, 306 dalla Francia, mentre 300 erano gli equipaggi veneti.
La “Volalonga” è una regata non competitiva che intende promuovere la voga contro le barche a motore e contro gli effetti del moto ondoso.

Sabato 8 giugno, presso il Park Hotel Villa Fiorita di Monastier (Treviso), si è svolta la Festa delle premiazioni delle Società e delle Benemerenze regionali organizzata dalla LND Veneto. Come negli ultimi anni, anche quest’anno sono stati tantissimi i club veneti presenti all’evento che chiude la stagione del calcio dilettanti regionale, celebrando le squadre vincitrici dei gironi e della coppa disciplina nelle varie categorie. Consegnati anche i diplomi ai Dirigenti Benemeriti regionali e i Premi alla Stampa.

 

Tra i riconoscimenti assegnati, da segnalare il Premio Fair Play andato a Stefano Esposito e Gert Remmel, tandem di tecnici del Giorgione Calcio resosi protagonista di uno splendido gesto di sportività nel corso della recente finale regionale Allievi Elite: la panchina trevigiana ha infatti lasciato pareggiare l’avversario che aveva appena subito gol con il proprio portiere a terra dopo uno scontro di gioco. Celebrazioni anche per la Rappresentativa veneta Juniores di Calcio a cinque guidata da Nicola Paglianti, fresca vincitrice del titolo nazionale al Torneo delle Regioni di futsal in Basilicata.

 

 

Un commento di Giuseppe Ruzza

Le parole del Presidente della LND Veneto Giuseppe Ruzza a margine dell’evento: “Dal punto di vista agonistico è stata un’ottima stagione visto che abbiamo già promosso tre società in Serie D e festeggiato il titolo nazionale della nostra Rappresentativa Juniores di calcio a cinque. Anche sotto il profilo disciplinare è stata un’annata positiva nel complesso: è vero, nelle ultime settimane ci sono stati alcuni casi spinosi, ma oggi, per esempio, premiamo il bellissimo gestato degli Allievi Elite del Giorgione nella finale regionale di categoria. Le previsioni per le prossime iscrizioni? L’anno scorso abbiamo perso 17 società e alcuni tesserati dilettanti, ma sono aumentati notevolmente i tesserati del settore giovanile: è il segno che la voglia di calcio non svanisce mai, c’è sempre”.

Un commento di Florio Zanon

Il commento di Florio Zanon, Vice Presidente della Lega Nazionale Dilettanti in rappresentanza dell’Area Nord: “Il calcio dilettanti vive un buon momento di salute, guidati dal Presidente nazionale Cosimo Sibilia stiamo facendo un gran lavoro per continuare a migliorare la nostra organizzazione e farsi portavoce delle richieste dei club, soprattutto su un tema caldo come quello del vincolo sportivo. Nel panorama italiano il Veneto continua a distinguersi non solo sotto il profilo dei risultati sportivi, ma anche per la solidità a livello economico. La speranza ovviamente è quella di recuperare nuove iscrizioni anche grazie alle iniziative promosse dalla LND. Nonostante alcuni episodi negativi riportati dai media, il calcio rimane uno sport educativo e ricco di valori. Valori che noi vogliamo difendere e portare avanti”.

Un commento di Gabriele Geretto

Infine, l’intervento di Gabriele Geretto, Amministratore Delegato di Sogedin, società che gestisce il Park Hotel Villa Fiorita e la Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier: “È un vero piacere e un onore per noi ospitare questa importantissima manifestazione. Da ex calciatore ricordo benissimo la soddisfazione di essere premiati dopo una lunga stagione di passione e di sacrifici. In questa occasione, però, è giusto ricordare anche quelle società che non sono riuscite a ottenere titoli sul campo, ma che non hanno fatto mancare il loro impegno dall’inizio alla fine del campionato, offrendo a tanti giovani l’opportunità di praticare uno sport meraviglioso come il calcio”.

La poliziotta di Maserada sul Piave conquista l’oro nella 25 km ai nazionali assoluti e stacca il pass per i mondiali in Corea del Sud. Per Hydros altro oro nella categoria ragazzi con Alessio Sartoretto

 

Trionfo di Barbara Pozzobon ai nazionali assoluti di nuoto in acque libere a Piombino. Nella gara dei 25 km, l’atleta delle Fiamma Oro ha toccato per prima il traguardo col tempo di 6 ore 04’25”, lasciandosi alle spalle Aurora Ponselé e Alice Franco. Grande prestazione da parte della poliziotta di Hydros, che dopo il ritiro di lunedì scorso nella 10 km, ha portato a casa il risultato che vale l’accesso ai campionati mondiali di nuoto, in programma a luglio a Gwangju, in Corea del Sud.

 

Il successo nelle acque del Tirreno arriva al termine di una gara tattica, condotta con il gruppo di testa dal primo fino all’ultimo dei 17 giri, quando Pozzobon ha allungato sulle inseguitrici, chiudendo con quasi 100m di vantaggio sulla seconda classificata. Una rivincita a un anno di distanza dai tricolori di Castelgandolfo, dove la nuotatrice di Maserada sul Piave chiuse con una medaglia d’argento (dietro proprio ad Aurora Ponselé), che le precluse l’accesso agli europei.

 

«Era da un po’ di tempo che provavo a vincere – dichiara Pozzobon – finalmente ce l’ho fatta e sono felice. Ho tirato fin dall’inizio, cercando di stare in scia quando ero un po’ più stanca ma senza staccarmi mai dal gruppo. Alla fine ho dato tutto. Sono stanca ma strafelice».

 

Una vittoria condivisa con l’allenatrice Barbara Bertelli, che insieme alla sua allieva aveva studiato la gara nei minimi particolari e che ritorna a Treviso dalla trasferta toscana con altri due risultati pesanti firmati dalla squadra Hydros: l’oro, nella categoria ragazzi, del classe 2003 Alessio Sartoretto, vincitore nei 2,5 km con il tempo di 29’02”6; e il quarto posto, sempre nei 2,5 km (categoria juniores) di Riccardo Visentin (29’25”5). «Una grande soddisfazione che è frutto dell’ottimo lavoro svolto dai ragazzi – spiega Bertelli – Abbiamo vissuto sfide impegnative e dense di emozioni, che ci arricchiscono tanto quanto i risultati ottenuti».

 

Ad esultare per la vittoria di Barbara Pozzobon (che guadagna il pass mondiale nella 25 km insieme ad altri due atleti della Fiamme Oro, Alessio Occhipinti e Simone Ruffini) ci sono tutta la squadra Hydros, la comunità di Maserada sul Piave e la città di Treviso, la sua seconda casa, in cui si allena e che una settimana fa l’aveva invitata come rappresentante dello sport cittadino alla partenza della 19^ tappa del Giro d’Italia.

Tra poco più di un mese, Barbara sarà a rappresentare la Marca ai mondiali.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni