Home / Posts Tagged "Corritreviso"

I due azzurri conquistano la classica kermesse di Piazza dei Signori che ieri sera ha festeggiato il trentesimo compleanno. Oltre 740 atleti al traguardo, compreso il sindaco Conte  

 

Nekagenet Crippa (Trieste Atletica) ed Elena Romagnolo (Cus Pro Patria Milano) hanno vinto la trentesima edizione della Corritreviso-Trofeo Lattebusche. Classica kermesse su strada che ieri sera, sul traguardo di Piazza dei Signori, ha visto sfilare oltre 740 atleti, tra i quali il sindaco della città, Mario Conte.

 

I due azzurri si sono imposti nelle gare ad invito che chiudevano la serata. Neka Crippa, fratello maggiore del più celebre Yeman, ha conquistato la prova maschile sui 10 chilometri (distanza certificata Fidal), precedendo in volata Pietro Riva (Gs Fiamme Oro Padova). Crippa ha chiuso in 30’55”, avvicinando il record del percorso appartenente ad Eyob Faniel (30’51” nel 2018). A 4” Riva, in ripresa dopo un periodo di infortuni. Terzo il giovane Ahmed Ouhda (Atl. Casone Noceto), l’ultimo ad arrendersi al ritmo imposto dai due battistrada, che si sono giocati la vittoria nell’ultimo giro.

 

“Non mi sembrava di essere in gran serata – ha commentato Neka Crippa -. Ho lasciato agli altri il compito di fare la gara, cercando di rimanere più coperto possibile e la volata mi ha premiato”. Meno incerta la gara femminile.

 

Elena Romagnolo ha allungato la falcata durante il terzo dei cinque giri, chiudendo i 5 km in 17’09”. Sul podio, nell’ordine, anche Sara Brogiato (Aeronautica) e Federica Dal Ri (Esercito). “Treviso? Una città meravigliosa – ha detto la vincitrice, due Olimpiadi nel palmarés -. Non c’ero mai stata, me la sono goduta. Il mio futuro? Da due stagioni non ho problemi, voglio togliermi ancora qualche soddisfazione”.

 

  

 

Oltre 650 gli atleti al via nella prova aperta a tutti sulla distanza di 9,9 chilometri. I più veloci sono stati due trentini: Davide Raineri (Atl. Trento), che ha chiuso in 33’15” dopo una corsa in solitaria, e Loretta Bettin (Atl. Paratico), arrivata al traguardo in 38’24”.

 

Il sindaco Mario Conte è arrivato nel gruppo in 55’02”. Più veloce, il collega di Preganziol, Paolo Galeano, neo tesserato dell’Asd Corritreviso, arrivato 69° assoluto in 41’16”.  La serata si era aperta con le gare giovanili, valide per il campionato regionale. Prima del via, il saluto dell’olimpionico di ginnastica Igor Cassina. Un bel modello a cui ispirarsi. I sei titoli veneti in palio sono stati vinti tutti da atleti trevigiani. Merito, nell’ordine, di Rebecca Agbortabi (Trevisatletica), leader tra le ragazze, di Pietro De Pizzol (Silca Ultralite), dominatore tra i ragazzi, di Sofia Tonon (Silca Ultralite), protagonista tra le cadette, di Sofyan Goudadi (Atl. Valdobbiadene), senza rivali tra i cadetti, e di Matteo Andreola e Sara Meneghel, duo del Team Treviso, impostosi nella gara allievi.

 

 

A Trevisatletica, anche quest’anno, il Trofeo Lattebusche, per il più alto del numero di iscritti nelle gare under 18. A proposito di alto, salutati in piazza anche Paolo Borghi e Sergio Baldo, due grandi ex – trevigiani doc – della specialità. Treviso corre (e salta) tra gli applausi.

 

Classifiche complete.

Photo Credits: Roberta Radini

Inizia il conto alla rovescia per l’edizione 2019 della gara sui 10 chilometri che venerdì 21 giugno, in abbinata al Trofeo Lattebusche, percorrerà le strade del centro storico. Iscrizioni già oltre quota 600: correrà anche il sindaco Mario Conte. Cartellone della serata impreziosito da una doppia gara ad invito che coinvolgerà i big del mezzofondo

 

Il traguardo non è da tutti. E la Corritreviso – Trofeo Lattebusche lo sta preparando al meglio. Venerdì 21 giugno, nella prima serata d’estate, la grande classica di Piazza dei Signori spegnerà le sue prime 30 candeline. Sarà un appuntamento da non perdere, che si aprirà con il campionato regionale giovanile; proseguirà con la gara aperta a tutti gli appassionati e terminerà con due prove ad invito – prima le donne (5 km), poi gli uomini (10 km) – che coinvolgeranno molti big del mezzofondo e fondo azzurro.  La manifestazione è organizzata dall’Asd Corritreviso, con il patrocinio del Comune di Treviso e la partnership della sezione provinciale della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, rappresentata ieri sera dalla vicepresidente Nelly Mantovani.

 

TOP RUNNERS

La gara maschile ad invito vedrà al via il campione italiano dei 10.000 metri (2016 e 2017) e della mezza maratona (2018) Ahmed El Mazoury, che proverà a scrivere per la prima volta il proprio nome nell’albo d’oro della Corritreviso. Riflettori puntati anche su cinque altri atleti: Abdoullah Bamoussa, finalista nei 3000 siepi agli Europei di Amsterdam, azzurro all’Olimpiade di Rio e ai Mondiali di Londra, secondo a Treviso nel 2018, Pietro Riva, campione europeo juniores dei 10.000 metri nel 2015 e vicecampione italiano assoluto 2018 dei 5000 metri, Cesare Maestri, vicecampione europeo 2018 di corsa in montagna, e gli emergenti Alessandro Giacobazzi, campione italiano under 23 di mezza maratona, e Ahmed Ouhda, miglior under 23 italiano di questo primo scorcio di stagione nei 10.000 metri (29’31”53 a fine aprile a Milano). Tifo di casa per Paolo Zanatta (primo alla Corritreviso nel 2013 e 2015), Simone Gobbo (leader nel 2016) e Stefano Ghenda. Da seguire inoltre il maratoneta Francesco Bona e Stefano Guidotti Icardi. In campo femminile, torna alla Corritreviso la vincitrice dell’edizione 2018, Veronica Paterlini, ma le favorite della gara sono l’intramontabile Elena Romagnolo, finalista olimpica nei 3000 siepi (2008) e nei 5000 (2012), e Sara Brogiato, altra emergente, terza alla maratona di Torino del 2018. Outsider di lusso, l’azzurra del cross, Federica Dal Ri. Completano il cast, per le posizioni di prestigio,Natascia Meneghini, la maratoneta Maurizia Cunico, la giovane Laura De Marco. E poi ancora Erica Franzolini,Sonia Lopez, Silvia Gavarretti. Il quadro delle presenze è ancora in via di definizione, ma i motivi d’interesse già non mancano.

 

ISCRIZIONI A QUOTA 600

Gli iscritti alle gare assolute della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche, in queste ore, hanno raggiunto quota 600. Ad essi andranno poi aggiunti gli iscritti alle gare giovanili. Sarà possibile prenotare un pettorale per le gare assolute sino alle ore 24 di mercoledì 19 giugno. Poi le iscrizioni riapriranno, con quota maggiorata, venerdì 21 giugno, alle 19.30, presso la segreteria organizzativa di Piazza Borsa.

 

CAMPIONATO REGIONALE GIOVANILE

La serata della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche sarà aperta dalle gare giovanili, che anche quest’anno coincideranno con il campionato regionale individuale per le categorie ragazzi, cadetti e allieviCorritreviso Kids – questo il nome dell’evento nell’evento – sarà dunque, più che mai, una passerella per le giovani stelle del mezzofondo veneto, che a Treviso saranno protagoniste di uno dei più significativi appuntamenti della stagione su strada. Le gare giovanili sono anche valide per il campionato provinciale Fidal di società. In palio, inoltre, il prestigioso Trofeo Lattebusche, che andrà alla società con più iscritti nell’insieme delle categorie esordienti, ragazzi, cadetti e allievi. Le categorie esordienti (per le quali è prevista una prova dimostrativa, senza assegnazione di titoli), ragazzi e cadetti si sfideranno su uno spettacolare percorso ridotto di 580 metri, da ripetere più volte a seconda delle fasce d’età, che avrà anch’esso partenza e arrivo in Piazza dei Signori. La categoria allievi tornerà invece a cimentarsi sul percorso da mille metri, omologato Fidal, che a fine serata ospiterà le due gare assolute ad invito.

 

ORARI E DISTANZE

La segreteria organizzativa della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche sarà in Piazza Borsa. Qui saranno posizionati anche gli spogliatoi e il punto di consegna delle borse con gli indumenti personali. Tutte le gare partiranno e arriveranno in Piazza dei Signori. Il ritrovo per le categorie giovanili è alle 18.15. Ecco orari e distanze di gara. Ore 19: esordienti A masch. e femm. (580 metri, 1 giro piccolo). 19.10: ragazze (1.160 metri, 2 giri piccoli). 19.20: ragazzi (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.30: cadette (1.740 metri, 3 giri piccoli). 19.40: cadetti (2.320 metri, 4 giri piccoli). 19.50: allievi e allieve (5.000 metri, 5 giri su percorso omologato Fidal da 1.000 metri). Per le gare del settore assoluto il ritrovo è invece previsto, sempre in Piazza Borsa, alle 19.30. La gara master maschile e quella femminile per tutte le categorie scatterà alle 20.30 e si svilupperà su un totale di circa 9,9 km (tre giri grandi di lunghezza variabile da 3 a 3,5 km). La gara femminile ad invito – novità dell’edizione 2019 – scatterà alle 21.45 e sarà sulla distanza di 5 km. La gara maschile ad invito partirà invece alle 22.10 e sarà sulla distanza di 10 km.

 

LATTEBUSCHE PER CORRERE CON PIÙ GUSTO – Sorbetti, yogurt, gelati.

La serata della Corritreviso sarà resa più gustosa dai prodotti Lattebusche, storico partner dell’evento di Piazza dei Signori. I partecipanti allaCorritreviso potranno degustare le prelibatezze di Lattebusche nell’esclusivo corner creato subito dopo l’arrivo, inPiazzetta Aldo MoroAttiva dal 1954 nel settore lattiero caseario, Lattebusche lavora giornalmente oltre 3.600 ettolitri di latte che danno vita ad un’ampia gamma di prodotti; dal latte fresco Alta Qualità allo yogurt, al gelato, fino ai formaggi, sia freschi che stagionati.

 

PINARELLO FA PEDALARE IL GRUPPO PIU’ NUMEROSO

Alla Corritreviso – Trofeo Lattebusche c’è chi arriverà al traguardo correndo e se ne andrà a casa pedalando. La società Fidal con il maggior numero di iscrittinelle categorie juniores, promesse, seniores e master si aggiudicherà infatti una splendida bici realizzata daPinarello, azienda trevigiana di prestigio da sempre vicina all’evento. Un motivo in più per presentarsi alla Corritreviso in forze: più il gruppo è numeroso e più facile sarà vincere la bicicletta.

 

TANTI PREMI IN ROSA FIRMATI GIOIELLERIA MINOTTO

Le migliori atlete della 30^ Corritreviso – Trofeo Lattebusche, dopo la gara, potranno passare… in gioielleria. Le prime tre classificate a livello assoluto e levincitrici di ogni categoria Fidal riceveranno infatti un buono-spesa che potranno utilizzare per i loro acquisti nell’elegante Gioielleria Minotto di Postioma di Paese (Treviso).  Corritreviso, insomma, si colorerà anche di rosa!

La grande classica di Piazza dei Signori lancia il conto alla rovescia per l’edizione del trentennale. Appuntamento alla serata di venerdì 21 giugno: 10 chilometri per tutti e sipario finale con due gare ad invito per atleti d’alto livello

In principio furono Panetta, Lambruschini, Di Napoli. E poi ancora Pertile, Ejjafini, Genovese. La storia della Corritreviso, in trent’anni, ha attraversato epoche gloriose del mezzofondo e fondo azzurro. Un passato che non torna, ma la grande classica del capoluogo della Marca è ancora lì. Un monumento tra i monumenti.

 

 

L’appuntamento con l’edizione numero 30 è per venerdì 21 giugno. Di sera, sotto le stelle, nel primo giorno d’estate. Scenario di partenza e d’arrivo, la centralissima Piazza dei Signori. Si corre molto in riva al Sile, ma solo la Corritreviso va a collocarsi, da sempre, nel “salotto buono” della città.

Il programma della serata prevede, in apertura, la passerella della gare giovanili, valide per l’assegnazione dei titoli regionali individuali Fidal. Alla società con il maggior numero di iscritti andrà anche il prestigioso Trofeo Lattebusche.

A seguire, con partenza alle 20.30, la gara aperta agli appassionati di livello amatoriale e assoluto. Si correrà sulla distanza di 10 chilometri, toccando gli angoli più belli del centro storico: da Piazza dei Signori a San Leonardo, da Santa Maria Maggiore al Lungosile, da Corso del Popolo a Piazza Duomo, da via Roggia a via Calmaggiore, il cuore per eccellenza dello “struscio” cittadino, che ricondurrà gli atleti in Piazza dei Signori.

 

L’anno scorso, la Corritreviso ha introdotto una gara maschile ad invito per l’atleti élite, a chiudere la serata. Un grande spettacolo, che ha incoronato l’azzurro Eyob Ghebrehiwet Faniel, poi protagonista di una stagione da incorniciare (oro a squadre nella maratona degli Europei di Berlino, argento ai Giochi del Mediterraneo sulla mezza distanza).

La novità è piaciuta, e per quest’anno la Corritreviso ha previsto un raddoppio, introducendo una gara élite ad invito anche per il settore femminile. Le donne del settore assoluto si sfideranno così sulla distanza di 5 chilometri, gli uomini sulla distanza doppia. In entrambi i casi, per dare regolarità statistica alla prestazioni cronometriche, si correrà su un percorso omologato Fidal. Lo sviluppo, per le due gare élite, sarà di 1 chilometro. Spettacolo, insomma, garantito, grazie ai ripetuti passaggi.

 

La quota di partecipazione alla Corritreviso è di 12 euro (che diventeranno 15 a partire dal 1° giugno). Tariffa agevolata (10 euro) anche per le società che iscriveranno almeno 15 atleti. Per tutti, in omaggio, una esclusiva canotta in materiale tecnico e una splendida medaglia che rimarranno a ricordo di una serata da non perdere. Trent’anni sono un bel traguardo. Peccato mancare, davvero. Per ulteriori info:www.corritreviso.it.

 

Photo credit: Roberta Radini

Inizia il conto alla rovescia per l’evento al femminile organizzato da Trevisatletica e Corritreviso in partnership con la LILT. Dopo il rinvio del 5 maggio per il maltempo, questa volta si corre. Due percorsi (5 e 8 chilometri) e ben 17.543 iscritte per colorare di rosa la città. Partenza alle 9.30 da Piazzale Burchiellati.

 

Quattro generazioni accomunate dalla voglia di esserci. Treviso in rosa è anche l’entusiasmo di Giuseppina (classe 1943), Stefania (1962), Chiara (1994) e Benedetta (2018). Rispettivamente bisnonna, nonna, mamma e figlia. Arriveranno da Vedelago, insieme ad Adele, sorella di Chiara.

E poi c’è nonna Anna, di Treviso, classe 1923, che guida il drappello di una ventina di ultraottantenni. Treviso in rosa è questo, e molto altro ancora.

 

La manifestazione si svolgerà domani, domenica 19 maggio, con partenza alle 9.30 da Piazzale Burchiellati. La data originaria di Treviso in rosa era il 5 maggio, ma poi l’evento è stato spostato di due settimane a causa del maltempo.

Anche domani, per la verità, non è previsto sole. Ma la rassegna, a questo punto, si svolgerà ugualmente.

 

Organizzata dalle società sportive Trevisatletica e Corritreviso, in partnership con la sezione trevigiana della LILT, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, Treviso in rosa ha aumentato di un altro 10% le adesioni rispetto all’edizione 2018, raggiungendo la cifra record di 17.543 iscritte.

 

Treviso in rosa si conferma così tra le corse al femminile più partecipate dItalia. La prima in assoluto, considerando le ridotte dimensioni della città che la ospita. Treviso in rosa avrà anche un fine solidale: su proposta della LILT, grazie a Treviso in rosa, sarà acquistato un pulmino attrezzato da destinare al trasporto dei malati oncologici. #IlBellodelleDonne – slogan dell’edizione 2019 di Treviso in rosa – è anche questo.

I NUMERI – L’edizione 2019 di Treviso in rosa ha numeri da brivido: le iscritte, come detto, sono esattamente 17.543, numero definitivo, perché le adesioni all’evento sono chiuse ufficialmente da domenica 28 aprile. Una settimana dopo il previsto, per cercare di accontentare il più alto numero possibile di richieste. Nell’edizione inaugurale del 2015, organizzata in occasione di una tappa del Giro d’Italia, le iscritte erano 1.600: in cinque edizioni, le partecipanti a Treviso in rosa sono più che decuplicate.

 

Mentre la crescita rispetto all’anno scorso (16.314 iscritte), in percentuale, sfiora il 10%. Le donne di Treviso in rosa arrivano da 15 regioni e 37 province. Treviso in rosa non ha classifiche, perché lo spirito dell’evento non è quello di stimolare l’agonismo, ma di promuovere una festa.

 

L’unica graduatoria riguarderà i gruppi più numerosi. E i gruppi sono davvero tanti: ben 205, 12 in più rispetto all’anno scorso. Si sono iscritte palestre, gruppi aziendali, corsa di yoga, pilates e zumba.

 

Persino alcune scuole, come l’istituto Duca degli Abruzzi di Treviso, che ha presentato una richiesta di partecipazione per studentesse e per il personale della scuola. C’è chi a Treviso festeggerà l’addio al nubilato. E chi ne approfitterà per ritrovare le vecchie compagne di scuola. Treviso in rosa sarà anche una corsa tra i ricordi

DI CORSA CON I PATTINI – A Treviso in rosa, anche quest’anno, parteciperà un gruppo di donne con i pattini. Sono le ragazze dello Sporting Treviso, una delle pochissime società trevigiane a praticare il pattinaggio in linea. Sono una trentina, partiranno qualche minuto prima di podiste e camminatrici. E, nell’occasione, lasceranno tutte a casa il cronometro.

PERCORSI – La partenza di Treviso in rosa avverrà alle 9.30 da Piazzale Burchiellati. Lo start sarà unico e le partecipanti potranno scegliere in libertà se affrontare il percorso corto da 5 chilometri o quello lungo da 8 chilometri. Entrambi i tracciati si svilupperanno interamente all’interno del perimetro cittadino, toccando gli angoli più suggestivi del centro storico. L’ultimo tratto, per tutte le partecipanti a Treviso in rosa, sarà sopra le mura. Traguardo in prossimità di Varco Manzoni. Da qui, le partecipanti a Treviso in rosa confluiranno in Piazzale Burchiellati, dove sarà posizionato l’ampio ristoro finale e la festa proseguirà tra gli stand dell’area espositiva.

È QUI LA FESTA – In Piazzale Burchiellati, una vota conclusa la corsa, inizierà la festa con i deejay diRadio Company, media partner radiofonico ufficiale di Treviso in rosa. In consolle Leo, alias Leonardo Feltrin, e Gianluca Pacini. Due celebri “voci” del palinsesto di Radio Company. Divertimento assicurato.

CONTO ALLA  ROVESCIA – La distribuzione dei pacchi gara alle partecipanti a Treviso in rosa proseguirà oggi, al Bhr Treviso Hotel (via Postumia Castellana 2, Quinto di Treviso), tradizionale quartier generale dell’evento. La distribuzione inizierà alle 9 e andrà avanti sino alle 12. Per le ritardatarie sarà possibile ritirare maglietta e pettorale anche domani, in zona partenza, sino alle 9.

ABOUT TREVISO IN ROSA

La prima edizione di Treviso in rosa si è svolta il 17 maggio 2015 su iniziativa di due società sportive della città, Trevisatletica e Asd Corritreviso, che hanno pensato di organizzare un evento, esclusivamente dedicato alla donne, che facesse da preludio al passaggio in città della Corsa Rosa per eccellenza, il Giro d’Italia. La manifestazione nacque in meno di un mese, e fu subito un successo. Tanto che gli organizzatori l’hanno subito trasformata in un appuntamento fisso. La seconda edizione di Treviso in rosa si è disputata nel 2016 e ha coinvolto oltre 4.500 donne, il doppio dell’anno precedente. La terza, nel 2017, ha superato le 11.000 partecipanti.

 

È stato però nel 2018 che Treviso in rosa ha fatto davvero boom: il 6 maggio dell’anno scorso, oltre 16 mila donne (16.314, per la precisione) si sono presentate ai nastri di partenza della corsa, che si è così ritagliata un posto tra lepiù partecipare kermesse in rosa d’Italia.  La prossima edizione di Treviso in rosa – la quinta – si svolgerà il 5 maggio 2019. Tra i partner, anche quest’anno, la sezione trevigiana della Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori. A Treviso chi corre rosa, corre solidale.

Per ulteriori informazioni: www.trevisoinrosa.it.

Treviso si colora di rosa. Dopo il grande successo dell’anno scorso, quando le partecipanti furono oltre 16mila, domenica 5 maggio torna la Treviso in rosa, la grande manifestazione a passo libero dedicata a tutte le donne.

 

Anche quest’anno, si riconferma il sostegno della sezione trevigiana della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori), pronta a colorare di rosa la città.

 

Un evento da record per colorare insieme la città

Treviso in rosa toccherà gli angoli più suggestivi del capoluogo della Marca: da Piazza Duomo a Piazza dei Signori, da Piazza San Leonardo al Lungosile. L’ultima parte del percorso sarà interamente sulle antiche Mura, mentre l’ampio Piazzale Burchiellati accoglierà la grande festa finale.

Due le distanze: 5 e 8 chilometri. Potrete correre o camminare. Vi aspettiamo da sole o in gruppo. L’anno scorso eravate in tantissime e, grazie al vostro entusiasmo, Treviso in rosa è diventata una delle manifestazioni al femminile più partecipate d’Italia.

 

Di corsa o camminando, sarà una festa davvero per tutte

Treviso in rosa è organizzata da due società sportive: Trevisatletica e Corritreviso.

Non è una gara, è un modo di diverso per stare insieme. La partecipazione è aperta a tutte le donne, indipendentemente dall’età, senza obbligo di certificato medico e di tesseramento sportivo.

Ciascuna potrà interpretare Treviso in rosa a proprio piacimento. O di corsa o semplicemente camminando.

 

T-shirt, zainetto e pettorale con il nome

Tutte le partecipanti alla Treviso in rosa riceveranno una splendida t-shirt in tessuto tecnico, ovviamente di colore rosa, un esclusivo zainetto e altre sorprese.

Per saperne di più e prenotare subito il pettorale, che sarà personalizzato con il proprio nome, si consiglia di visitare il sito. Come sempre: vince chi c’è!

La grande classica di Piazza dei Signori lancia il conto alla rovescia per l’edizione del trentennale: cambia la data per evitare la concomitanza con la tappa del Giro d’Italia       

 

Trent’anni sono un bel traguardo. A maggior ragione, se a festeggiarli è un evento sportivo che ha scritto la storia del podismo di Marca.

 

La Corritreviso ha lanciato il conto alla rovescia in vista dell’edizione 2019, quella del trentennale appunto.

 

La bella cornice del ristorante pizzeria Calicò, in viale della Repubblica, ha accolto, mercoledì sera, gli atleti del running team che hanno ricevuto le nuove divise di gara.

 

Presente anche Leandro Girotto, il “parrucchiere volante”, fresco del titolo veneto master di maratona, conquistato a Verona, e già proiettato verso il prossimo appuntamento sui 42 chilometri (Reggio Emilia, il 9 dicembre).

 

La presentazione della squadra, con l’intervento anche del presidente del Comitato provinciale della Fidal, Oddone Tubia, è stata l’occasione per lanciare il conto alla rovescia in vista della prossima edizione della Corritreviso.

 

Con una novità: la classica kermesse cittadina sui 10 chilometri, nel 2019, si svolgerà il 21 giugno. Sempre un venerdì, sempre di sera, sempre in centro storico. Ma tre settimane dopo la data che aveva caratterizzato l’edizione 2018.

 

“Ci spostiamo nuovamente a fine mese. Venerdì 31 maggio, che era la data inizialmente prescelta, arriva in città il Giro d’Italia. Non avevamo alternative. Stiamo preparando un’edizione con tante novità: 30 anni sono un traguardo importante”, ha detto il presidente dell’Asd Corritreviso, Enrico Caldato.

 

Non senza ricordare che la società, in partnership con Trevisatletica, la prossima primavera sarà anche impegnata nell’organizzazione di Treviso in rosa, l’importante rassegna al femminile che nel 2018 ha superato le 16 mila iscritte e per l’anno venturo pensa ancora più in grande.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni