AmbienteEracleaJesoloLe eccellenzeSlide-main

Laguna del Mort: gioiello da sorvegliare

2 minuti di lettura

La collaborazione tra i Comuni di Jesolo ed Eraclea, con i privati e le associazioni di volontariato, è stata rinnovata e sono stati già avviati i controlli. In corso anche lo sviluppo di un regolamento d’uso

Caorle, Jesolo – Una spiaggia ancora più pulita e ordinata, è quello che assicurano i due Comuni “titolari” di un gioiello chiamato Laguna del Mort. Sono così riprese in questi giorni le attività di vigilanza congiunta nell’area, coordinate dai Comuni di Jesolo ed Eraclea che vedono la collaborazione di privati e associazioni di volontariato.

Come l’anno scorso, i controlli coinvolgeranno anche gli agenti di Polizia locale dei due territori, gli addetti di Jesolo Patrimonio e i componenti dell’associazione nazionale carabinieri. Le attività riguarderanno sia le aree private sia quelle pubbliche. Avranno l’obiettivo di preservare il decoro di una zona considerata ambito a elevata valenza paesaggistica e naturalistica, tutelata nella Rete Natura 2000.

Inoltre, l’area è oggetto di attenzione a livello regionale nell’ambito del progetto Life Redune, prevenendo e contrastando violazioni, abbandono di rifiuti e la costruzione di strutture abusive.

I controlli

Il nuovo programma di controlli è stato definito dalle due amministrazioni in seguito alle azioni messe in campo nel 2023. Queste hanno consentito di tutelare l’intera area, prevenendo abusi. Sono inoltre stati ripuliti diversi punti, con l’intervento di Jesolo Patrimonio e rimosse alcune baracche costruite con pali e teli. Nel contempo è in corso lo sviluppo di un regolamento d’uso delle aree teso a preservare, mediante regole precise, il valore ambientale del sito.

Laguna del Mort: gioiello da sorvegliare

“L’attività congiunta messa in campo l’anno scorso ha permesso di prevenire violazioni e tutelare il decoro, ma anche di intervenire per tempo rispetto ad alcune specifiche criticità – dichiara il sindaco di Jesolo, Christofer De Zotti – È importante proseguire in maniera condivisa. Da un lato per il bene di un’area dall’elevato valore ambientale e paesaggistico, dall’altro per sviluppare un sistema che consenta a tutti di goderne in maniera consapevole e libera”.

“La collaborazione con il Comune di Jesolo e con i proprietari delle aree private è fondamentale per poter preservare un’area di alto valore ambientale e inserita in un contesto così particolare – commenta il sindaco di Eraclea, Nadia Zanchin – e la messa in campo anche quest’anno di una vigilanza che vede coinvolta la polizia locale di entrambi i territori  oltre ai volontari, permette un maggiore controllo delle aree anche dal punto di vista dell’abbandono dei rifiuti”.

Articoli correlati
ItaliaOlimpiadi Parigi 2024Slide-mainSport

Gli azzurri pronti per Parigi

2 minuti di lettura
Ottime prove degli azzurri in vista dei Giochi Olimpici di Parigi 2024. Vince Jacobs a Rieti, Desalu fa il secondo tempo della…
Slide-mainVenezia

L'ex Manifattura Tabacchi di Venezia lascia spazio al Ministero della Giustizia

2 minuti di lettura
Avanzano i lavori dei lotti 2 e 3, che dovrebbero concludersi rispettivamente in autunno e in primavera. L’investimento totale ammonta a 150…
IstruzioneSlide-mainTreviso

Nuovo Campus Ca' Foscari a Treviso

1 minuti di lettura
Un investimento che guarda ai giovani e al futuro TREVISO – Ca’ Foscari espande la sua presenza a Treviso. Oltre ai padiglioni…