ArteItaliaStoria e Archeologia

Dipingendo Cavalcaselle, di tersa mano

2 minuti di lettura

A cura di Francesca Barbi Marinetti

ROMA – Si è recentemente inaugurata a Roma nella prestigiosa “location” di Palazzo Altemps, sede del Museo Nazionale Romano, la mostra di Corrado Veneziano di 24 dipinti con cui l’artista si è impegnato a tenere insieme la sua ricerca più autenticamente contemporanea sulle indagini rivoluzionarie effettuate nella seconda metà dell’Ottocento da Giovanni Battista Cavalcaselle, tutte rivolte all’arte medievale e rinascimentale italiana.

Cavalcaselle fu uno degli studiosi più originali e affascinanti della storia dell’arte italiana, vissuto tra il 1819 e il 1897, fu un intellettuale poliedrico ed un patriota autentico: lottò infatti per l’indipendenza italiana nel periodo risorgimentale e patì l’esilio, ma dopo l’Unità d’Italia divenne dirigente del primo Ministero della Cultura post unitario.

Qui, continuando con la sua vocazione artistica, perseguì una linea “investigativa” effettuando una serie di studi sistematici delle opere d’arte italiane ed europee, per riuscire a stabilire con certezza chi ne fosse veramente l’autore.

Per decidere, se un quadro fosse italiano o fosse di Giovanni Bellini e non di Giorgione, di Piero della Francesca e non di Von Eyck, Cavalcaselle studiava i colori, la qualità della tela, lo stile, spostandosi instancabilmente per l’Italia e per l’Europa,  spesso entrava nei magazzini dei mercanti, nei musei civici, nelle chiese, persino nelle cantine, dove rinveniva capolavori ignorati o sconosciuti.

Autentificava dipinti fino ad allora attribuiti ad altri autori.

Riversava le sue intuizioni e il progredire dei suoi studi nei famosi “Taccuini da viaggio”, che riempiva anche di schizzi, disegni di volti, dettagli, deduzioni e dubbi delle sue scoperte.

Le sue intuizioni fecero scuola, sua è infatti la prima “Storia dell’Arte italiana” scritta con l’inglese Joseph Archer Crowe.

Cavalcaselle ebbe il merito di riuscire con i suoi studi scientifici a scoprire molte delle falsificazioni della storia e dell’arte pregresse.

È un modo, quello di Corrado Veneziano, di render giustizia con questa mostra ad un intellettuale ingiustamente dimenticato, del quale ha studiato e reinterpretato gli schizzi e i taccuini.

La mostra di Corrado Veneziano, ha osservato il direttore del Museo Nazionale Romano, Stèphane Verger, è un unicum perché il lavoro pittorico accompagna e riflette il lavoro di studio e di ricerca di Cavalcaselle, il geniale autore  veneto, che a buon diritto può esser considerato uno dei padri fondatori della moderna critica d’arte, capace di riproporre interpretazioni innovative nella storia dell’arte italiana. Il presidente della Commissione Cultura, Federico Mollicone ha detto all’inaugurazione: “Lodevole l’iniziativa di Veneziano di riproporre i taccuini di viaggio di Cavalcaselle e di aver creato un percorso che coinvolge molti artisti dell’Italia rinascimentale e contemporanea”. La mostra, assai coinvolgente per quella mescolanza ad un tempo sacrale e scientifica, spirituale e laica, è stata inaugurata il 19 giugno scorso e si protrarrà fino al 28 luglio 2024 a Palazzo Altemps a Roma.

Crediti fotografici: Giovanni Battista Cavalcaselle: l’uomo che ridisegnava i quadri – Artevitae

Articoli correlati
ItaliaSlide-mainSportVideo

A 90 minuti da EURO2025

3 minuti di lettura
L’Italia di Soncin pareggia 0-0 in Olanda. Ora si giocherà la qualificazione diretta a Euro 2025 nell’ultima partita con la Finlandia SITTARD…
Economia&LavoroItaliaSlide-mainVeneto

Il Veneto rinforza la sua presenza in Federmeccanica

2 minuti di lettura
La recente elezione di sette rappresentanti veneti nel Consiglio Generale per il biennio 2024-2026 rafforza ulteriormente la presenza veneta in un settore…
AttualitàItaliaNewsSlide-mainSocialeTutela del Cittadino

Il trading online non è un videogioco

1 minuti di lettura
L’associazione Codici ha diffuso un comunicato per richiamare l’attenzione sui rischi del trading online, evidenziando le recenti preoccupazioni espresse dalla Consob L’associazione…