ItaliaLe eccellenze

Caffo propheta in patria

3 minuti di lettura

La prima edizione di Spirito Mediterraneo mette in evidenza la “calabresità” delle specialità Caffo

Fuscaldo (CS) – Caffo propheta in patria. Parafrasando la locuzione latina Nemo propheta in patria, Caffo è il simbolo del successo degli amari calabresi.  Con Vecchio Amaro del Capo, Caffo detiene una quota di mercato del 37,7%*. I Caffo sono stati i primi a dare risalto alle botaniche della bella regione Calabria, trasformandole in amaro (su questa scia si sono inseriti anche altri che, insieme, raggiungono il 3,5%* di quote di mercato).

Grazie a chi, come la famiglia Caffo, ha sempre creduto e investito nel territorio e sul valore delle tradizioni, creando prodotti emblema della regione come Vecchio Amaro del Capo, la Calabria sta emergendo come autorevole voce in campo enogastronomico. Lo “spettacolare ghiacciato” può essere definito il precursore degli amari calabresi, dando vita, di fatto, a una tipologia di amari. Il suo successo è tanto, da aver creato anche il fenomeno dei finti calabresi, amari che sfruttano il brand Calabria ma che sono, in realtà, prodotti al di fuori di questa regione.

Amaro del Capo, invece, è l’amaro figlio prediletto della Calabria, proprio perché prodotto nell’antica Distilleria F.lli Caffo, dove vengono fatte le infusioni e le particolari distillazioni che caratterizzano il prodotto unico nel suo genere. Non è solo l’origine a fare la differenza. Le materie prime sono importanti come il know-how e quattro generazioni in questo campo fanno la differenza come dimostrano i risultati.

Nella bottiglia di Vecchio Amaro del Capo – oltre alle 29 erbe, radici, piante e fiori raccolte in stagione a chilometro zero, distillate ancora fresche nell’antica Distilleria F.lli Caffo – c’è tutto il gusto unico di un prodotto creato dal saper-fare artigianale che segue un’antica ricetta messa a punto dalla famiglia Caffo. Calabresi sono gli ingredienti, la ricetta, i distillatori, la distilleria che lo produce e lo imbottiglia: Vecchio Amaro del Capo è 100% calabrese.

Qualche giorno fa in Calabria, nel bellissimo borgo di Fuscaldo, in provincia di Cosenza, la manifestazione dedicata ai liquori calabresi – Spirito Mediterraneo – ha insignito Caffo del premio ‘Spirito Imprenditoriale Mediterraneo’. Un riconoscimento che sottolinea la capacità dell’azienda e della famiglia di valorizzare le eccellenze del territorio in loco, in Italia e all’estero.


La soddisfazione

Sottolinea Nuccio Caffo: “Vogliamo che i calabresi siano orgogliosi di questo successo e diventino essi stessi testimonial del bello e del buono della Calabria con Amaro del Capo. All’inizio, la nostra produzione di poche bottiglie era venduta tra Capo Vaticano e Tropea, le due località che negli anni Settanta hanno fatto da vetrina al nostro amaro. Sono stati i primi turisti in vacanza ad acquistarle e a portarle in giro in l’Italia. Le nostre radici sono in Calabria, terra che non abbiamo mai lasciato e che è casa nostra. Sentiamo di dover contribuire a valorizzarla e allo stesso tempo, vogliamo celebrare le origini e l’identità forte di Vecchio Amaro del Capo diventato negli anni, icona e simbolo internazionale di questa regione”.

Storia, territorio e gente: un vissuto che si ripete anche con Elisir S.Marzano Borsci, oggi espressione dello spirito della Puglia, perché il suo gusto fedele all’antica ricetta è entrato a far parte del patrimonio enogastronomico del territorio. Un valore unico se non irripetibile; non ci sono altri spirits che possono vantare un così forte legame, tanto che l’evento Spirito Mediterraneo lo ha riconosciuto con il premio SpiritoArbëreshë Mediterraneo, dedicato all’iconico Elisir S.Marzano Borsci.

Prosegue Nuccio Caffo: “Quando si racconta la storia di Elisir S.Marzano Borsci si racconta anche la storia della Puglia, terra di grande cultura e di grande cuore. Borsci è il riflesso della tradizione Arbëreshë che appartiene alla minoranza etno-linguistica di una cinquantina di territori trapiantati in Italia dall’Albania, tra cui il tarantino San Marzano di San Giuseppe. Le radici e la famiglia sono un tratto marcato del prodotto assolutamente vero e tangibile, tanto che in azienda lavora la quinta generazione discendente di Giuseppe Borsci”.

Il Mediterraneo, di cui oggi ricorre la Giornata Mondiale, è stato culla di grandi civiltà e, oggi, è posssibile restare in contatto con quelle profonde radici anche attraverso i prodotti locali come gli spirits Caffo, espressione vera del legame con la terra, identici per origine, unici e inimitabili nel gusto.


*Fonte Cicana dati a volume relativi all’anno 2023

Articoli correlati
ItaliaSlide-mainSportVideo

A 90 minuti da EURO2025

3 minuti di lettura
L’Italia di Soncin pareggia 0-0 in Olanda. Ora si giocherà la qualificazione diretta a Euro 2025 nell’ultima partita con la Finlandia SITTARD…
Economia&LavoroItaliaSlide-mainVeneto

Il Veneto rinforza la sua presenza in Federmeccanica

2 minuti di lettura
La recente elezione di sette rappresentanti veneti nel Consiglio Generale per il biennio 2024-2026 rafforza ulteriormente la presenza veneta in un settore…
AttualitàItaliaNewsSlide-mainSocialeTutela del Cittadino

Il trading online non è un videogioco

1 minuti di lettura
L’associazione Codici ha diffuso un comunicato per richiamare l’attenzione sui rischi del trading online, evidenziando le recenti preoccupazioni espresse dalla Consob L’associazione…