NewsVeneto

50 anni di sacerdozio e non sentirli

1 minuti di lettura

Don Gino Cia, Don Paolo Manea e Don Giuseppe Menzato sono i tre illustri ospiti della serata, organizzata da Ascom-Confcommercio Oderzo-Motta di Livenza.

Il prossimo giovedì 11 aprile, l’auditorium della sede Ascom-Confcommercio Oderzo-Motta di Livenza in via Spinè 10 ospiterà l’evento: una serata dedicata a celebrare i 50 anni di sacerdozio di tre illustri figure della comunità opitergina. Don Gino Cia, Don Paolo Manea e Don Giuseppe Menzato saranno i protagonisti di questa serata, organizzata da Ascom-Confcommercio Oderzo-Motta di Livenza.

Ad aprire l’evento sarà il presidente dell’Ascom opitergina, Rino Rinaldin, accompagnato dalla presidente dell’Unione provinciale Confcommercio, Dania Sartorato. Numerosi rappresentanti delle associazioni, della scuola, del Collegio Brandolini Rota e delle istituzioni locali saranno presenti per omaggiare e ringraziare questi tre sacerdoti che hanno dedicato la loro vita al servizio della comunità.

Don Gino Cia, Don Paolo Manea e Don Giuseppe Menzato non sono solo sacerdoti di lungo corso, ma sono anche docenti di grande esperienza, pilastri della Congregazione dei Giuseppini e del Collegio Brandolini Rota. Il loro impegno costante e la loro passione nell’educare e formare giovani generazioni di opitergini li rendono figure di riferimento imprescindibili per la comunità locale.

Il presidente Rino Rinaldin sottolinea l’importanza di questo evento e la coincidenza particolare di celebrare i 50 anni di sacerdozio dei tre illustri sacerdoti – “ci ha colpito. Sono un esempio di dedizione, competenza e servizio per tutta la comunità, per i giovani, i cittadini, le imprese. La loro storia è importante e per questo intendiamo raccontarla. In tempi di carenza di vocazioni, di incertezze, di sfiducia e di disagio sociale intendiamo portare messaggi positivi e rassicuranti”.

La serata non sarà solo un’occasione per celebrare l’importante traguardo dei 50 anni di sacerdozio dei tre religiosi, ma anche per riflettere sull’evoluzione del Collegio Brandolini-Rota. Quest’istituzione solida ha saputo adeguarsi al cambiamento dei tempi e alle esigenze delle nuove generazioni, integrando l’offerta formativa con progetti di inclusività, sostenibilità e innovazione.

La serata sarà moderata da Umberto Perisinotto, vicesindaco a Motta, e prevede un ingresso libero fino a esaurimento posti. È possibile ottenere maggiori informazioni contattando il numero 0422712882.

Articoli correlati
#instacultArteAttualitàBlogCulturaNewsSlide-main

L' “Arte del Vedere“ al Museo Nazionale Collezione Salce

2 minuti di lettura
Con la collaborazione di Punti di Vista, da sabato 18 maggio a domenica 6 ottobre, il Museo Nazionale Collezione Salce organizza la…
Slide-mainSportVeneto

Veneto terra di ciclismo

3 minuti di lettura
Alla vigilia del passaggio del Giro d’Italia, la fotografia della stagione è più che rosea. Diverse sono infatti le corse in programma…
Città Metropolitana di VeneziaCulturaSlide-mainVeneto

Veneto Stars

2 minuti di lettura
La seconda edizione di VeneTo Stars ha raggiunto un grande successo, attirando giovani innovatori da Italia, Francia e Repubblica Ceca per sviluppare…