Slide-main

Uccise il figlio, niente ergastolo perchè adottivo

1 minuti di lettura

UDINE – Ha ucciso il figlio, ma essendo “solo” adottivonon può essere condannato all’ergastolo.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione accogliendo il ricorso di Andrei Talpis, 57 anni, originario della Moldova, che in provincia di udine, la notte del 26 novembre 2013, pugnalò mortalmente il figliastro che era stato formalmente adottato dalla coppia in Moldavia.

Tra l’uomo e la vittima non esisteva quindi un rapporto di consanguineità. Sul piano civile, vale la parificazione di status con i figli legittimi operata dalla legge. Secondo il Codice Penale, invece, la distinzione è importante ed esclude  l’aggravante del carcere a vita.

La Corte di Cassazione ha disposto la trasmissione degli atti alla Corte d’Assise d’appello di Venezia per la quantificazione della pena, prescrivendo che non scenda sotto i 16 anni di reclusione.

Riccardo Rocchesso

Articoli correlati
Arte, Cultura, Storia e ArcheologiaItalia MondoSlide-mainVideo

27 Settembre, in Etiopia si festeggia il "Meskel” (VIDEO)

4 minuti di lettura
Prosegue la nuova rubrica “Arte, Cultura, Storia e Archeologia” curata da Carlo Franchini. Un viaggio alla scoperta delle bellezza, delle curiosità, del…
SaluteScienzaSlide-mainVeneto

L’ateneo di Verona stila la lista dei batteri più pericolosi per la salute

1 minuti di lettura
La sezione di Malattie infettive è a capo dello studio promosso dall’Oms sull’antibiotico-resistenza. L’incremento della mortalità causata da malattie infettive e il…
AmbienteItalia MondoSlide-main

Oltre il 2% delle emissioni globali di gas serra sono causate da fertilizzanti sintetici

2 minuti di lettura
Lo studio internazionale condotto dal team di ricerca dell’Università di Torino, dell’Università di Exeter e di Greenpeace. I fertilizzanti azotati sintetici sono…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!