CAROAMICOVORREIDIRTICHE

Gabriele, il Grinch del Natale

2 minuti di lettura

Un breve appunto a fine festività perché non potevamo intristire qualcuno!

Gabriele è il Grinch del Natale, ma anche delle vacanze pasquali ed estive, insomma di tutto quello che lo devia da ciò che lui definisce il suo quotidiano.

E penso che se non fosse autistico…beh sarebbe lo stesso un Grinch!

**********************************************

Niente non amo il Natale.

Le luci, gli addobbi, le musiche che ovunque si sentono, quest’ aria di festa…nemmeno i regali.

Rivoglio il mio quotidiano paesaggio, mi stravolge l’ idea che per più di un mese tutto cambierà.

Il mio cuore batte forte, una gran confusione nella testa, mi distrae tutto questo chiassare.

CARO GABRI COSA DESIDERI PER NATALE?

Che le vacanze finiscano presto!

*********************************************************************

Gabriele è un ragazzo autistico. La sua sensorialità ha sempre impedito qualsiasi relazione con il mondo. Ha da sempre avuto bisogno di giornate cadenzate da sicuri atti quotidiani.

I cambiamenti soprattutto se prolungati, invadenti e imprevedibili scatenano una serie di comportamenti che rasentano l’inimmaginabile per una mente non preparata.

Il Natale è un tale sconvolgimento della sua routine, dei suoi spazi, per i suoi sensi da non risultare accettabile.

E allora che si fa?

Niente canzoncine natalizie, niente regali sotto l’albero, niente omini di neve finta per casa.

Babbo Natale???

Noo per carità! Tutto ciò che ha sembianze umane ma non è persona reale è da abbattere!

Insomma il Natale con Gabri è un Natale divergente.

Hai voglia di spiegargli la festa, il tempo che passa e che tutto si monta ma poi anche si smonta…..

Col tempo, crescendo, sta imparando cos’è la resilienza.

Resisto   ai suoni, alle luci, a tutta questa bontà che si riversa per le strade, a tutto questo zucchero che si infila in ogni pertugio.

E quindi…..

Buone Feste a te e a tutta la tua famiglia.

Siate sereni, che tra poco finisce tutto.

******************************************************

Caro amico vorrei dirti che…

anche quest’ anno il natale è trascorso.

Che non sto parlando del suo pieno significato, la Nascita di Cristo dev’essere viva sempre in noi!

Io parlo del natale di canzoncine sempre uguali ed irritanti, odori, luci.

E i regali, che ansia , che agitazione insopportabile.

Anche se con la mia famiglia festeggio a casa, l’aria diversa si sente.

Ed è più forte di me mi devo staccare, lasciatemi  solo, la confusione mi pervade.

Il Natale è finito. Mi spiace, sono esausto.

Ed infine le ultime battute:

Tutto questo spirito natalizio obbliga a fare auguri a finalità superconvenienti!

Signore e signori ecco a voi….. il Grinch!

Articoli correlati
CAROAMICOVORREIDIRTICHESlide-main

Un grande amore

3 minuti di lettura
Assente giustificata! Da un bel po’ che non scrivo, non perché non abbia nulla da condividere, anzi, troppo. Tante cose si susseguono…
CAROAMICOVORREIDIRTICHESlide-main

La vacanza secondo Gabriele

3 minuti di lettura
Un breve riassunto di 10 anni di non vita vacanziera che abbiamo imparato ad accettare con la filosofia casereccia che ci contraddistingue,…
CAROAMICOVORREIDIRTICHESlide-main

CAROAMICOVORREIDIRTICHE

2 minuti di lettura
In questo mio terzo articolo c’hai messo lo zampino, Gabriele. Nel senso che mi hai detto cosa scrivere. Non me l‘hai suggerito….

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio