Arte

Debora Basei espone a Venezia

2 minuti di lettura

Debora Basei, artista coneglianese, che opera anche a Mogliano nell’Atelier Villa Torni collocato nei laboratori dell’Associazione il Pesco presso l’Istituto Costante Gris, espone a Venezia.

 

L’esposizione dell’artista Debora Basei Dadadebora è intitolata DadaveniceBrindisi dell’Arte e a Venezia” e sarà aperta dal 5/9 al 30/10 presso l’Hotel Savoia e Jolanda Riva degli Schiavoni 4187 Venezia.

 

Dadavenice è un tributo alla splendida Venezia ed a Peggy Guggenheim con una serie di opere dedicate alla grande mecenate delle arti. Dadavenice è un’esposizione di opere da vivere e indossare, un omaggio a Venezia ed a Peggy Guggenheim che amava l’arte alle pareti, ma anche quella da indossare.

 

Con questa collezione di arte da indossare Debora Basei Dadadebora crea un connubio tra le varie forme e dimensioni dell’arte visiva e della creatività percorrendo gli stili, romantico dark classico, a seconda dei concetti e dei materiali utilizzati.

 

La collezione artistica di Dadadebora è una relazione dinamica tra la persona e la collettività in cui la persona agisce, ritrovandosi vicina sia alla corrente dadaista che al filone surrealista. Dinamismo futurista con il superamento della staticità e dalla volontà di mettersi in viaggio con l’uomo nel suo percorso spirituale.

 

Ogni opera della mostra esprime uno o più concetti che fanno parte dell’esistenza umana: il sogno, l’amore, la passione, il dolore. Queste opere sono dedicate a Venezia, città riconosciuta come un’opera d’arte, fonte di emozioni, visioni, tradizioni che vengono da Dadadebora colte e interpretate oltre ogni tradizione.

 

Sono i vari materiali usati, piume vetri carta pizzi e merletti appartenenti alla città, che danno vita ad una reinterpretazione in chiave dada surreale della Venezia che da sempre affascina il mondo.

 

I disegni delle opere sono tutti di parole come ringraziamento a Peggy o al nostro essere che si emoziona guardando Venezia. Un’opera di Dadavenice non è solo una borsa, ma è un’opera d’arte che si stacca dal quadro e viaggia nel mondo della condivisione.

 

Gli accessori delle opere di Debora sono tutti realizzati nell’ambito del Progetto Ricrearti che si avvale del benestare del Museo Peggy Guggenheim. Acquistando un’opera della collezione Dadavenice si sostiene la Fondazione Peggy Guggenheim , la rivista web KritikaOnline, l’Ente Istituto Gris, l’associazione il Pesco, nell’ambito del quale, grazie all’arte, hanno trovato inserimento lavorativo persone senza occupazione stimolate a reinventarsi un mestiere.

Articoli correlati
ArteLifestyleSlide-mainVeneto

Tocatì è ufficialmente Patrimonio Unesco

2 minuti di lettura
“Da Verona a Rabat, ne abbiamo fatta di strada per realizzare questo sogno. Il Tocatì diventa oggi una buona pratica dell’Umanità. Davanti…
22-21-EVENTIArteAttualitàSlide-main

Kiefer e l'arte contemporanea a Palazzo Ducale

1 minuti di lettura
Percorrendo le voluttuose e rispettose scalinate del Palazzo Ducale di Venezia che ci portano con il naso all’insù fino alla magnificenza della…
ArteItalia MondoSlide-main

Natura morta di Morandi venduta all'asta per 3,4 milioni: è record assoluto per un'opera italiana

2 minuti di lettura
Per aggiudicarsi il dipinto 15 minuti di rilanci via telefono partiti dalla cifra di 700mila euro. La Contemporary Art Evening Auction di…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio