Home / Food  / Avocado, è mania

Avocado, è mania

Quante volte aprendo i vostri social media vi è capitato di imbattervi in foto di piatti in cui il vero protagonista era l'avocado? A me tante, anzi, ultimamente sembra essere scoppiata una vera e propria

Quante volte aprendo i vostri social media vi è capitato di imbattervi in foto di piatti in cui il vero protagonista era l’avocado? A me tante, anzi, ultimamente sembra essere scoppiata una vera e propria mania tutta made in U.S.A. Ma cosa rende l’avocado così speciale? Scopriamolo insieme.

 

L’avocado è un frutto originario dell’America centrale e del Messico e viene coltivato in zone con clima tropicale e subtropicale. Il Messico, a partire dal 2014, fornisce il 30% della produzione mondiale di avocado. Esistono vari tipi di avocado, ma in Italia, quelli maggiormente commercializzati, sono i Fuerte (dalla forma più allungata) e gli Hass (dalla forma tondeggiante).
Il frutto contiene alti livelli di vitamine (K ed E), minerali (potassio e sodio), proteine e fibre, nonché alte concentrazioni di acidi grassi insaturi, tutti componenti che apportano benefici alla nostra salute.
In 100 g di avocado possiamo trovare:
167 kcal
• 72 g di acqua
• circa 2 g di proteine
• 15 g di acidi grassi. L’avocado contiene, sul totale di acidi grassi, il 71% di acidi grassi monoinsaturi, il 13% di acidi grassi polinsaturi e solamente il 16% di acidi grassi saturi (i grassi “cattivi”). Con la maturazione del frutto gli acidi grassi saturi diminuiscono e aumentano gli acidi grassi monoinsaturi.
circa 7 g di fibra. La fibra è per il 70% insolubile e per il restante 30% solubile. Quindi, un consumo moderato di avocado può aiutarci a raggiungere un’assunzione adeguata di fibra giornaliera (circa 14 g per 1000 kcal).
0,30 g di zuccheri. Confrontando l’avocado con altri frutti presenti sul commercio esso contiene un quantitativo inferiore di zuccheri.
Il minerale maggiormente presente nella polpa dell’avocado è il potassio (507 mg per 100g), a seguire abbiamo il fosforo, il magnesio e il calcio.
Potassio. Studi clinici suggeriscono che un’adeguata assunzione di potassio possa controllare positivamente la pressione sanguigna negli adulti.
Magnesio. Il magnesio è un minerale coinvolto come co-fattore per molti enzimi coinvolti nel nostro metabolismo e in più aiuta a sostenere il normale tono vascolare.

 

Il frutto presenta anche una notevole e diversificata quantità di vitamine, tra cui:
Vitamina C ed E. L’avocado è uno dei pochi frutti che contiene sia la vitamina C che quella E. Studi effettuati sulla combinazione delle due vitamina hanno dimostrato che esse possono rallentare il processo di progressione aterosclerotica in soggetti che soffrono di ipercolesterolemia.
Vitamina K. La vitamina K è coinvolta nel processo di coagulazione del sangue ed è presente, per 30 g di frutto, 6,3 μg.

 

Studi effettuati su persone che consumavano regolarmente avocado hanno dimostrato che essi mostravano una quantitativo di colesterolo HDL alto e un BMI inferiore ai non consumatori, questo perché l’80% della composizione dell’avocado è composta da acqua e fibra. Inoltre, altri studi, suggeriscono che una dieta in cui si prediligono gli acidi grassi monoinsaturi possa evitare l’accumulo di grasso della zona addominale.
Le parti non commestibili del frutto (buccia e seme) contengono composti fenolici che svolgono il ruolo di antinfiammatori e antiossidanti di interesse per le industrie alimentari, farmaceutiche e cosmetiche.
L’avocado-mania che è scoppiata è quindi salutare, ma, come sempre, il frutto è da consumare in maniera moderata.

Commenta la news

commenti

damari@ilnuovoterraglio.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!