Home / Posts Tagged "tempo libero"

La roulette è uno dei giochi d’azzardo più noti e datati che si possano trovare all’interno dei casinò, reali o virtuali che siano. Le origini della roulette non sono ancora del tutto è chiaro, tuttavia sappiamo con certezza che i primi esemplari apparirono a inizio ‘800, in Francia, come un derivato del gioco italiano conosciuto come “Girella”. Strumento essenziale per giocare è un disco diviso in poco più di 35 settori numerati da 0 in poi, colorati alternativamente di rosso e di nero, a eccezione dello 0 che si presenta in verde. Il disco viene fatto ruotare dal croupier che vi lancia all’interno una pallina, in senso opposto rispetto a quello in cui si muove il disco stesso. Quest’ultimo potrebbe conoscere variazioni nei numeri a seconda della versione di roulette alla quale si sta giocando.

 

Lo scopo del gioco è provare a indovinare su quale numero si fermerà la pallina alla fine del giro. Il senso di rotazione della roulette viene cambiato a giri alternati insieme a quello della pallina. Si tratta di un procedimento molto semplice, ma da anni i giocatori continuano a interrogarsi sulle possibili strategie utili per battere la sfortuna, mentre alcuni studi matematici parlano di basse probabilità di vincita. Dopo un giro, in ogni caso, la pallina riparte dall’ultimo numero vincente o dal suo settore di appartenenza.

 

Come anticipato, è possibile giocare alla roulette su più tipi di tavolo. La roulette classica è quella francese, con i numeri da 0 a 36. Se la pallina si ferma sullo 0 le puntate sulle chance semplici vengono imprigionate per la mano in corso. Se la pallina cade su un numero corrispondente alla chance puntata in precedenza, invece, la puntata viene rimessa in libertà e si comporta come una nuova puntata, che può così vincere o perdere grazie alla regola “en prison”. Quando esce lo 0, infine, le puntate sulle chance semplici si possono dividere con il banco.

 

Nella roulette inglese la regola dell’en prison non è attuabile e se la pallina indica lo 0 le puntate sulle chance semplici vengono immediatamente ridotte della metà. Esiste un tipo di roulette che presenta un numero aggiuntivo, cioè lo 00: si tratta della roulette americana, anch’essa esente dalla regola dell’en prison. Il banco vanta una percentuale matematica di vantaggio sul giocatore del 2,7% nella roulette francese e quasi del doppio in quella americana, che non a caso è la preferita dai casinò.

 

Le curiosità, però, non finiscono qui. Non deve stupire se al giorno d’oggi, in un’era così legata all’ambito della tecnologia, si può giocare anche a distanza grazie alla roulette online, il tutto attraverso la sezione live che visualizza sul computer un’interfaccia divisa solitamente in due parti: la prima mostra in streaming le fasi di gioco, mentre la seconda consente di eseguire le puntate. Il giocatore può scegliere le proprie combinazioni e rimanere a guardare lo svolgimento dell’azione proprio come se si trovasse seduto al tavolo di un casinò vero e proprio. La presenza di croupier in carne ed ossa è garanzia di sicurezza per tutte le parti in gioco, la cui privacy è quindi protetta dall’impossibilità di essere visti. Insomma, a distanza di un paio di secoli dalla sua nascita, la roulette continua non solo a riscuotere successo, ma anche ad evolversi.

Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Ci sono a Mogliano un paio di gruppi, organizzati fra di loro e diretti da una capo cordata, ammirevole rappresentante della buona volontà, intraprendenza e costanza, la quale agisce e si sacrifica per favorire la pratica del ‘movimento’ soprattutto alle persone anziane.

 

Si radunano quasi tutti i giorni in un punto prestabilito e poi tutti insieme camminando lentamente per non affaticarsi eccessivamente, compiono dei percorsi in periferia della città, per non intralciare il traffico, di almeno tre o quattro chilometri.

 

Il gruppo più consistente è quello gestito dalla signora Mara Girardi (info: 349.7710875), figlia del Prof. Girardi Presidente della Polisportiva, la quale, moglianese doc, è nata, cresciuta, è stata istruita e ha sempre abitato a Mogliano.

 

L’idea e l’iniziativa di organizzare in gruppo queste persone che avevano voglia e forse il bisogno di smaltire la loro pigrizia e per attuarlo volevano essere sollecitate da un impegno formale incoraggiato e controllato da altre persone, è partita, e poi gestita e diretta dalla Polisportiva, diventata ormai una grande fucina di iniziative che riguardano gli sport praticati.

 

È una iniziativa lodevole che favorisce l’attività motoria nelle persone anziane e fa bene al metabolismo del corpo umano. Attraverso il moto si riesce a mantenere il controllo della tachicardia e si favorisce la corretta respirazione, quindi fa bene anche ai polmoni e inoltre facilita enormemente la socializzazione fra i partecipanti, che guarda caso sono prevalentemente donne che non vogliono invecchiare, vittime di problemi alla circolazione del sangue e mal funzionamento della pressione arteriosa, che cercano di usufruire del beneficio di mantenere una certa agilità nei movimenti degli arti inferiori e complessivamente del loro fisico.

 

Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Sito in via Carlo Alberto Dalla chiesa n° 2/b, il Centro ricreativo Anziani A.C.R.A. è un punto di ritrovo veramente prezioso per gli Anziani moglianesi.
Senza di esso parecchi delle persone che oggi lo frequentano sicuramente non saprebbero come occupare le interminabili ore sia del mattino che del pomeriggio durante la giornata. Diventano lunghissime da trascorrere e per chi non ha un hobby da coltivare addirittura interminabili.

 

È il luogo adatto ed accogliente per trascorrervi alcune ore in totale relax ed in compagnia di persone coetanee con le quali si possono condividere o almeno disquisire problematiche comuni e preoccupazioni di vario genere.

 

Vi si praticano alcuni giochi che si possono fare in gruppo oppure in coppia, alcuni dei quali si possono anche imparare se non si conoscono, perché vi si trovano le persone disponibili a spiegarli ed insegnarli.

 

All’interno del Centro poi vengono organizzate vere e proprie scuole, del gioco del burraco, degli scacchi, di lingua spagnola, corso di computer, corso di ballo liscio, del tango argentino e del country, corso di teatro con scuola di recitazione, prove di canto col coro del centro e a una certa ora viene anche organizzata quasi tutti i giorni il giuoco della tombola alla quale possono partecipare tutti i presenti se vogliono.

 

La Direzione del Centro in particolari ricorrenze e nelle Feste durante l’anno sono in grado e si presta ad organizzare anche degli eventi con buffet ed organizzazione di intrattenimento.

Con la direzione artistica di Luisa Trevisi, Carlo Colombo e Valeria Bruniera verrà presentato per la prima volta a Treviso il festival TrevisoRetrò che richiama al periodo che va dagli anni ’20 agli anni ’50.
I tre organizzatori, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Treviso, hanno pensato e voluto un nuovo contenitore culturale in cui verranno inseriti più concerti e spettacoli uniti dal filo conduttore dello stile retrò, amato da molti e che sempre di più si sta diffondendo. Tutto ciò per offrire al pubblico la possibilità di recuperare uno stile di vita ed una emozionalità appartenente al secolo scorso.


L’intento del festival è di far vivere al pubblico un vero viaggio nel tempo.
Il pubblico stesso sarà invitato a partecipare agli eventi con abiti o accessori in stile.
Verranno coinvolti i bar di piazza Santa Maria Dei Battuti, location scelta per il festival, con la possibilità di usare la Loggia Dei Cavalieri come alternativa in caso di maltempo, non solo con l’invito a vestirsi a tema ma anche stimolandoli ad una ricerca storica per offrire dei cocktail o dei piatti retrò ai loro clienti durante i giorni del festival.


Il programma vede un grande inizio il 25 agosto con un spettacolo intitolato: Sopravvivere agli anni ’20: una nuovissima produzione teatrale ambientata negli anni Venti del Novecento che si presenta come un “gangster show” con testi e componimenti inediti per creare una sorta di musical a metà strada tra “Scarface” e “Cotton Club”. Uno spettacolo che trascinerà immediatamente i presenti in un’epoca passata grazie anche alle musiche eseguite dal vivo da pianoforte, contrabbasso e batteria. Ma i giorni seguenti non saranno da meno. Il 26 agosto toccherà allo spettacolo Enciclopedia della Donna Perfetta a riportarci negli anni ’50/’60 in cui dai manuali si poteva imparare a disporre gli ospiti a tavola, quale è il metodo migliore per dimagrire, come si organizzano le pulizie di casa, se è possibile conciliare famiglia e lavoro. Il 27 e il 28 agosto si passerà alla musica con i concerti rispettivamente di Giazzati 4et gruppo trevigiano di Swing Italiano che riproporrà tra gli altri brani del Trio Lescano, Quartetto Cetra, Gorni Kramer e per finire concerto dell’orchestra di Carlo Colombo che proporrà canzoni originali e cover in chiave jazz-swing spaziando dal suono classico swing anni ’40-50 fino a sonorità anni ’30.


“Sosteniamo questa bellissima iniziativa che, pur essendo un omaggio al “retrò”, rappresenta una ventata di novità per la tipologia di spettacoli e il coinvolgimento dei cittadini nelle proposte degli organizzatori”, afferma l’assessore ai Beni Culturali e Turismo, Lavinia Colonna Preti“Musica, spettacoli, teatro e atmosfere vintage, ricreate anche grazie alla partecipazione degli appassionati, rappresenteranno il fiore all’occhiello di questa ultima parte dell’Estate trevigiana, un successo per la quantità e la qualità delle rassegne ospitate in centro storico e nei quartieri. TrevisoRetrò, ne siamo certi, non sarà da meno”. 

POST TAGS:

Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Di centri di equitazione con maneggi di cavalli a Mogliano ce ne sono parecchi. Un paio si trovano nella zona della Marignana nel Quartiere Marocco: 1 denominato “Centro Equestre Veneto” in via Marignana 122 e l’altro in via Leonardo Da Vinci 16 denominato “Club Il Cavallo” e uno in via Zermanesa in fianco alla Villa Condulmer, denominato“Associazione Sportiva Circolo Ippico” in via Zermanesa 85.

 

Tutti e tre sono attrezzati di una scuola e quindi vi si impartiscono lezioni ad allievi di qualsiasi età e sesso. Giuridicamente sono tutti delle Associazioni Sportive abilitate a gestire un Circolo Ippico ed all’allevamento di cavalli puro sangue, alcuni dei quali ormai in pensione, particolarmente idonei anche per competizioni agonistiche. In tutti e tre i maneggi di Mogliano si possono parcheggiare con una ragionevole spesa di retta mensile cavalli di proprietà privata del cavaliere che vengono accuditi, governati e curati con la massima cura e delicatezza.

 

I maneggi dispongono poi di istruttori adatti alle diverse categorie del cavalieri o delle amazzoni che devono praticare l’equitazione, partendo dagli iniziandi fino ai più provetti che intendono praticare lo sport agonistico di questa meravigliosa disciplina.

Basta telefonare ed accordarsi circa il giorno e l’ora della prima lezione.

Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Il campo si snoda all’interno dell’immenso parco che circonda il famoso Ristorante con Albergo a 5 stelle denominato Villa Condulmer. È lungo 5.900 metri e si compone di 18 buche fra le piante secolari del parco della settecentesca villa. È un Golf Club storico e prestigioso per la posizione strategica che occupa al centro della campagna trevigiana, comodo da raggiungere sia da Mestre che da Treviso e è vicinissimo all’ingresso alla bretella che congiunge le Autostrade per Belluno, Milano e Bologna.

 

Vi vengono organizzati anche tornei a livello internazionale ai quali partecipano di solito concorrenti famosi provenienti da tutte le parti del mondo. Il Club dispone anche di un ampio parcheggio per chi arriva in macchina. Invece per chi viene da distante in Aereo troverà comodissimi gli aeroporti di Treviso e il Marco Polo di Venezia, che distano ambedue dal campo del golf non più di venti chilometri.

 

L’intero campo da golf gira attorno al prestigioso Albergo con annesso il ristorante della massima categoria esistente nelle varie guide turistiche e offrono il Ristorante una cucina internazionale gestita da cuochi di fama, e in grado di offrire ai loro clienti un vastissimo assortimento di manicaretti anche della tradizionale cucina veneta, e per la notte un assoluto silenzio e tranquillità adatta e indispensabile per il riposo.

Artisti di strada itineranti, punti musica con performance in acustico e musica chillout e un’esposizione di macchine da rally: torna domani, venerdì 24 luglio, “Happy Friday”, l’iniziativa giunta alla quarta edizione che fino alle ore 23 propone nelle vie del centro di Mestre occasioni di animazione, intrattenimento e shopping negli esercizi commerciali aderenti.

 

PROGRAMMA

Piazza Ferretto e Largo Divisione Julia, performance di Davide Ciani (associazione Circo Volante) e di Marianna Andrigo, accompagnata dal gruppo di danza Live Art Culture.

 

Orari spettacoli
18.30 Piazza Ferretto
19.45 Largo Divisione Julia
21.00 Piazza Ferretto
Riviera Magellano, dalle 18 le sonorità del Novak Club con il dj set di Boogaloo Robert (indie rock, soul, sixties tunes)
via Verdi, dalle 18,30 alle 19 DirtyWaterBluesDuo (acoustic blues rock duo)
Galleria Barcella, dalle 19 alle 20.30, DirtyWaterBluesDuo (acoustic blues rock duo)
via Manin, dalle 21 alle 22, DirtyWaterBluesDuo (acoustic blues rock duo)
via Mestrina e Galleria Teatro vecchio, dalle 19 alle 20.30, Ennesimi Acoustic Duo
via Palazzo, dalle 21 alle 22, Ennesimi Acoustic Duo
via Caneve, dalle 18 dj set di Steve Giant con il suo reggae da asporto
Corte Legrenzi, dalle 18 live acustico

 

Parcheggio

Chi decide di raggiungere il centro di Mestre in auto può parcheggiare nei piazzali e negli stalli strisce blu, dove la sosta è gratuita dalle ore 15 alle 20. Sono escluse le aree di Marghera, San Giuliano (Porta Rossa, Blu e Gialla), Piazzale Roma e Vega (vie Pacinotti, Ferraris e dell’Elettrotecnica).

Tramite i coupon distribuiti dagli esercizi aderenti all’iniziativa, inoltre, la prima ora al Park Costa (per sole autovetture-no GPL aperto h24) e al Park Candiani sarà gratuita.

 

Le vie coinvolte negli eventi Happy Friday a Mestre

Via Mestrina • Via Palazzo • Via Rosa • Piazza Ferretto • Via Ca’ Savorgnan • Via Paolo Sarpi • Via Caneve • Via Torre Belfredo • Calle Del Sale • Corte e Calle Legrenzi • Via Cappuccina • Riviera Magellano • Piazzetta Toniolo • Piazzale Donatori di Sangue • Via Poerio • Via Cesare Battisti • Galleria Matteotti • Galleria Teatro Vecchio • Via San Rocco • Piazzetta Pellicani • Via S. Girolamo • Via Carducci • Via Manin • Largo Divisione Julia • Piazzale Leonardo da VInci • Via Olivi  • Via Allegri • Piazzetta Zorzetto • Galleria Barcella • Piazza Barche • Riviera XX Settembre • Via Verdi • Via Fapanni • Corso del Popolo • Piazzetta Coin

 

Per maggiori informazioni: VeneziaUnica.

Domani, giovedì 23 luglio, debutta il Festival dell’Arte Magica con le visite magico-esperienziali al Museo Santa Caterina, dopo l’enorme successo dello scorso anno: 12 visite-evento attraverso le opere più significative della Pinacoteca permetteranno ai visitatori di vivere in modo innovativo e unico per raccontare l’arte sotto la “lente della magia e della felicità”.

 

I tour gratuiti, in quattro turni prenotabili alle ore 18.00 – 19.00 – 20.00 – 21.00, saranno condotti da Walter Rolfo, Direttore Artistico dell’evento. Autore, conduttore e produttore televisivo per Rai, Mediaset e Sky, Fondatore e Presidente di Masters of Magic, è esperto di processi percettivi legati alla ricerca della felicità.

 

Mentre continuano le attività a supporto delle famiglie e imprese del territorio per non lasciare nessun indietro durante questa prolungata fase di emergenza Covid-19, l’Amministrazione comunale casalese propone alla cittadinanza una serie di iniziative volte a supportare le attività economiche e il ritorno alla socialità, sempre nel rispetto delle norme vigenti di contrasto al contagio del virus.

 

Si inizia così questo fine settimana, in particolare venerdì 24 e sabato 25 luglio, con le Notti Bianche.
Dalle 18.00 alle 24.00, le vie del centro di Casale sul Sile diventeranno un’ampia area pedonale animata di luci e colori, con bancarelle, ristoranti e negozi aperti.

A questo link la locandina completa di tutti gli eventi.

Il prossimo 26 luglio, la Strada facendo – Nordic walking Treviso organizza una camminata Nordic Walking ad anello con partenza da Campo Solagna. Facilmente raggiungibile percorrendo la strada del Grappa, la Strada Cadorna che da Romano Alto sale a Cima Grappa, è una zona molto amena e dai vastissimi orizzonti dominanti buona parte della pianura veneta centrale e l’altopiano di Asiago Sette Comuni. Ben frequentabile in tutte le stagioni, si caratterizza per vallette e gobbe boscose/erbose buone per facili passeggiate sia d’estate che d’inverno.

 

Programma
Ritrovo in loco: ore 8.30 parcheggio dietro il ristorante/bar Campo Solagna, via Campo 6 – Pove del Grappa
Difficoltà: facile, sentiero tutto sterrato
Lunghezza: 12 km
Durata: 2 ore e mezza (indicativamente dalle 8.30 alle 12.30)
Quota di partecipazione: € 15 valido per 2 escursioni (€ 7,5 per escursione).
Istruttore: cell. 392.7734387

 

Secondo l’attuale DCPM possono essere trasportati max 2 passeggeri non conviventi solo se si rispetta la distanza di un metro tra un passeggero e l’altro, tutti muniti di idonei dispositivi individuali di sicurezza.

 

Iscrizioni entro giovedì 23 luglio.
MASSIMO 20 + 20 PARTECIPANTI (2 gruppi)

 

L’attività è riservata ai soci ASD Strada Facendo. Se si desidera partecipare all’escursione, si prega di contattare con anticipo la segreteria dell’Associazione.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni