Home / Posts Tagged "Lifestyle"

Il trionfo del sole – meditazione speciale in occasione del Solstizio d’estate 2019

 

La meditazione attiva di Osho Kundalini ci riconnette all’energia della terra. Roberta Marzola, facilitatrice e giornalista, vi guiderà alla sua pratica all’ora del tramonto, in un prato in riva al Lago al Bacino di Quinto di Treviso, a diretto contatto con l’energia della natura.

 

L’appuntamento è per venerdì 21 giugno, dalle 18.30 alle 20.30.

 

Le meditazioni attive di Osho creano un percorso di autoconoscenza a partire dal corpo, che consente di focalizzare l’attenzione su:
❃ blocchi energetici condensati in alcuni punti fisici, per scioglierli e allentarli dolcemente
❃ punti di forza, per renderli vivi e attivi.

 

La partecipazione all’evento avviene tramite contributo responsabile su prenotazione, al numero 320.4103952.

 

Info utili

Dove: via Nogarè 20, Quinto di Treviso
In caso di pioggia: Libero Fluire, via Garibaldi 20, Quinto di Treviso

Si consiglia di portare un telo mare, un materassino, acqua e uno spray antizanzare.

In continuità con l’esperienza positiva delle scorse edizioni, anche quest’estate viene riconfermata l’iniziativa Yoga al Parco, che prevede per il mese di luglio il corso al mattino nel Parco delle Vecchie Pioppe e per il mese di agosto il corso serale nel giardino dell’ex canonica a Casale sul Sile.

 

Per iscrizioni, contattare il Centro Yoga Yoko al 339.8837429 – 0422.331792 oppure scrivere a: [email protected]

 

L’armonia con se stessi e con gli altri è il senso profondo dei Movimenti e Danze Sacre di Gurdjieff. Il seminario offre un percorso di crescita atto ad approfondire la conoscenza di se stessi. È adatto a chi pratica i movimenti per la prima volta e a chi lavora già da tempo nell’insegnamento di Gurdjieff.

 

Programma

• Movimenti e Danze Sacre nella tradizione di Gurdjieff
• Letture sull’insegnamento
• Meditazione
• Ascolto della musica
• Esercizi di attenzione e presenza
• Momenti di condivisione

 

Un percorso di conoscenza di sé

I Movimenti e le Danze Sacre sono un’antica disciplina tramandata per aiutare l’essere umano a contattare ed esplorare il proprio mondo interiore. Sono un insieme di movimenti differenti: figure geometriche, preghiere, danze femminili e rituali maschili provenienti dalla tradizione derviscia. La musica, creata da Gurdjieff, è ricca di armonia, melodia e ritmo. Questi movimenti producono un cambiamento nel corpo, nella circolazione sanguigna, nel ritmo respiratorio, portando uno stato di lucidità e di presenza cosciente.
I seminari rappresentano un percorso di crescita e di conoscenza di sé per vivere in armonia con se stessi e con gli altri.

 

Le danze dei corpi celesti…

“Dietro il movimento visibile vi è un altro movimento, che non si può vedere e che è tuttavia molto forte, da cui dipende il movimento esteriore. Se questo movimento interiore non fosse così forte, il movimento esteriore non avrebbe nessuna reazione.”

Dove e quando

Presso Spazio Zero
Via Giambattista Tiepolo, 12, Silea – Treviso
21 – 22 settembre
Orario: 15.30-19.30 il sabato e 10.00-16.30 la domenica
(con pausa pranzo)

La struttura offre un servizio di B&B (Info: Andrea Miani, tel. 0422 361079)

Sono richiesti vestiti comodi, possibilmente di colore bianco o comunque chiaro, senza scritte e un paio di calzini.

 

Per ulteriori informazioni e/o confermare la partecipazione al seminario telefonare alla Segreteria della Scuola (Riccardo Orlando: cell. 3895212712); oppure mandare una mail a [email protected]

 

 

Photo credits: Cristina Berlini

L’associazione sportiva Strada Facendo Outdoor – Nordic Walking Treviso propone nuove lezioni di livello base per principianti e per chi non conosce il Nordic Walking.

 

Le lezioni saranno di 90 minuti ciascuna e si terranno a Villa Margherita di Treviso (ritrovo al parcheggio al bivio con via Ghirlanda).

I partecipanti variano da 6 a 8, il costo è fissato a euro 50 (non inclusivo di iscrizione a Strada Facendo).

 

Le date utili per aggiungersi al gruppo sportivo sono:

sabato 25 maggio con orario 14.30
domenica 26 maggio con orario 9.30
sabato 1° giugno con orario 14.30

 

I posti disponibili sono ancora 6.

Per info e iscrizioni: sito

Le cose più semplici sono spesso le più efficaci… Sai che cosa scatena in te e nel mondo un semplice sorriso? Hai mai sperimentato il potere rivelatore di Madre Natura? Lo scoprirai a Noale!

 

All’interno dello splendido festival IN ME MAGO AGERE (località: via Briana Centro, 16, Noale), la giornalista e facilitatrice Roberta Marzola inserisce un appuntamento per scoprire il potere alchemico del sorriso.

 

La camminata alchemica del sorriso – fissata per domenica 23 giugno, dalle 18 alle 19.30 – darà la consapevolezza di come un atteggiamento aperto e solare, richiamato dal sorriso, apra alle infinite opportunità che la Vita presenta.

 

Il sorriso è uno strumento meraviglioso per cogliere la leggerezza anche nei momenti difficili dell’esistenza.

La Natura è Madre che nutre e sostiene i suoi figli. A noi la piacevole sfida di coglierne i suggerimenti, che ci giungono attraverso semplici segnali, che insieme impareremo a cogliere e accogliere.

 

Per info e prenotazioni:

3497264100 – Luana

Evento in natura, al Parco di Villa Margherita a Treviso, con una meditazione finale

 

Venerdì 11 maggio, dalle 15 alle 18, arriva a Treviso il workshop teorico-pratico dal titolo L’estate e l’elemento FUOCO.

 

La lezione si terrà all’aperto, presso il parco di Villa Margherita (viale Felissent 54, Treviso) e saranno condotte da:

Alessandra Ramelli, istruttrice di ginnastiche posturali, Pilates e Stretching Energetico dei Meridiani
Roberta Marzola, facilitatrice e giornalista, insegnante di meditazioni attive.

 

Ogni stagione porta con sé caratteristiche ben precise, a cui il nostro corpo deve adattarsi: per agevolarlo in questi passaggi, è possibile focalizzare l’attenzione sull’elemento che, secondo la medicina tradizionale cinese, caratterizza il periodo.
Grazie allo stretching energetico dei meridiani è possibile armonizzare mente e corpo all’elemento che domina la stagione.

Durante la lezione teorico-pratica saranno approfondite le qualità dell’elemento, osservandole nel proprio corpo e saranno svolti esercizi fisici creati appositamente per stimolare l’equilibrio in armonia con la stagione in corso.

 

Info utili

Ritrovo al parcheggio di Villa Manfrin, al bivio con via Ghirlanda.
In caso di pioggia l’evento si terrà presso la palestra Strada Facendo Indoor (via T. Salsa 2/a, 1° piano, accesso dalla rampa accanto al negozio Vintage).

Iscrizioni entro martedì 7 maggio al 320.4103952.

Massimo 25 partecipanti. Vale l’ordine di iscrizione.

Evento Facebook

Roberta Marzola, facilitatrice e giornalista, promuove un nuovo incontro di meditazione attiva di Osho, a Quinto di Treviso.

 

Venerdì 17 maggio, dalle 18 alle 20, l’appuntamento è negli spazi dell’associazione Libero Fluire, in via Garibaldi 20.

Le meditazioni attive sono state create dal maestro spirituale Osho per aiutare gli uomini occidentali a bypassare la mente, per arrivare a uno stato di estasi.

 

Se praticate regolarmente, le meditazioni attive di Osho creano un percorso di autoconoscenza a partire dal corpo, che consente di focalizzare l’attenzione su:
❃ blocchi energetici condensati in alcuni punti fisici, per scioglierli e allentarli dolcemente
❃ punti di forza, per renderli vivi e attivi
❃ la nostra essenza più profonda.

 

Ogni meditazione attiva ideata da Osho si compone di alcuni stadi durante i quali si possono scaricare le tensioni, sia fisiche che emotive e mentali, per poi giungere naturalmente a uno stato di quiete interiore: la meditazione.

 

Per info e iscrizioni: 320.4103952 – [email protected]

È diventato virale il video in cui Umberto Galimberti racconta il declino dell’Occidente. Secondo questo filosofo, se l’Europa è approdata su questa triste spiaggia di decadimento, la ragione è morale. Il declino è morale. Un’espressione nel suo discorso trattiene la mia attenzione riti d’iniziazione. Dice che non se ne fanno più e che i giovani non ne devono più affrontare, per questo diventano deboli, e formano un popolo debole, che non ha difese contro l’invasione culturale di un altro popolo.

 

Il ragionamento di Galimberti lo porta a dire che i giovani d’oggi non sarebbero più in grado di combattere guerre come lo facevano i nostri bisnonni, suggerendo che se non se ne fanno più non è tanto perché non ne abbiamo bisogno, quanto perché non ne siamo più capaci. Che sia l’una o l’altra ragione, penso sia ridicolo rattristarsi al pensiero che non siamo più in grado di affrontarci con le armi in mano. Facciamo un passo indietro invece, concentrandoci sul decadimento morale dell’Occidente. Generalizzare sulla moralità mi sembra una mossa azzardata, quando invece si potrebbe iniziare concentrandosi su come vive un occidentale, o meglio un singolo individuo che oggigiorno faccia parte della cultura W.E.I.R.D. (acronimo per Western, Educated, Industrialized, Rich e Democratic, ossia occidentali, scolarizzati, industrializzati, ricchi e democratici).

 

Nel saggio La nuova geografia socio-religiosa in Europa: linee di ricerca e problemi di metodo di Enzo Pace si legge che “Qualche volta si ha l’impressione che le religioni si copino fra loro, oppure si passino parola su come rispondere al bisogno umano di sperare che ci sia un tempo per vivere e uno per morire e che la morte non sia la fine, ma l’inizio di un mondo di salvati”. Proprio perché il compito delle religioni è così essenziale per farci stare bene sarebbe importante comprendere che cosa stiamo affrontando e soprattutto, cosa possiamo fare per noi stesi. Bisogna innanzitutto essere consci che nel giro di soli venti anni la carta socio-religiosa dell’Italia è gradualmente mutata: trasformandosi da paese a maggioranza cattolica a società caratterizzata da una diversità religiosa molto articolata. Enzo Pace suggerisce di partire da questa domanda per leggere meglio la situazione: l’Europa è così secolarizzata come si dice e si pensa? Come elabora Pace nel suo scritto, in un recente libro curato da Peter Berger, Grace Davie e Effie Fokas tale domanda, che riecheggia sin dal titolo Religious America, Secular Europe?, si rinvia ad un’altra questione ancor più intrigante: l’Europa costituisce un’eccezione rispetto al resto del mondo e, soprattutto, rispetto agli Stati Uniti d’America, per quanto riguarda gli indicatori di religiosità? Oppure la presunta eccezione non è altro che il riflesso incondizionato di un inguaribile etnocentrismo dei sociologi di matrice europea. Berger, parla sempre più di de-secolarizzazione e ritiene ormai che anche l’Europa abbia “voltato l’angolo” e si avvii a ritornare “alle fedi”. Ma ritornare dove? Alle fedi del passato o a nuove forme di credere e di appartenere? A leggere quanto scrive Philip Jenkins, storico delle religioni, il cristianesimo, almeno nel Sud del mondo, non solo è in crescita, ma mostra un’eccezionale vitalità rispetto alla relativa stagnazione che sembra caratterizzare il Vecchio Continente. E questo Cristianesimo arriva di rimbalzo anche in Europa, grazie all’afflusso di tanti latino-americani, africani e asiatici che ne sono gli interpreti. Tra il 2025 e il 2050, infatti, fermo restando la differente crescita demografica fra l’Europa e molti Paesi del Sud del mondo, la maggior parte dei cristiani vivrà probabilmente fuori dei confini europei. Intanto metà degli europei, secondo gli ultimi risultati dell’European Values Study, dicono di pregare o meditare almeno una volta alla settimana e tre quarti affermano di sentirsi religiosi. Magari disertano le chiese, ma non rinunciano a pensare religiosamente. Detto in altri termini, frequentano poco o nulla i servizi religiosi delle loro rispettive chiese di nascita, ma continuano a sentire il bisogno di dare un senso al loro agire, un senso non riducibile né all’immediatezza del fare né alle risposte già definite da questa o quella istituzione organizzata di tipo religioso.

 

È proprio questo la chiave di volta da illuminare. Ciò di cui abbiamo bisogno potrebbero non essere le religioni, che non riescono più a coinvolgere certe nicchie della popolazione come accadeva trent’anni fa, quanto i rituali.

 

Perdendo la fede nella religione ci siamo dimenticati dei rituali che accompagnavano la quotidianità di un individuo, almeno in Europa. Gli americani possono insegnarci qualcosa in questo campo. Gli strascichi del movimento New Age hanno lasciato nella cultura americana delle frequenze positive che ancora influenzano la spiritualità come vissuta negli Stati Uniti. Quando si discute di New Age, si intende quel vasto movimento subculturale che comprende numerose correnti psicologiche, sociali e spirituali alternative sorte alla fine del XX secolo nel mondo occidentale. Se andate in vacanza in una spiaggia messicana come quella di Mazunte troverete frotte della nuova generazione New Age americana. Sono una versione moderna, più digitalizzata, meno legate all’amore libero e alle droghe psichedeliche e più influenzata dal consumismo dei loro predecessori. Anche gli hippie si sono adattati ai tempi. Il filo comune che tiene insieme queste due generazioni è la ricerca di spiritualità.

 

“Cos’è però la spiritualità?”, starete pensando. È la fame del nostro spirito in cerca di risposte, mi sentirei di rispondere. È se si vuole mantenere una metafora culinaria, i bocconcini con cui la nutriamo sono i rituali. L’importanza dei rituali è fondamentale. Non importa nemmeno in che forma si manifestino, basta che funzionino. Negli Stati Uniti è comune avere una life coach, ossia un’insegnante di vita, o una guida che con cui confidarsi e non solo. Spesso chi si assume questo ruolo ha l’incarico di darti dei compiti per casa. I compiti, che non sono altro che rituali, sono gli attrezzi che ti permettono di lavorare su te stesso. Sei sempre nervoso? Continui a lamentarti del tuo collega o del tuo familiare? Non riesci a prendere sonno perché sei preoccupato per come pagare le bollette? Pregare e meditare aiuta moltissimo, ma non basta. È se pensate che non tagliare i legami con quel collega o pagare quella bolletta vi faccia tornare il buon umore, o vi permetta di dormire come un angelo la notte, vi state in parte illudendo. Le bollette sono da pagare e le relazioni tossiche dovrebbero essere evitate, benissimo, ma le complicazioni e le sfide sono sempre dietro l’angolo.

 

La soluzione è tornare a compiere dei piccoli rituali. Qui non vi si consiglia di sacrificare un caprone a un potere superiore, provate invece a fare un bagno caldo con del sale Kosher, o a incidere le vostre paure su una candela e poi bruciarla, o anche a scrivere delle lettere piene di rabbia e perdono ai vostri cari e poi bruciarle o ancora a camminare scalzi sull’erba e abbracciare un albero. Sembrano sciocchezze, forse lo sono, eppure funzionano. Abbiamo lasciato che la nostro nostra mente si riempia di tossine ogni giorno perché non crediamo più in quel dio dalla veste bianca e la barba lunga e la messa in latino ci sembra un adattamento medievale della fede e ora siamo spesso arrabbiati, al di là di quello che ci succede. Depuratevi è il mio consigli, e tornate a compiere un rituale di quando in quando. Presto, magari, sarete capaci di compiere miracoli.

Le meditazioni attive sono state create dal maestro spirituale Osho per aiutare gli uomini occidentali a bypassare la mente, partendo dal corpo, per arrivare a uno stato di estasi.

 

Praticate regolarmente, le meditazioni attive di Osho creano un percorso di autoconoscenza a partire dal corpo, che consente di focalizzare l’attenzione su:

• blocchi energetici condensati in alcuni punti fisici, per scioglierli e allentarli dolcemente,

• punti di forza, per renderli vivi e attivi.

• la nostra essenza più profonda.

 

Ogni meditazione attiva ideata da Osho si compone di alcuni stadi durante i quali si possono scaricare le tensioni sia fisiche che emotive e mentali, per poi giungere naturalmente a uno stato di quiete interiore, la meditazione.

 

Info e prenotazioni

Ingresso con contributo responsabile su prenotazione

Ogni 1° e 4° venerdì del mese, presso gli spazi di Libero Fluire 20, a Quinto di Treviso.

Si raccomanda di portare un materassino e se si vuole una coperta.

320.4103952 (Roberta) – [email protected]

 

Con Roberta Marzola – Facilitatrice e giornalista, ricercatrice spirituale e ideatrice del Training on line Celebrate – Dal sogno alla Realizzazione e dei laboratori “Qualcuno ci ama” e “CONSAPEVOLvere”. Ha ideato inoltre la Camminata Alchemica, Camminata Alchemica del Sorriso e Girotondo Alchemico.

Conduce Laboratorio Insieme è più Facile di Treviso.  Tiene sessioni individuali di facilitazione per il riequilibrio energetico.

Organizzazione significa consapevolezza:
• del tuo tempo, per non sprecarlo
• del tuo spazio, per non ingombrarlo
• della tua energia, per non esaurirla
• della tua attenzione, per non disperderla

 

Lo Studio i 5 Sensi – il coworking del benessere organizza un incontro-presentazione a Casale sul Sile, in piazza all’Arma di Cavalleria 5, per migliorare la tua organizzazione.

 

Il 17 maggio, dalle 20.30 alle 22, i partecipanti conosceranno i dieci semplici modi in cui migliorare la propria gestione di tempo, spazio, energia e attenzione.

 

Nella vita di tutti i giorni non ci rendiamo conto di quante cose facciamo in automatico, perché le abbiamo sempre fatte così.
Ma per molte persone ogni giorno contiene ansia, frustrazione, affanno e stanchezza mentale.

 

Bastano invece pochi e semplici accorgimenti per cambiare il modo in cui trascorrere le giornate e affrontare gli impegni: se si aumenta la consapevolezza delle proprie risorse, si può coltivare il tuo benessere e limitare lo stress e la frustrazione.

 

La serata è ad ingresso libero, ma è richiesta la prenotazione (disponibili massimo 25 posti).

Per informazioni e prenotazioni, scrivere a [email protected] oppure chiamare il 349.2146197 (anche whatsapp).

 

Conduce la serata Sara Bettella, Professional Organizer iscritta ad APOI (Associazione Professional Organizers Italia).
Professionista dell’organizzazione, aiuta le persone a migliorare la propria organizzazione personale, in casa e nel lavoro, accompagnandole in un percorso di cambiamento e di apprendimento di strategie e metodi organizzativi per aumentare il loro benessere nella vita di tutti i giorni.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni