Home / Posts Tagged "alimentazione"

Dall’allattamento alla condivisione dei pasti con la famiglia, l’incontro organizzato dalla Stilelibero Preganziol parlerà di come passare dal latte materno alle pappe e di come apprendere le sane abitudini alimentari per un corretto stile di vita già dai primi mesi dopo la nascita. Una importante occasione in forma amichevole per chiarire i propri dubbi e ascoltare i consigli del pediatra.

 

L’incontro si terrà il prossimo 30 novembre, dalle 9.30 alle 12.30, presso le piscine e palestre di via Manzoni 40, a Preganziol.

Rivolto a tutte le donne in gravidanza o alle neo mamme, vuole offrire momenti di:

• informazione su temi specifici la gravidanza e post gravidanza;
• condivisione e confronto fra mamme sulle esperienze personali.

 

Programma della giornata:
9.30 – 11.00, incontro gratuito
11.15 – 12.15, lezione in acqua per le future mamme (costo 10 euro o gettone lezione per le iscritte ai corsi Future Mamme in acqua).

 

Relatori:
Dott. Gorinati – Pediatra
Dott.ssa Giulia Baldisser – Scienze Motorie e Responsabile attività Future Mamme e neo mamme presso la Stilelibero.

 

Si raccomanda la prenotazione allo 0422.633870.

 

Lo scorso anno fu riservato agli studenti del quarto anno dell’IPSEOA Andrea Barbarigo di Venezia. Ma il successo di quella prima edizione ha spinto l’Istituto veneziano a triplicare lo sforzo organizzativo.

 

E così la seconda edizione del contest “Tradizioni Creative” coinvolgerà, oltre agli studenti dellIPSEOA Andrea Barbarigo, quelli dell’Istituto Musatti di Dolo e dell’IPSEOA Cornaro di Jesolo, grazie anche al supporto dell’azienda Moduline di Vittorio Veneto (già sostenitrice del contest 2018) e dell’Atelier Alimentare Cibo & Salute di Vigonza.

 

Sarà il magnifico chiostro dell’Istituto veneziano ad ospitare, mercoledì 22 maggio 2019, la finale tra i 10 studenti. Questi presenteranno entro il 5 maggio la scheda tecnica di una ricetta; essa dovrà valorizzare ingredienti come il carciofo violetto, il pesce povero (sarda, sgombro e ghiozzo), erbe spontanee e cereali (farro); li eseguiranno poi durante la finale per proporla in degustazione ad una giuria di chef ed esperti di gastronomia e tecniche di cucina.

 

I primi 3 classificati potranno partecipare a giornate di formazione nelle aziende Moduline e Cibo & Salute per approfondire le tecniche di conservazione alimentare, l’abbattimento e la rigenerazione, le cotture a pressione e combinate: tecnologie che le due aziende affinano continuamente e le cui conoscenze, faranno parte del bagaglio formativo degli chef del futuro.

 

Mauro Favretti (Managing Director di Moduline) azienda che nei suoi trent’anni di attività ha introdotto grandi innovazioni tecnologiche nelle cucine professionali di tutto il mondo.

 

“La nostra missione è quella di promuovere una cucina sana, efficiente e al passo con la tecnologia e con le esigenze della ristorazione contemporanea; anche cercando di individuare le istanze future del settore. Per questo amiamo il confronto con i giovani che con la loro curiosità, il loro entusiasmo ed il loro spirito critico sono per noi una continua ed insostituibile fonte d’ispirazione”. Afferma Favretti.

 

Sottoscrive l’intento e l’entusiasmo Sergio De Sanctis, Direttore Generale di Cibo & Salute, atelier dedicato alla ricerca, allo sviluppo e alla implementazione di prodotti e tecnologie innovative in ambito alimentare: “Il nostro impegno a promuovere e diffondere l’informazione e la ricerca non poteva trovare partner migliori di questi tre istituti veneziani, dove si stanno formando coloro che domani saranno protagonisti nelle cucine professionali. Poterli conoscere direttamente e supportarli nella loro crescita; sarà – oltre che un grande piacere – un modo per riflettere assieme a loro su come conciliare intenti creativi, tradizione, gusto, efficienza e salubrità. Ossia il nostro obiettivo quotidiano, la loro missione futura”.

Un’alimentazione sana per grandi e piccini prevede che siano consumati circa 5 o 6 pasti nel corso dell’intera giornata.

 

Oltre alla colazione e ai pasti principali, trovano spazio anche gli intervalli pomeridiani che sono comunemente chiamate merende.

 

Una pausa che può essere dolce o salata, sicuramente ricca di golosità, che però deve rappresentare uno spuntino equilibrato, che permetta di apportare il giusto nutrimento, saziare ma senza appesantire o apportare ingenti quantità caloriche all’organismo.

 

È importante per i bambini ma anche per gli adulti, scegliere una merenda che sia fatta con ingredienti sani e genuini, proprio per questo di seguito andremo a vedere 5 idee originali per portare in tavola una merenda equilibrata e golosa.

 

La prima che andiamo a vedere sono i sandwich in stile americano, l’idea giusta per una merenda corposa, che possono essere realizzati sia in versione dolce sia salata.

 

Per chi vuole qualcosa che assomigli a un antipasto e ricco di proteine, il pancarrè potrà essere accompagnato dal prosciutto, formaggio, e impreziosito da salse come la maionese.

 

Nella versione dolce, il pancarrè potrà essere farcito con delle gustose creme spalmabili americane, come la twix, la Fluff marshmello alla fragola, oppure al burro d’arachidi e marmellata d’uva, prodotti che sono acquistabili in Italia direttamente sul portale American Food Shop, che permette di acquistare anche nel nostro paese cibi americani originali introvabili.

 

Un’altra idea che rappresenta un classico delle merende, soprattutto quelle pomeridiane, è la crepes al cioccolato, facile e veloce da preparare e che può essere farcita in vari modi, in base ai propri gusti, per un risultato finale che sarà sicuramente apprezzato.

 

Nella stagione calda, un’altra merenda dolce e gustosa è sicuramente rappresentata dal gelato, una pausa che garantisce tanta freschezza e che può essere arricchita con le vitamine della frutta fresca stagionale.

 

Fare il gelato in casa può sembrare un’operazione complessa ma non è di certo così, basta avere un elettrodomestico apposito e qualche minuto di pazienza e potrete creare dei gelati dal gusto spettacolare.

 

Sempre in tema di frutta, un’altra idea interessante è quella di realizzare degli spiedini con diverse varietà stagionali e ricoprire quest’ultimi con del cioccolato, che può essere dolce, fondente o aromatizzato.

 

Un dessert che può essere realizzato in pochi minuti, molto appariscente e dal gusto certamente piacevole, per chi cerca una pausa dolce ma al contempo ricca degli elementi nutritivi della buona frutta.

 

La quinta e ultima idea, che unisce un carattere dolce a uno stile attento alla linea, è quello rappresentato dal muffin integrale, facili e veloci da realizzare e che sono cotti in forno in soli 15 minuti.

 

Grazie all’utilizzo della farina integrale, molto più digeribile e ricca di elementi che fanno bene all’organismo, si crea un gusto genuino che potrà essere arricchito da una farcitura interna di vario genere: cioccolato, caramello, oppure altre sicuramente più equilibrate come essenza di cannella.

Le tecnologie alimentari hanno l’obiettivo fondamentale di soddisfare le sempre più crescenti richieste dei consumatori di alimenti naturali e funzionali.
Nel passato solitamente il consumatore prediligeva il pane prodotto con la farina bianca (la “00”), ma con gli anni sono stati attribuite, alla farine integrali, diverse proprietà benefiche, pur essendo, queste ultime, meno attraenti.
In questi ultimi hanno avuto una crescente popolarità tra i consumatori i semi di Chia, venduti come integratori alimentari.

 

I semi di Chia sono un alimento le cui proprietà erano già note alle civiltà precolombiane del Sud e del Centro America. Essi derivano da una pianta floreale del Guatemala e del Messico.

 

Per quanto riguarda la loro composizione chimica, contengono il 30% di lipidi (quello maggiormente presente è α-linolenico, quindi un grasso omega-3), tra il 19-27% di proteine, il 4-5% di ceneri e tra il 26-41% di carboidrati, tra cui anche le fibre. Sono fonte importante anche di calcio,
fosforo, potassio e magnesio. Inoltre essi contengono un’elevata quantità di composti fenolici, quindi di composti antiossidanti. In 100 g di semi di Chia si ritrovano 459-495 kcal.

 


In alcuni forni, spesso ci si imbatte in pani che erano stati prodotti con la farina di Chia o che contenevano i suoi semi e che, quindi, vengono definiti come “arricchiti”. L’aggiunta della farina di Chia al pane comporta un aumento delle fibre, rispetto a quello prodottio con farina “00”, ma anche un quantitativo maggiore di lipidi. L’aumento delle fibre alimentari in una dieta aiuta a prevenire e ridurre il rischio di varie malattie, tra cui diabete, obesità, malattie cardiovascolari e ipertensione. Studi effettuati sul consumo dei semi di Chia hanno dimostrato che essi assicurano il buon funzionamento del sistema digestivo. Naturalmente, il pane arricchito di semi di Chia – o della loro farina – risulta essere di una colorazione più scura, dettata anche dalle reazioni chimiche che avvengono durante la cottura.

 


Dal punto di vista sensoriale, il pane arricchito dei semi di Chia non evidenzia differenze significative, ha, infatti, gli stessi attributi sensoriali che si associano al pane prodotto con farina “00”.
In commercio è possibile trovare anche i semi di Chia per aggiungerli alle insalate o allo yogurt.
Il consumo di 7-14 g di semi di Chia, addizionati a uno yogurt bianco, è un ottimo spuntino a metà mattina anche perché, grazie alle fibre in essi presenti, aumenta il senso di pienezza.

Sabato 30 marzo si terrà il secondo appuntamento del ciclo di incontri dal titolo “La gestione dell’anziano fragile (a domicilio e nei servizi residenziali)”.

 

Nati dall’esigenza riscontrata nel territorio, gli incontri sono stati resi possibili dalla collaborazione tra la Cooperativa Promozione Lavoro, la Fondazione Città di Roncade e il Comune.

 

Lo scopo è formare e l’informare i tanti familiari che assistono i propri anziani a domicilio o in residenze socio sanitarie.

 

 

Gli incontri e le tematiche

Fin dal primo incontro questi temi hanno registrato un’ampia partecipazione di roncadesi.

Il primo incontro, tenutosi il 16 marzo nella sala polivalente della RSA “Città di Roncade”, ha ospitato lo psicologo Roberto Vettori, che ha illustrato sintomi e tipologia della demenza.

Questo, insieme ai prossimi in programma, formeranno un percorso che l’amministrazione comunale di Roncade ha già realizzato e che potrà avere la costituzione di un gruppo di Auto Mutuo Aiuto (AMA).”

 

I prossimi appuntamenti tratteranno le seguenti tematiche:

mobilizzazione, sabato 30 marzo, con relatrice la fisioterapista Giulia Moro

alimentazione e dieta, il 13 aprile, con la logopedista Annalisa Trevisan

servizi territoriali rivolti all’anziano, 11 maggio, con l’assistente sociale Martina Dall’Asta

tutela giuridica degli anziani non autosufficienti, 1° giugno, con relatori l’avvocato Barbara Schiavon e la dottoressa coordinatrice infermieristica Samanta Grossi (presentazione a cura dell’avvocato Fedra De Vidi).

 

Gli incontri si terranno tutti nella stessa sede e alla stessa ora (via Riccardo Selvatico, 17, dalle 9.30 alle 11.30), sono liberi e gratuiti.

 

L’assessore alle Politiche sociali, Sergio Leonardi, spiega come gli incontri siano condotti da professionisti che operano quotidianamente con anziani fragili e vogliano affrontare aspetti pratici utili a chi assiste la non autosufficienza a domicilio. “Dal prendere consapevolezza e accettare la malattia a come comportarsi nelle situazioni di progressivo decadimento cognitivo e nelle demenze o a come mobilizzare un anziano allettato oppure con gravi deficit motori. O, ancora, come organizzare la nutrizione nelle difficoltà di masticazione e/o deglutizione. Fondamentale sarà anche il contributo che i legali offriranno per conoscere le procedure utili alla nomina di un amministratore di sostegno quando l’anziano non ha più la capacità, fisica e/o psichica, di assumere autonomamente decisioni.

Soffri di pressione alta? Glicemia alta? Trigliceridi e colesterolo fuori range? Eccesso di grasso addominale? Sovrappeso?

 

L’associazione Strada Facendo Indoor organizza una conferenza con la Dott.ssa Maddalena Matturro, biologa nutrizionista, per il 15 febbraio (dalle 20.30 alle 21.30), presso la palestra Strada Facendo (via T. Salsa 2/a, Treviso).

 

Durante l’incontro saranno dispensati consigli e guide su come ridurre il rischio di manifestare la sindrome metabolica, considerata la malattia del secolo. L’alimentazione corretta gioca un ruolo importante per contrastare il rischio.

 

L’ingresso è libero ma è gradita la prenotazione.

 

Lunedì 18 febbraio, dalle 20.30 alle 22, l’associazione sportiva Strada Facendo di Treviso presenterà il corso “Stile di vita (dimagrimento)” presso la palestra Strada Facendo Indoor, in via T. Salsa 2/A (Treviso).

 

Il programma prevede un doppio approccio:
movimento e alimentazione integrati per recuperare non solo il peso forma, ma anche uno stile di vita più sano e lungimirante, con l’ausilio di tecniche di comunicazione con l’inconscio, a sostegno del cambiamento delle abitudini.

 

Obiettivi del corso

– incidere sul cambiamento di alcune abitudini personali dannose
– aumentare i minuti di attività fisica settimanale
– ridurre il peso corporeo
– incrementare il senso di benessere personale

 

NORDIC WALKING
L’attività fisica proposta è il Nordic Walking, condotto da istruttore qualificato.
Perché il Nordic Walking? Con la pratica corretta, si ottiene un consumo calorico superiore del 18-20%, rispetto alla camminata normale.
Referente e responsabile del Progetto: prof.ssa Anna Maria Schiavinato – Tecnico nazionale Nordic Walking (Master Università di Verona); diplomata ISEF Bologna.

 

PIANO ALIMENTARE PERSONALIZZATO
Una biologa nutrizionista curerà il piano alimentare personalizzato per ciascun partecipante, basato su una ricca dieta mediterranea.
Referente e responsabile del Progetto: dott.ssa Maddalena Matturro – Biologa nutrizionista (Università di Napoli).

 

SOSTEGNO AI PROCESSI DI CAMBIAMENTO
La psicologia energetica offre un sostegno importante nei processi di cambiamento. PSYCH-K® è una tecnica nata nell’ambito della psicologia dell’inconscio, preziosa per l’acquisizione di nuove abitudini.
Referente: dott.ssa Roberta Marzola, facilitatrice avanzata PSYCH-K® e tecniche per il riequilibrio energetico.

 

Per info e prenotazioni: evento

Venerdì 18 gennaio alle 20.45, presso l’Auditorium delle Scuole Medie di Casale, si terrà la conferenza “Alimentazione ambiente agricoltura” – come scegliere in maniera informata e consapevole il cibo salutare degli agricoltori biologici del proprio territorio, per la prevenzione del cancro, delle malattie degenerative (es. Alzheimer) e dei cambiamenti climatici.

 

L’evento, organizzato da Oltreconfin – Distretto di Economia Solidale e patrocinato dal comune di Casale sul Sile, vedrà come relatore il biologo nutrizionista Giuseppe Vivan.

Al termine assaggi di prodotti locali e tisane.

 

L’ingresso è libero.

 

Quante volte aprendo Instagram vi sarà capitato di imbattervi in video di atleti che sollevano pesi immaginabili e vi siete chiesti cosa mai passasse per la testa a questi intrepidi atleti? La risposta è una sola: il CrossFit.

 

Il CrossFit è un allenamento che nasce in America e sta sempre più prendendo piede in Italia. L’allenamento prevede esercizi ad alta intensità intervallati a sollevamento pesi, pliometria, powerlifting, sollevamento kettlebell e altri esercizi. Non mi soffermerò su questa tipologia di allenamento e su come si svolge (non è mio compito!), cercherò, piuttosto, di dare alcuni consigli di tipo nutrizionale per poter migliore le prestazioni, senza dover ricorrere ai famosi “bibitoni” che, ahimè, grandi aziende cercano, ancora, di far passar come salutari ed efficaci.

 

 

Durante la fase di pre-allenamento i primi alleati per un allenamento di CrossFit sono:

 

Succo di melograno. Il melograno contiene grandi quantità di molecole polifenoliche che sono coinvolte nei processi antinfiammatori e antiossidanti. In un recente studio è stato fatto assumere succo di melograno a degli atleti, i quali hanno riscontrato maggior forza e minor indolenzimento nella parte superiore del corpo, dopo aver svolto uno sforzo muscolare.

 

Estratto di ciliegia. Come il melograno, la ciliegia contiene elevate quantità di molecole antiossidanti che, secondi studi, aiutano nel recupero dall’esercizio fisico in tempi minori.

 

Tè verde. I polifenoli presenti nel tè verde hanno effetti antiossidanti e, in più, potrebbero essere coinvolti nel potenziamento della resistenza muscolare. Inoltre, il tè verde, ha effetti anti-obesità e presenta una sostanza eccitante simile alla caffeina che, nella fase di pre-allenamento, viene fatta assumere agli atleti per migliorare la loro concentrazione e la loro risposta allo sforzo.

 

Sfatiamo il mito che “se mi alleno, solo proteine”: il nostro corpo non è fatto solo di proteine.

 

Studi clinici hanno dimostrato come l’assunzione di proteine (circa 10 grammi) associate a carboidrati (circa 21 grammi) nella fase post-allenamento aumentino la sintesi proteica e facilitano la nuova sintesi di glicogeno.
A cosa corrispondono 10 g di proteine associate a 21 g di carboidrati?
A un semplice panino integrale di dimensioni piccole con 2/3 fette di prosciutto crudo, bresaola o fesa di tacchino o a uno yogurt magro.

 

Questi consigli nutrizionali sono validi per qualsiasi attività fisica ad alta intensità, non solo per il CrossFit!
Spero che possiate comprendere che i “bibitoni” non servono a nulla (se non a spendere molti soldi) e che, la natura, ci ha messo a disposizione tutto ciò di cui abbiamo bisogno per migliore le nostre prestazioni fisiche, oltre a renderci pronti per la fatidica prova costume!

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni