Italia MondoSlide-mainSocialeSostenibilità

A Poste Italiane l’attestazione “Diversity&Inclusion”

2 minuti di lettura

Il Gruppo guidato dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante è la prima società di grandi dimensioni del Ftse Mib certificata secondo lo standard Uni Iso 30415:2021. Rilasciata da IMQ per l’impegno nell’integrazione dei principi di valorizzazione delle diversità e l’adozione di una cultura aziendale inclusiva.

Attestazione “Diversity&Inclusion” per Poste Italiane. L’azienda è stata certificata secondo lo standard ISO 30415:2021 Human resource management – Diversity and Inclusion per la sua capacità di integrare i principi di diversità e inclusione in tutti i processi di progettazione, indirizzo, controllo, coordinamento e fornitura dei servizi postali, finanziari, assicurativi e digitali. A rilasciare l’attestato IMQ, uno degli organismi di certificazione accreditati più autorevoli a livello internazionale. La certificazione conferma ancora una volta il ruolo centrale che Poste Italiane assegna ai principi di sviluppo sostenibile.

“La cultura d’impresa espressa da Poste Italiane, ispirata alla inclusione, risulta ancora più radicata e viene avvertita sempre meglio, anche all’esterno dell’azienda e sul piano internazionale ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante –. L’attestazione riconosce quindi questa percezione frutto del lavoro compiuto negli ultimi anni dal Gruppo sull’inclusione attraverso la valorizzazione della diversità in tutte le sue forme e su ogni piano organizzativo e rafforza il nostro impegno nel candidarci come riferimento nazionale sulla diversity & inclusion”.

“L’affermazione di una cultura inclusiva – commenta Giuseppe Lasco, Condirettore Generale di Poste Italiane – genera benefici individuali e collettivi ed è in grado di arricchire ad ogni livello di responsabilità l’esperienza di tutte le persone di Poste Italiane. Il riconoscimento allinea l’Azienda ai principali standard di riferimento, favorisce un cambio di passo per una cultura sempre più inclusiva e diffusa nella società, potenziando la reputazione internazionale del Gruppo per l’efficacia delle sue politiche di inclusione”.

Giuseppe Lasco Condirettore Generale Poste Italiane

La gestione consapevole delle diversità in chiave inclusiva, oltre a creare valore sociale condiviso, determina un vantaggio competitivo per l’intero Gruppo ed è funzionale alla promozione dell’engagement delle persone rispetto agli obiettivi aziendali. L’ottenimento dell’attestazione ISO 30415:2021 rappresenta infatti un ulteriore merito dell’Azienda, che va ad aggiungersi ad altri importanti riconoscimenti ottenuti da Poste Italiane, tra cui la leadership globale nell’uguaglianza di genere secondo il Gender-Equality Index di Bloomberg e l’ingresso nella classifica globale Top 100 sulla parità di genere stilata da Equileap.

L’attestazione ISO 30415:2021 si aggiunge alle altre certificazioni ottenute dal Gruppo Poste Italiane: ISO 37301:2021 (sistema di gestione per la compliance), ISO 9001:2015 (qualità), ISO 37001:2016 (prevenzione della corruzione), ISO 45001:2018 (Salute e Sicurezza sul lavoro), ISO 14001:2015 (Ambiente), ISO 20000-1:2018 (Gestione dei Servizi ICT), ISO 27001:2013 (Sicurezza delle Informazioni), ISO 20400:2017 (Acquisti Sostenibili), IMQ IMS:2021 (integrazione dei sistemi di gestione), ISO 29993 (formazione), ISO 22222 (Consulenti finanziari in materia di investimenti) e UNI TS 11348 (servizio di consulenza in materia di investimenti) nonché la UNI 11402:2020 (educazione finanziaria) e la ISO 37002:2021 (sistema di gestione whistleblowing).

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio