AmbienteItalia MondoSlide-mainSostenibilità

10mila nuovi alberi per la Giornata nazionale dell’Albero

1 minuti di lettura

Per festeggiare la Giornata nazionale dell’Albero del 21 novembre, Treedom ha lanciato una campagna per piantare 10mila nuovi alberi in Italia. L’azienda fiorentina, che permette a persone e aziende di piantare alberi in tutto il mondo e seguire online la storia di ciò che realizzeranno, ha deciso di dedicare un’iniziativa speciale proprio all’Italia.

Si tratta di 4 progetti di piantumazione realizzati in collaborazione con associazioni si dedicano al recupero di terreni incolti o di beni confiscati alla criminalità organizzata, e che prenderanno vita in Toscana, in Campania e in Puglia (uno in provincia di Bari e uno in provincia di Lecce) per un totale di 10.000 alberi. Chiunque potrà contribuire piantando o regalando un albero attraverso il sito treedom.net.

Castagni, carpini, cerri, ma anche tipiche piante da frutto come susini, ciliegi e peri cresceranno a Montieri (provincia di Grosseto), vicino al borgo di Travale, nel cuore di Filicaia, uno dei castagneti più antichi d’Europa

In questo bosco con almeno 2000 anni di storia, Treedom lavora insieme con l’associazione Quercus, impegnata da anni in attività come fattorie didattiche, campus scuola alternativi, laboratori di riscoperta e valorizzazione dei mestieri antichi. La rinascita del castagneto supporterà la microeconomia locale, con l’obiettivo di accendere anche una luce sulle bellezze storiche e naturali di un angolo di Toscana lontano dai classici flussi turistici.

In Campania, Treedom collaborerà su due terreni confiscati alla Camorra: con Terra Viva, una rete di associazioni e attivisti che gestiscono il fondo agricolo “Nicola Nappo” a Scafati, in provincia di Salerno, e con la Masseria Antonio Esposito Ferraioli, gestita dall’associazione Sott’e’ncoppa ad Afragola (Napoli). Il progetto vedrà la crescita di migliaia di viti. 

Semi di Vita, cooperativa sociale agricola e biologica, è il partner del progetto che prenderà il via in provincia di Bari, dove saranno piantati alberi da frutto come mandorli e melograni. Realtà giovane, ma con un’esperienza già decennale, Semi di Vita gestisce una fattoria di 26 ettari, recuperata da trent’anni di abbandono, confiscata alla mafia.

In provincia di Lecce, Treedom collabora con la Fondazione Sylva. Nata nel 2021, si concentra su attività di rimboschimento, e prevede la piantumazione di specie tipiche della macchia mediterranea: pino, leccio, quercia, lentisco, e corbezzolo. La Fondazione si pone l’obiettivo di espandere la superficie boschiva e avviare la rinaturalizzazione sia di terreni attualmente non utilizzati che di oliveti distrutti dalla Xylella, batterio che ha innescato una duratura crisi ambientale negli ultimi dieci anni.

Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio