Home / Economia  / Sanità  / Zanoni e Bigon (PD): “Emergenza personale negli ospedali della Marca”

Zanoni e Bigon (PD): “Emergenza personale negli ospedali della Marca”

Zanoni e Bigon (PD): “Emergenza personale negli ospedali della Marca: assumere gli 80 professionisti che mancano nei reparti di terapia intensi “Nei reparti di terapia intensiva degli ospedali della Marca mancano ben 80 professionisti, un numero

Zanoni e Bigon (PD): “Emergenza personale negli ospedali della Marca: assumere gli 80 professionisti che mancano nei reparti di terapia intensi

“Nei reparti di terapia intensiva degli ospedali della Marca mancano ben 80 professionisti, un numero enorme. Non lo diciamo noi consiglieri del Partito Democratico, ma il Piano dei fabbisogni di personale fino al 2023 e sulla dotazione organica per il 2021 dell’Ulss 2 firmato dal direttore generale. Sono figure indispensabili, a maggior ragione adesso in piena pandemia e con le strutture sanitarie sotto pressione: la Regione deve provvedere prima possibile alle assunzioni”. È questo il sollecito che arriva dai due esponenti del Partito Democratico in Consiglio regionale Andrea Zanoni e Anna Maria Bigon (vicepresidente della commissione Sanità), che hanno presentato un’interrogazione rivolta all’assessore Lanzarin.

“Secondo quanto riportato dalla stampa, facendo comunque riferimento a un documento della stessa Ulss, le carenze riguarderebbero 10 medici, 52 infermieri e 18 operatori sociosanitari. Personale non aggiuntivo o di supporto bensì necessario ‘per garantire l’adeguamento dei posti letto secondo quanto prescritto dalle nuove schede ospedaliere e a seguito del decreto legge che rivede i posti letto delle terapie intensive e semintensive, nonché del decreto regionale che determina i tempi assistenziali per paziente’. Per questo chiediamo all’assessore Lanzarin che la Regione intervenga in fretta, perché, nonostante il leggero calo dei ricoveri, la situazione legata alla pandemia Covid rimane di forte allarme: ancora oggi in tutto il Veneto abbiamo 354 persone ricoverate in terapia intensiva, mentre le le vittime hanno superato quota ottomila. Dobbiamo concentrare tutte le nostre forze nella lotta al virus: non solo con le vaccinazioni, fondamentali per vincere questa battaglia, ma anche potenziando la sanità pubblica”.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni