Home / Cultura  / #instacult  / Tornare indietro? Forse perché il futuro genera timore.

Tornare indietro? Forse perché il futuro genera timore.

Diretto da Nicolas Bedos, con un Daniel Auteuil ispirato e curioso, il film è clamorosamente pieno di coraggio e inneggia alla vita, nostalgica e piena di passioni. Il fumettista Victor, tra una crisi lavorativa e un

Diretto da Nicolas Bedos, con un Daniel Auteuil ispirato e curioso, il film è clamorosamente pieno di coraggio e inneggia alla vita, nostalgica e piena di passioni.
Il fumettista Victor, tra una crisi lavorativa e un alterco con sua moglie Marianne(Fanny Ardant) riesce grazie all’incontro con l’eccentrico imprenditore Antoine, a rivivere il più bel giorno della sua vita.
E il passato per Victor non può prescindere  da una sera di maggio del 1974 a Lione, dove il fascino di Marianne fece capolino e capovolse la sua vita.
Questa è la chiave, il canovaccio melo’, che si perde nella meglio gioventù fino a porre interrogativi disincantati sul tempo che trascorre e la nostalgia che impera ancorata ad un presente che appare ora aggrappato a cliché ripetitivi.
Tra realtà e finzione tutto scorre e si dipana, è un film d’amore fatto con amore per l’amore, intimo e di grande e seducente brio.
Pret a vintage…
La belle èpoque da novembre al cinema
Mauro Lama instacult

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni