Home / Posts Tagged "Valdobbiadene"

Nasce il “Cammino del Patrimonio dell’Umanità”, 40 km di passeggiata da Vittorio V. a Valdobbiadene, sui colli ricamati da vigneti e ciglioni

 

«Sarà emozionale, strepitoso» così lo ha definito Luca Zaia, presidente della Regione.

Si tratta di un sentiero di 40 km (neanche uno su strada asfaltata), con partenza da Vittorio Veneto e arrivo a Valdobbiadene, tra le Colline del Prosecco, con possibilità di ristoro e alloggio.

 

Il tutto sarà gestito dalle Pro Loco locali. “Un ringraziamento particolare – ha dichiarato Zaia – va a tutti volontari delle Pro Loco locali che negli anni non hanno mai smesso di promuovere la vita e la bellezza di questa terra”.

 

Questo itinerario – che unisce natura, storia e cultura – sarà unico nel suo genere e collegherà una rete di altri 37 sentieri mappati e percorribili a piedi o in bicicletta entro la fine dell’estate 2021.

L’associazione sportiva Strada Facendo – Nordic Walking Treviso organizza una camminata Nordic Walking sul Monte Cesen (Valdobbiadene).

 

Descrizione percorso

Si parte da Malga Mariech (1500 mt.) in direzione malga Barbaria, dalle pozze di abbeveraggio (le Pose) saliamo in direzione Cima Orsere. Il sentiero dopo un tratto in costa scende alla Val delle Marie (1330 mt.) per risalire tagliando il Monte Cesen fino ai ruderi della Casera Forcelletta (1405mt.). Da qui il panorama è spettacolare sulla valle del Piave e sulla Valbelluna. Tornati alla forcelletta si prende il sentiero che sale per 170 mt fino alla cima del Cesen. È una salita in parte faticosa che ci permette di arrivare al colmo con una vista a 360°. Da lì si scende per ritornare a Malga Mariech.

 

Programma

Ritrovo a Treviso alle ore 7.30 – parcheggio Stadio Rugby, str. Cisole
Ritrovo in loco: ore 8.45 Malga Mariech
Lunghezza percorso: 7 km
Dislivello: 350 m

 

Info utili

Data evento: 21 luglio 2019
Orario evento: 07.30 – 14.30
Durata: 3 ore
Difficoltà: medio-facile
Quota di partecipazione: € 5
Iscrizioni entro venerdì 19 luglio

La 43° sessione del Comitato per il Patrimonio mondiale Unesco, riunita a Baku, capitale dell’Azerbaijan, ha iscritto le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nella lista dei paesaggi culturali da tutelare come patrimonio dell’umanità

 

Intervista a margine a Zaia

 

 

Intervista a margine al ministro Centinaio

 

Un commento di Elena Donazzan

“Una nomina più che meritata, un riconoscimento che va a valorizzare un territorio ineguagliabile per bellezza e per qualità della produzione vitivinicola”. Commenta così la nomina a patrimonio dell’Unesco delle colline del Prosecco l’assessore regionale al Lavoro e alla Formazione del Veneto, Elena Donazzan.

 

“Una buona notizia che arriva a pochi giorni dall’aggiudicazione delle Olimpiadi invernali 2026 a Milano-Cortina, che impone al Veneto la sfida di promuovere un turismo all’altezza delle aspettative dei visitatori”.

 

“Complimenti al Presidente Luca Zaia per il coraggio e la lungimiranza dimostrati in questa partita: anche questa volta ha puntato senza esitazione, e a ragione, sulla bellezza del nostro territorio. Un grazie, inoltre, ai tanti imprenditori che in questi anni hanno investito ristrutturando, manutenendo, abbellendo, lavorando nel modo giusto queste difficili colline. Infine un plauso al vicesindaco di Valdobbiadene Tommaso Razzolini, che si è molto speso in questi ultimi 5 anni con la sua delega al turismo. Sia per far conoscere il proprio Comune, sia per promuovere in ogni posto e occasione la qualità del Prosecco Consegliano-Valdobbiadene DOCG. Vince un’idea, vince un territorio, nell’interesse del Veneto e di tutti i veneti”.

L’evento di Valdobbiadene si sposta in avanti di tre settimane: appuntamento al 29 settembre su un tracciato che per la prima volta porterà duemila ciclisti provenienti da tutto al mondo ad attraversare il centro storico di Conegliano, transitando anche per via XX Settembre e Piazza Cima. Sarà un’edizione all’insegna delle donne e di una nuova, sorprendente “classifica non classifica”.

 

 

Una capitale del Prosecco c’è già: è Valdobbiadene. L’altra arriverà nel 2019, quando per la prima volta oltre duemila ciclisti provenienti da tutto il mondo proveranno l’emozione di pedalare nel centro storico di Conegliano.

 

Le due città simbolo dell’area del Prosecco Superiore saranno idealmente unite lungo i 100 chilometri di sviluppo della Prosecco Cycling. Ma l’abbinamento tra Valdobbiadene e Conegliano non è l’unica novità dell’evento che, da 15 anni, coniuga al meglio un ciclismo da vivere senza esasperazioni e la promozione di un territorio unico al mondo.

 

Nel 2019, infatti, la Prosecco Cycling si svolgerà domenica 29 settembre, tre settimane più tardi rispetto alle ultime stagioni: sarà così l’evento di chiusura della stagione per tantissimi appassionati. La sua è una storia importante: oltre 40 mila ciclisti hanno pedalato nel cuore delle colline del Prosecco nelle 15 edizioni dell’evento ideato da Massimo Stefani. Ma Prosecco Cycling, grazie anche al sostegno di partner e sponsor d’alto livello e della Regione Veneto, non si ferma qui.

 

“Prosecco Cycling – spiega il sottosegretario alle Politiche Agricole, Franco Manzato – è un evento che promuove nel mondo le colline del Prosecco Docg e i prodotti tipici, con particolare attenzione al comparto enogastronomico. Sono moltissimi, ormai, i turisti che scelgono di utilizzare una bici per avventurarsi sulle strade del gusto, associando al duplice vantaggio del divertimento e della sensazione di benessere prodotti dall’attività fisica, la conoscenza delle eccellenze enogastronomiche che fanno grande e unico il Made in Italy. E’ fondamentale investire in queste realtà e preservarle il più possibile per le future generazioni, attraverso una visione di promozione territoriale, strutturale e di mercato”.

 

“Oltre 40mila persone negli ultimi 15 anni hanno potuto scoprire il fascino delle colline del Prosecco grazie al richiamo della Prosecco Cycling – aggiunge l’assessore al Turismo della Regione, Federico Caner -. Un biglietto da visita che rispecchia perfettamente l’offerta turistica dei nostri territori, grazie all’essenza stessa di una manifestazione che coniuga la passione per la bici e lo sport con la degustazione delle eccellenze gastronomiche del territorio, il tutto con uno sguardo alla eco-sostenibilità e al rispetto per l’ambiente. Da evento di respiro internazionale, la Prosecco Cycling ha visto negli anni la presenza di partecipanti provenienti da oltre 25 Paesi, confermando l’appeal sui turisti stranieri di un territorio a misura d’uomo, ricco di eccellenze e che punta a regalare esperienze a tutto tondo ai propri ospiti”.

 

Anche nel 2019 Prosecco Cycling partirà dalla sua sede storica, Valdobbiadene, dove sarà collocato pure il traguardo, ma l’attraversamento di Conegliano promette di regalare nuove emozioni. “Prosecco Cycling – commenta il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese – è un evento di grande importanza. Ripartiamo verso l’edizione 2019 con rinnovato entusiasmo e progetti chiari: come amministrazione comunale siamo a disposizione del comitato organizzatore con l’obiettivo di mettere in campo tutti i servizi e le iniziative che possono favorire la crescita di un evento unico nel suo genere”.

 

All’entusiasmo di Fregonese si accompagna quello del collega Fabio Chies: “La nostra città – aggiunge il sindaco di Conegliano – è lieta di accogliere la Prosecco Cycling. Il passaggio in centro storico, con transito in via XX Settembre e Piazza Cima, renderà ancora più entusiasmante un evento che da anni promuove al meglio il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg. Come amministrazione comunale siamo pronti a collaborare con Valdobbiadene per il successo dell’evento e a mettere in campo ogni forza per garantire la sicurezza dei partecipanti”.

 

12 tra i 15 Comuni della Docg sono direttamente interessati dal passaggio della Prosecco Cycling: Cison di Valmarino, Conegliano, Farra di Soligo, Follina, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, San Pietro di Feletto, Sernaglia della Battaglia, Susegana, Tarzo e Valdobbiadene, dove i ciclisti, nel finale di percorso, affronteranno per la prima volta “La Rivetta”, ascesa che attraversa la collina del Cartizze, vero e proprio Grand Cru del Prosecco.

 

La Prosecco Cycling 2019 sarà un evento all’insegna della sostenibilità ambientale. Un obiettivo lanciato alla vigilia dell’edizione 2018, con lo slogan #we2gheter, quando a Villa Sandi, in una serata che ha accomunato la Prosecco Cycling e i Mondiali di sci alpino di Cortina 2021, sono intervenuti i sindaci del territorio e numerosi rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, del turismo e dello sport.

 

Prosecco Cycling piace anche, e sempre di più, alle donne: in 180 hanno preso parte all’edizione 2018 e saranno premiate con la possibilità di invitare gratuitamente un’altra donna a partecipare all’edizione 2019. Tutte, all’arrivo, troveranno ad attenderle una rosa.

 

L’invito a pedalare senza fretta – rivolto a uomini e donne – caratterizzerà anche la prossima edizione della Prosecco Cycling, che continuerà a proporre classifiche basate sul cronometraggio delle principali salite e sulla compattezza di squadra. Ma – novità assoluta – offrirà anche il debutto della cosiddetta “classifica non classifica”, destinata a premiare chi, per ogni categoria, nella media oraria di percorrenza delle quattro salite cronometrate, si avvicinerà di più alla media di percorrenza dei quattro tratti cronometrati, calcolata sulla base della partecipazione all’edizione 2018.

 

“Prosecco Cycling – aggiunge Massimo Stefani – darà sempre più spazio ad un ciclismo senza esasperazioni. È un evento ormai consolidato e rappresentativo per l’intero territorio, in cui tutti i partecipanti sono davvero vincitori. Abbiamo scelto un format coraggioso, ma che si sta dimostrando vincente. La partecipazione degli stranieri è in aumento, così come i pernottamenti. Prosecco Cycling ha raggiunto dimensioni che richiedono accordi chiari e relazioni costanti con le istituzioni: penso ad un patto tra sindaci per sostenere la macchina organizzativa, con particolare riferimento agli aspetti legati alla sicurezza dei partecipanti”.

 

Le iscrizioni per l’edizione 2019 apriranno a fine gennaio. Il conto alla rovescia può davvero iniziare.

Giornata densa di appuntamenti quella di oggi, sabato 26 maggio 2018, per il Presidente della Regione del Veneto.

 

Alle ore 11.00, a Cà Giustinian a Venezia, Sala delle Colonne, il Governatore parteciperà alla cerimonia inaugurale della Biennale di Architettura, nel corso della quale sdarà anche consegnato il Leone d’Ora alla Carriera a Kenneth Frampton.

 

Alle ore 13.30, il Presidente si sposterà a San Pietro di Feletto, in provincia di Treviso, per partecipare ai festeggiamenti per il quarantesimo anniversario dell’Azienda Agricola “Il Colle”, in via Colle 15.

 

Alle ore 17.00, il Governatore sarà infine a Valdobbiadene (Treviso), dove verrà inaugurato il nuovo Polo Logistico della Cantina Produttori di Valdobbiadene, in via San Giovanni 45.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni