Home / Posts Tagged "tecnologia"

L’emergenza Coronavirus, in Italia, sta dominando le notizie d’attualità e ha travolto tutti gli aspetti della nostra quotidianità.

La necessaria chiusura dell’intero Paese e il conseguente abbassamento delle serrande di qualsiasi attività ed azienda hanno messo gli italiani in una situazione surreale durante questa emergenza.
Come possono aiutarci il mondo della rete e il Web Marketing a superare questa situazione?

 

 

Il Web Marketing al tempo del COVID-19

Seppur il mercato digitale sia fondamentalmente differente dal mercato reale, il marketing digitale si rivolge comunque a persone in carne e ossa. Chiaramente se le persone sospendono tutte le loro attività o le cambiano, allora anche il web marketing si adatta e cambia seguendo i tempi.

 

Google Ads e Facebook Ads, due colossi della pubblicità online, sono i due servizi/piattaforme online che in questi giorni vedranno più interventi rispetto al solito. Così come i pezzi grossi delle vendite online, come Amazon ed E-Bay, porteranno sicuramente a chi vende grossi benefici in questo periodo di incertezze per i consumatori.

 

In questo momento quindi stiamo vivendo un vero e proprio boom degli e-commerce, così come le ottimizzazioni dei processi chiave sui siti atti alla vendita: collegamento magazzini e stock, metodi di pagamento e spedizioni, allacciamento aree utente, ottimizzazioni della pagina checkout…

 

Smart Working

Questa scomoda situazione di quarantena ha modificato di molto il modo di lavorare di tutto il paese: finalmente nel 2020 anche in Italia si è scoperto lo smart working, un metodo funzionale ed una valida alternativa alla chiusura forzata di certi ambienti lavorativi.

 

Attraverso videochiamate, webinar, webmeeting e dirette streaming si sta aprendo un nuovo mondo in cui tutti hanno l’opportunità di prendersi più responsabilità, aiutando le aziende a snellire i processi e le difficoltà del momento.

Grazie agli innumerevoli strumenti di comunicazione presenti al giorno d’oggi infatti, il non essere vicini fisicamente a qualcuno non vuol dire ridurre la comunicazione interpersonale.

 

La tua azienda è pronta a lavorare da remoto?

Una cosa sembra essere certa: bisogna reagire accelerando e approfittando del momento per sistemare tutte le cose rimandate e pianificare al meglio azioni di medio/lungo termine come la SEO su Google e l’Analytics.

 

È necessario cercare di prevedere potenziali impatti negativi sulle attività di marketing come la lead generation che potrebbe diminuire in efficacia e il lead flow all’interno del funnel che potrebbe subire rallentamenti e peggioramenti nei tassi di conversione.

 

Mettiti in contatto con gli esperti di WTN-Digital Partner e analizza le possibilità per la tua azienda: in poco tempo potresti scoprire che molte fasi del tuo lavoro si possono svolgerle da remoto, permettendoti di continuare a lavorare e vendere anche in questa situazione di emergenza.

Internet può essere una formidabile riserva di informazioni, intrattenimento, comunicazione con persone conosciute e non. Ma può anche essere un luogo pieno di minacce, se ci si avventura al suo interno senza proteggersi adeguatamente. Infatti in rete si aggirano anche moltissimi truffatori a caccia del nostro denaro e dei nostri dati.

 

Ecco perché abbiamo deciso di raccogliere questi 5 consigli, che sono la base per muoversi online senza rischi (o quantomeno limitandoli moltissimo).

 

L’importanza dell’antivirus

Proprio come quando si esce di casa in inverno bisogna mettersi dei vestiti pesanti per evitare di ammalarsi, così quando navighiamo su internet dobbiamo dotare il nostro computer, tablet o smartphone di una, per così dire, sciarpa virtuale: l’anti-virus e/o anti-malware. Questi software, che possono essere gratuiti o a pagamento, riconoscono i programmi malevoli e sono in grado di neutralizzarli prima che danneggino i nostri dispositivi o rubino informazioni sensibili.

 

Usare la rete senza queste protezioni equivale a uscire in pieno inverno in bikini: il raffreddore è assicurato, e così anche il virus informatico. Alcuni esempi di anti-virus e anti-malware molto noti ed efficaci sono Avast, Malwarebytes, Kaspersky, Norton, McAfee.

 

 

Occhio al phishing

La realtà però è che proteggere i nostri dispositivi da software dannosi non è sufficiente. Spessissimo infatti i nostri dati e informazioni sensibili non ci vengono tolti tramite sofisticati strumenti digitali, ma ci vengono semplicemente chiesti, e noi li forniamo. Si chiama “phishing” ed è una pratica che consiste nell’ingannare un utente della rete perché consegni i dati, ad esempio, della carta di credito, o altre informazioni delicate.

 

Il phishing può avvenire via e-mail: ad esempio si riceve una mail della banca che dice che è necessario confermare i dettagli della propria carta di credito; o una mail da un amico che afferma di avere bisogno di soldi e di inviarglieli a un certo conto corrente. Ma sempre più truffatori oggi usano anche WhatsApp, Messenger e altri strumenti di messaggistica istantanea. Non comunicate mai i vostri dati sensibili in risposta a un messaggio o a una mail, e non fate bonifici senza aver parlato di persona con chi ve li chiede.

 

 

Acquisti online sì, ma in sicurezza

Negli ultimi anni l’e-commerce, cioè la pratica di fare acquisti online di oggetti o servizi, si è sviluppata moltissimo. Ma il problema è che quando le transazioni di denaro si svolgono tramite siti poco sicuri, i dati sensibili possono essere esposti a occhi malintenzionati. Per proteggersi da questa evenienza bisogna agire in due direzioni.

 

La prima è quella di rivolgersi solo a siti affidabili. Facciamo l’esempio di un settore particolarmente delicato, quello del gioco online, in cui esistono siti affidabili ma altri che lo sono molto meno. Bisogna scegliere solo casino online sicuri, selezionando quelli che sono autorizzati e regolamentati dalle autorità italiane (l’ADM, ex AAMS).

 

La seconda direzione da prendere è quella di utilizzare dei metodi di pagamento che proteggano i propri dati e i propri fondi, come ad esempio gli eWallet. Il più famoso è Paypal, e si tratta di portafogli virtuali che si interpongono tra i dati personali dell’utente e il sito da cui acquista. Altro metodo di pagamento sicuro sono le carte prepagate, come la Postepay.

 

 

Condividere con parsimonia

Su internet possiamo entrare in contatto con moltissime persone, e si tratta di uno strumento fantastico per fare nuove conoscenze. Ma attenzione alle informazioni e alle immagini che scegliamo di condividere. La regola è di non inviare mai via internet immagini che potremmo vedere cancellate in futuro o che potrebbero mettere in pericolo la nostra reputazione. Non solo perché la persona con cui siamo in contatto potrebbe usarle a scopi criminali (ad esempio per ricattarci) ma perché i suoi dispositivi (così come la piattaforma attraverso cui l’immagine è stata inviata) potrebbero essere hackerati.

 

 

Attenzione ai siti di streaming

Guardare film e serie tv in rete è una delle attività più divertenti che si possono fare online. E se crescono sempre di più gli utenti delle piattaforme a pagamento, come Netflix, aumentano anche coloro che si affidano ai siti di streaming gratuiti pirata. Apparentemente, questi siti offrono una quantità immensa di video senza pagare nulla, ma in realtà possono essere un tramite per virus, malware e altri software dannosi.

 

Usare internet in sicurezza dipende in gran parte da voi. Gli strumenti per proteggervi dai cybercriminali esistono, quindi fatene buon uso!

“È in momenti come questi che si pongono le basi per riorganizzare la propria attività imprenditoriale in modo che, superata la crisi, sia pronta a ripartire cogliendo le nuove opportunità che si presenteranno. È oggi che ci si gioca il futuro”. Ne è convinto Matteo Busato, ingegnere, fondatore e amministratore di Make Group Srl, società che tramite i brand Make Consulting, Nuovi Talenti e LaFirma, eroga servizi per l’innovazione e lo sviluppo delle imprese con sede a Scorzè. Per questo, senza perdersi d’animo, dopo averne parlato con il suo team ha dato vita alla community “Imprenditore del futuro – insieme si vince”.

 

Oltre al suo team, ha coinvolto avvocati specializzati in diritto del lavoro e diritto societario, commercialisti, esperti di comunicazione, commercianti con grande esperienza nel settore vendite, professionisti nel mondo del credito e del fisco, imprenditori. “Si tratta di una community aperta a cui ciascun imprenditore può partecipare. Ci ritroviamo giornalmente su Facebook e in differita su Linkedin per offrire attraverso delle dirette occasioni di formazione. Lo stile – spiega Busato – non è quello della lezione, perché non siamo docenti. Preferiamo il confronto, suscitare domande, scambiando idee e proposte che si fondano sull’esperienza professionale di cui ciascuno di noi è portatore”.

 

La partecipazione a questo spazio di formazione e condivisione è gratuita e aperta a tutti: basta iscriversi al gruppo Facebook “IDF – Imprenditore del futuro”.

 

 

Il programma delle dirette prevede due appuntamenti ogni giorno, sabato compreso, alle ore 14.00 e alle ore 20.00 in cui un professionista a turno si confronta per circa mezz’ora in diretta, offrendo spunti e raccogliendo domande e proposte. I temi sono vari: da come rendere il bilancio più efficiente al saper fare rete d’impresa; dallo Smart Working al rilancio del proprio brand; dalla sicurezza in azienda allo sviluppo di prodotti innovativi.

 

“Mai avrei pensato di raccogliere così tante adesioni. Questo è il momento di dare perché domani si possa ancora ricevere. E il condividere esperienze diverse può essere la strategia vincente. Se le richieste di aiuto e adesioni al gruppo “Imprenditore del Futuro” continuano a crescere, abbiamo già pensato di ampliare il numero degli interventi Live su Facebook e LinkedIn”. Una community aperta e solidale. Busato infatti con la società Make Group Srl è tra i sostenitori delle campagne di raccolta fondi da destinare ai nostri ospedali. “Perché prima di tutto c’è da vincere la battaglia sanitaria. Aiutando i tanti professionisti, medici e infermieri, che in questi giorni sono in prima linea” conclude.

È partito da poco un nuovo anno, e ci sono già molte novità di cui parlare, per quanto riguarda il settore della tecnologia e in particolare quello dei giochi, sia nel campo del gaming, sia per quanto concerne il gambling.
La grande notizia riguarda naturalmente la
nuova uscita di Sony del prodotto tanto atteso per questo 2020: stiamo naturalmente parlando della nuova Playstation 5. La notizia ha fatto ovviamente il giro del mondo, visto che si tratta di una piattaforma dove c’è tantissima attesa e le aspettative sono naturalmente molto alte. Secondo alcune indiscrezioni e rumors piuttosto accreditati, negli ambienti del mondo gamer, l’attesa potrebbe terminare già durante le prossime settimane, visto che qualcosa inizia a muoversi in casa Sony, già a partire da febbraio, con un lancio che riguarda un evento in programma a New York, il prossimo 16 febbraio 2020. 

 

 

Come sarà il nuovo modello di PS5

Che sia una notizia reale o meno, poco importa, visto che sono trapelate già alcune informazioni su come sarà la nuova PS5 che riguardano ad esempio il kit di sviluppo, i comandi con il controller che dovrebbe avere, almeno secondo Wired, l’assistente vocale integrato, attraverso l’utilizzo di un microfono ambientale, la cui funzione sarà quella di far interagire l’utente, il quale verrà assistito durante le sue partite. Importanti innovazioni anche per quanto concerne la linea del design, come era già stato annunciato da Sony durante lo scorso anno. Notizia già confermata, visto che sono apparse su Twitter le prime immagini sull’aspetto della nuova console. Una console che naturalmente strizza l’occhio alle ultime tendenze, nel campo tecnologico della videoludica, come era auspicabile, in risposta anche alle ultime uscite della casa Nintendo. 

 

La risposta da parte del colosso Sony non è mancata e sarà una cosa di cui si parlerà di certo nei prossimi mesi, se non di più, senza nulla togliere a tutte le altre piattaforme di gioco. Tra i giochi più praticati di questi ultimi anni, si attesta senza dubbio il comparto del gambling, cioè del gioco d’azzardo. Si va dai giochi tradizionali da casino fino alle scommesse NetBet che consentono di puntare sugli eventi sportivi, versioni digitali dei classici gioco d’azzardo dove la fortuna da sempre stuzzica gli audaci. 

 

 

Il gioco online oggi

Nel gioco in versione digitale e multimediale, è un software tarato su un certo numero di vincite a simulare la pallina che ruota sulle caselle numerate, con lo stesso esito in termini di statistiche e di possibilità di vincita; gioco dove come tutti sanno è preferibile scegliere la sua formula classica, la quale a differenza della versione americana, ha un numero inferiore di caselle, che riduce di fatto la possibilità di errore e quindi aumenta le chance di vittoria. C’è tutta una formula in termini di piazzamento delle puntate e di strategia, basata sulle griglie numeriche, e sulle puntate che possono essere esterne quanto interne. La cosa fondamentale è interpretare questo gioco nella sua concezione ludica e di divertimento, giocando con moderazione e nei limiti del gioco d’azzardo legale. Le premesse per un anno di grandi novità e di innovazioni per il comparto della videoludica ci sono tutte, visto che siamo solo all’inizio di questo 2020. 

Il “Black Friday“, la più famosa vendita al dettaglio, è diventato parte integrante di molti periodi di festività, ma questa tradizione ha radici più oscure di quanto si possa immaginare!

 

Black Friday: da Crash finanziario a Shopping Mania

Il primo utilizzo registrato del termine Black Friday non venne applicato allo shopping, bensì alla crisi finanziaria: in particolare, al crollo del mercato dell’oro statunitense avvenuto in data 24 settembre 1869.

Due spietati finanzieri di Wall Street, Jay Gould e Jim Fisk, lavorarono insieme per acquistare tutto l’oro della nazione, sperando di far alzare il prezzo alle stelle e venderlo per guadagni sorprendenti. Quel venerdì di settembre la cospirazione venne però svelata, mandando la borsa in caduta libera e costringendo chiunque alla rovina: dai baroni di Wall Street ai poveri agricoltori del Paese.

 

La storia più comunemente accettata però dietro la tradizione del Black Friday la collega a un’intuizione avuta da rivenditori e negozianti: dopo un anno intero di attività in perdita (in rosso), i commercianti incominciarono a pensare che presumibilmente avrebbero tratto profitto (e tornare in “black”, nero) il giorno dopo la festività del Giorno del Ringraziamento (il quarto giovedì di novembre), perché gli acquirenti di ritorno dalle dispendiose vacanze avrebbero apprezzato comprare merce scontata a buon prezzo.

 

Negli ultimi anni però è emersa un’altra origine del termine, che dà una svolta particolarmente brutta alla tradizione.

Questa teoria sostiene infatti che nel 1800 i proprietari delle piantagioni di cotone meridionali degli Stati Uniti potessero acquistare schiavi a prezzo scontato il giorno dopo il Ringraziamento. Sebbene questa versione delle radici del Black Friday abbia comprensibilmente portato qualcuno a chiedere un boicottaggio della festività, in realtà non ha basi storiche accertate.

 

La vera storia del Black Friday non è comunque così solare e allegra come sembra.

Negli anni Cinquanta, la polizia della città di Philadelphia usò per la prima volta questo termine per descrivere il caos che seguì le festività del Giorno del Ringraziamento, quando orde di acquirenti e turisti si riversarono in città prima della grande partita annuale di football della Marina Militare.

Non solo i poliziotti di Philadelphia avrebbero potuto prendersi il giorno libero, avrebbero anche dovuto lavorare turni extra occupandosi della folla e del traffico. Ovviamente pensando anche ai taccheggiatori che si avvantaggiarono del clamore nei negozi, per aumentare il mal di testa delle forze dell’ordine.

Il trambusto di quegli anni non bastò a placare il trend. Nel 1961 il Black Friday aveva ormai preso piede a Philadelphia talmente tanto che si provò, senza successo, a cambiarne il nome in Big Friday per rimuovere le connotazioni negative degli anni precedenti. Il termine però non si diffuse nel resto dello stato e dopo il 1985 Black Friday diventò di uso comune a livello nazionale.

 

L’epoca d’oro del Black Friday

Alla fine degli anni Ottanta i rivenditori avevano ormai trovato il modo di trasformare il Black Friday in qualcosa di positivo: il risultato fu il concetto di “dal rosso al nero” fondato sull’idea che il giorno dopo la festività del Ringraziamento ci fosse l’occasione per i negozianti americani di ottenere un profitto.

 

Il significato del Black Friday rimase quindi ancorato al concetto di “profitto positivo“, facendo dimenticare ben presto le radici più oscure del termine acquisite a Philadelphia.

 

Da allora, il trend di dedicare una giornata alle offerte e a prodotti scontati si è trasformata in un evento di più giorni, generando altre festività dedicate agli sconti come la Small Business Saturday durante il fine settimana e il sempre più famoso Cyber Monday per i prodotti tecnologici.

In questo articolo elencheremo i 5 errori SEO più comuni, in cui capita di incappare durante l’analisi di un sito web.

 

1.     Mancanza di contenuti di qualità

Il primo motivo che non fa funzionare la strategia SEO è la mancanza di contenuti originali e di qualità sul sito. Assicurarsi pertanto che il sito web pubblichi serve a offrire agli utenti delle pagine che meritano di essere visitate. Presentare invece contenuti non originali, testi copiati dai siti dei competitor, articoli pieni di errori grammaticali possono convincere il pubblico ad abbandonare il tuo sito web e penalizzarti nel posizionamento presso i motori di ricerca.

 

2.     Assenza di keyword efficaci

L’attività di selezione delle keyword non si limita alla ricerca di parole chiave con il volume maggiore, ma riguarda un complesso di valutazioni che prendono in considerazione fattori quali le reali esigenze del sito, i suoi utenti e il posizionamento rispetto ai competitor.

 

3.     Avere un sito non mobile friendly e non responsive

Non aver ancora provveduto a ottimizzare il sito per i dispositivi mobile e non avere un sito mobile friendly né un design responsive che si adatta ai vari display è sicuramente un fattore che può penalizzare in partenza la campagna SEO, oltre che far perdere traffico organico in considerazione del Google mobile first index.

 

4.     Ignorare gli aggiornamenti di Google

Il primo errore in tal senso è non tenere il passo degli aggiornamenti di Google e del suo algoritmo, che generano modifiche in grado di influenzare anche in modo significativo i risultati di ricerca dei siti.

Già nella fase di impostazione della strategia SEO bisogna essere flessibili e pronti a correggere il tiro al netto di eventuali novità di Google, che è il punto di riferimento di questa attività.

 

5.     Essere impazienti

Anche la pazienza è una dote fondamentale per chi cerca di ottenere il massimo dalle proprie campagne SEO: per iniziare a vedere degli effetti concreti e duraturi bisogna preventivare un tempo di attesa di almeno 3 mesi, anche se qualche segnale incoraggiante può comparire già prima.

La SEO è un’attività a medio-lungo termine, che necessita dei giusti tempi di pianificazione e di raccolta dei risultati: solo entrando in questa ottica si può evitare di cadere nella tentazione di ritenere fallita una campagna dopo solo poche settimane, o di cambiare continuamente aspetti tecnici al sito senza capire se le modifiche precedenti possano concretamente essere vincenti.

 

 

Desideri avere ulteriori informazioni o approfondire le tecniche per ottimizzare la SEO del tuo sito? Contatta WTN, web agency con sede a Mogliano Veneto e Roma, con esperienza ventennale nel settore digital!

Sarà capitato a tutti di sentir parlare di realtà aumentata (AR) e di realtà virtuale (VR), ma ancora in pochi ne conoscono la differenza. In questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

 

 

Realtà aumentata. Amplifica la realtà di fronte a te

Quando si parla di realtà aumentata ci si riferisce ad una versione amplificata della realtà che, grazie all’uso della tecnologia, aggiunge contenuti digitali sovrapponendoli all’ambiente reale. In altre parole la realtà aumentata parte dalla nostra realtà e vi aggiunge qualcosa.

Per fare ciò la realtà aumentata si avvale dell’utilizzo di un device, come smartphone o tablet, su cui va scaricata un’APP, oppure sfrutta sistemi più sofisticati come i Google Glasses.

Proveremo a spiegarvi come funziona nella pratica.
Le APP di realtà aumentata utilizzano la fotocamera del telefono per mostrare una visione del mondo reale che hai di fronte. Su quell’immagine di partenza vengono aggiunti dei livelli di informazioni, come testi, altre immagini o effetti.

 

 

Realtà virtuale. Sostituisce la realtà di fronte a te

Quando si parla invece di realtà virtuale, si intende una tecnologia capace di trasportarci in una realtà completamente diversa da quella che stiamo vivendo. Questo è possibile grazie a dei particolari occhiali visori 3D che, una volta indossati, consentono di ricreare a 360° e in modo realistico un ambiente diverso da quello in cui ci troviamo realmente, dandoci l’impressione di essere fisicamente lì.

Facciamo degli esempi. Indossando i visori, potremmo ritrovarci immersi in un bosco, e avere la sensazione di fare una camminata tra gli alberi. Oppure potremmo visitare un’azienda o un museo, percorrendone sale e corridoi. Le possibilità sono infinite.

 

 

La differenza sostanziale, quindi, è che la realtà aumentata rappresenta il mondo arricchito di elementi virtuali, la realtà virtuale è un mondo completamente virtuale.

 

 

Con WTN puoi avvalerti di questi servizi.

 

 

 

Fonte: digitalmosaik.com

Fino al 1° maggio, M9 – Museo del ’900 ospita l’installazione di realtà virtuale Torino, 12 giugno 1940, attraverso cui rivivere l’esperienza dei bombardamenti aerei di quel giorno.

 

Prosegue in questo modo la collaborazione con il Polo del ’900 di Torino, già tra gli archivi partner di M9.

 

Rivivere l’accaduto in realtà virtuale

A Mestre viene riproposta nella sua parte dell’esperienza maggiormente immersiva: due visori per la realtà virtuale fanno rivivere al visitatore una scena di vita quotidiana improvvisamente interrotta dalla deflagrazione di un bombardamento. L’obiettivo del progetto è infatti quello di sensibilizzare il pubblico sugli effetti e sulle drammatiche conseguenze che i bombardamenti hanno avuto sulle città e sulla popolazione di tutta Europa. Anche al secondo piano del Museo M9, un’intera installazione è dedicata all’esperienza del rifugio antiaereo.

 

Il 12 giugno 1940, all’una di notte, poche ore dopo la dichiarazione di guerra da parte dell’Italia a Francia e Inghilterra, Torino è colpita dal primo di una serie di bombardamenti che, fino all’aprile 1945, provano duramente la città e i suoi abitanti, fisicamente e moralmente. In quella prima notte di guerra, a bombardare è l’aviazione inglese in un attacco che dura 45 minuti, causando 17 morti e 40 feriti. Il giorno seguente cadono bombe anche sulla zona industriale di Marghera: l’area degli stabilimenti della Liquigas viene colpita il 13 giugno 1940.

 

A poche ore dall’inizio del conflitto risulta evidente l’impreparazione con la quale il regime fascista ha portato l’Italia in guerra, tanto che, due anni più tardi, è l’Italia intera ad essere oggetto di una massiccia campagna di bombardamenti angloamericani: la crisi del regime, a quel punto, è conclamata su tutti i fronti nei quali si combatte. Tutte le grandi città del Nord ma anche Roma, Napoli, Taranto e Brindisi vengono colpite duramente, ma non sono le sole. Treviso, ad esempio, il 7 aprile del 1944, subisce un bombardamento che provoca circa 1.500 vittime. Lo stesso è accaduto anche a Mestre e Marghera, come quando il 28 marzo 1944 morirono quasi 200 persone. Lo scontento continua a crescere e, nonostante la forte repressione messa in atto dal regime, i movimenti di Resistenza sono sempre più forti.

 

In seguito all’8 settembre 1943 e al crollo del regime fascista, l’Italia diviene teatro di una guerra civile in cui a scontrarsi sono i militari della Repubblica Sociale Italiana (collaborazionisti delle truppe naziste occupanti) e i partigiani italiani (sostenuti dagli alleati) che combattono per la liberazione dell’Italia, mentre le rappresaglie nazifasciste contro i civili aumentano e i bombardamenti alleati diventano sempre più intensi. Il 25 aprile 1945 il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama l’insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti: in pochi giorni, anche grazie alle forze partigiane, tutta l’Italia settentrionale viene liberata. A Mestre, ad esempio, le truppe britanniche, per lo più di nazionalità neozelandese, entrano il 29 aprile e trovano la città sotto il controllo del Comitato di Liberazione Nazionale cittadino.

Torino, 12 giugno 1940

Presentata lo scorso anno al Rifugio Antiaereo del Museo Diffuso della Resistenza di Torino, l’installazione è stata realizzata da Manitoba e ManaManà, Iconomia/The Virtual Lab, Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario Onlus, Museo Diffuso della Resistenza e Polo del ’900, con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito del Bando Polo del ’900.

Fulmini e saette artificiali che scaricano tutta la loro potenza nell’aria seguendo l’armonia della musica. È l’attrazione scientifica che più ha emozionato in questi tre mesi e mezzo di apertura de “La Fabbrica della Scienza”, mostra che per le aperture pasquali sarà aperta tutti i giorni, dal 19 aprile fino alla chiusura del 31 maggio, nella sede di via Aquileia 123, al Lido di Jesolo. Ad affascinare i “fulmini musicali”, per potenza paragonabili a quelli veri, prodotti da una bobina da 750.000 volt realizzata sul brevetto dell’inventore Nikola Tesla che un secolo fa per primo mostrò al mondo le potenzialità del trasformatore risonante ad alta tensione in grado perfino di generare musica con l’attraversamento del flusso elettrico nell’aria.

 

 

“Gli alunni delle scolaresche si fermano a guardare meravigliati lo spettacolo delle saette elettriche prodotte dalla bobina di Tesla che fa vibrare l’aria con ritmo e intensità” commenta l’organizzatrice e produttrice dell’evento espositivo, Monica Montellato, gestore anche del dirimpettaio Tropicarium Park “uno show incredibile osservabile a distanza di sicurezza annullando qualunque rischio grazie ad una gabbia metallica che isola i visitatori rendendo assolutamente sicura l’interattività della postazione fra le più apprezzate. Fra le oltre 100 esperienze scientifiche offerte dalla mostra attraggono molto anche il robot open source Inmoov e la Casa Sottosopra”.

 

 

“La Fabbrica della Scienza ha registrato più di 56.000 visitatori e più delle precedenti esposizioni ha visto il ritorno in mostra degli jesolani”, continua Montellato “nelle formule con visita guidata addirittura i visitatori vanno dagli over 65 ai bambini delle scuole materne, quindi target trasversali provenienti da tutto il Nord Italia. Lodevole la curiosità di molte famiglie desiderose di mettersi in gioco approfittando di un’occasione per stare insieme con i figli. Sul fronte didattico siamo a oltre 620 comitive scolastiche che hanno prenotato la visita per circa 15.800 fra studenti e insegnanti di ogni ordine e grado, molto apprezzati i laboratori organizzati da Pleiadi srl: l’idea di imparare divertendosi ha contagiato tutti”.

 

Aperto anche il Tropicarium Park

Ieri, sabato 20 aprile, al Palazzo del Turismo ha aperto ufficialmente anche la stagione del Tropicarium Park della stessa gestione “Abbiamo in serbo grandi novità” aggiunge Montellato “come i nuovi cuccioli di pinguino, già presenti nella struttura, nuove specie di squali come l’affascinante squalo zebra dai colori stupendi, recenti nascite in cattività di altri esemplari”. Da oltre 15 anni Tropicarium Park a Jesolo è un punto di riferimento per molti turisti grazie alle sue dimensioni ed alla grande biodiversità che ospita. “Riesce sempre ad emozionare ed evolversi” conclude Montellato con grande soddisfazione “nel 2018 Tropicarium Park ha ricevuto la licenza ufficiale di giardino zoologico dal Ministero dell’Ambiente, un obbiettivo raggiunto con molta fatica e dedizione, un grazie soprattutto allo staff che ci ha sempre creduto”.

 

 

Finanziato dalla Regione Veneto con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il progetto Victori ha come scopo di contrastare l’esclusione sociale involontaria degli anziani attraverso la riduzione del digital divide e la partecipazione a gruppi, nell’ambito di una più ampia strategia di promozione del ben-essere della popolazione over 65.

Durante gli incontri, che avranno luogo ogni martedì dal 16 aprile al 4 maggio, dalle 15 alle 17, i partecipanti potranno imparare ad utilizzare un tablet o uno smartphone, a partire dalle sue funzioni di base per poi arrivare, ad esempio, all’uso di alcuni tra i principali social network, alla gestione di foto e immagini e all’interazione con alcune piattaforme di e-government.

Pensati anche per chi non ha esperienza alcuna, gli incontri saranno condotti da volontari di Informatici Senza Frontiere e di associazioni della provincia di Treviso, appositamente formati.

Una volta completati gli otto incontri, i partecipanti al gruppo potranno continuare a frequentarlo fino a fine ottobre con le stesse modalità orarie. Per ulteriori otto pomeriggi gli incontri verteranno sulla salute e il benessere (alimentazione, attività fisica ecc.); di seguito verranno proposte altre attività ricreative e socializzanti, sotto la coordinazione delle dottoresse Silvia Vettor e Stefania Macchione di I.S.R.A.A.

Sarà sempre presente un tecnico di Informatici Senza Frontiere per permettere ai partecipanti di consolidare le competenze tecnologiche acquisite, porre domande, risolvere dubbi.

Ci sono ancora posti disponibili; gli interessati possono contattare ANTEAS che mette a disposizione il trasporto gratuito per coloro che sono residenti nei tredici comuni coinvolti dal progetto. Tra questi: Treviso, Orsago, Colle Umberto, Resana, Borso del Grappa, Maser, Crocetta del Montello, Paese, Vittorio Veneto, Trevignano, Vedelago, Cordignano e Zero Branco.

Basta chiamare il numero verde 800 379 430.

Parallelamente verranno attivati altri tre gruppi, con il medesimo numero di partecipanti, in altre sedi I.S.R.A.A.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni