Home / Posts Tagged "salvataggio"

Venerdì 23 agosto, sulla spiaggia dei bagni “Dal moro” di Rosolina Mare si è svolta la manifestazione “Rescue day FISA”.

 

Al mattino il tempo non è stato dei migliori, ma ha comunque dato la possibilità agli assistenti bagnanti della FISA di eseguire le esercitazioni e simulazioni di salvataggio anche con l’uso delle tavole “Rescue Board”, ovvero le tavole da soccorso.

La giornata ha visto la gradita presenza della guardia costiera di Albarella, nelle persone del primo maresciallo Np Andrea Del Vecchio e SC° 1ª Cl scelto Np Alessandro Curtatone.

 

Nel primo pomeriggio invece sono state eseguite manovre di soccorso con i cani da salvataggio della scuola cinofila “Il cane” di Mogliano Veneto capitanati dagli istruttori cinofili FISA (Federazione italiana salvamento acquatico) Elena Zennaro e Marco Battaggia.

 

Sono state effettuate manovre di bls/D con l’uso di defibrillatori da training e manichini. Una folla di turisti ha assistito all’evento.

 

Le scuole della FISA effettuano esercitazioni continue per tenere in allenamento gli assistenti bagnanti e le unità cinofile che, in caso di necessità, intervengono con rapidità e professionalità altissima.

 

 

 

Sabato 15 giugno, la scuola cinofila “Il cane” di Mogliano Veneto, FISA Treviso e FISA Padova (Federazione italiana salvamento acquatico) hanno partecipato all’esercitazione della Protezione civile di Rovigo, denominata RO06 maxi-emergenza.

 

 

L’esercitazione ha visto l’impiego di un centinaio di volontari impegnati in molteplici scenari di soccorso.

 

Alla scuola cinofila “Il cane” è stato assegnato il compito di trarre in salvo 4 persone rifugiatesi sul tetto di una abitazione allagata, mentre le moto d’acqua sono state impegnate in una ricerca SAR in lago e poi in fiume, traendo in salvo 5 persone alluvionate.

 

I soccorritori hanno dimostrato un’elevata professionalità, velocità di intervento e attenta assistenza alle vittime, tanto che hanno ricevuto i complimenti e gli applausi degli organizzatori e dei volontari della Protezione civile.

 

 

Ringraziamenti

Un ringraziamento particolare va a Katia Trombaiolli, ai soccorritori cinofili Claudio Dino con Amarok, Giampietro Zanon con Meggy, agli equipaggi delle moto d’acqua Marco Battaggia (pilota) Nicola Ceccon (soccorritore), Matteo Giardini (pilota), Teofilo Girardini (soccorritore) ed Elena Zennaro, coordinatrice del gruppo.

 

 

Sette poliziotti sono intervenuti nell’incendio divampato in un appartamento di Cannaregio, ieri pomeriggio.

 

Tra loro anche una giovane funzionaria al suo primo giorno di lavoro, che è intervenuta al primo piano del civico 4803 con un’altra collega di volante, portando in salvo una donna rimasta intrappolata dalle fiamme.

 

Cinque i poliziotti rimasti intossicati. Sono in corso gli accertamenti da parte dei Vigili del fuoco per individuare le cause dell’incendio.

Quando le temperature s’intiepidiscono, i “rospisti doc” affinano le armi e si preparano a scendere in strada. Dalla metà di febbraio, mediamente, è previsto l’inizio della migrazione degli anfibi di Marca, sul Montello e ai Laghi di Revine, uno dei più importanti fenomeni migratori d’Italia, con una media di 50/60mila esemplari a stagione.

 

L’azione di salvataggio è svolta unicamente da volontari che, dall’imbrunire e per 2/3 ore a seguire, pattugliano le carreggiate per raccogliere gli anfibi e trasportarli dall’altro lato della strada affinché possano raggiungere indenni gli specchi d’acqua dove posare le uova per la riproduzione.

 

Per la zona dei laghi di Revine, che conta di 15/20mila esemplari a stagione, dal lontano 2003, l’Enpa organizza uno specifico incontro rivolto ai volontari, i cosiddetti “rospisti”, e ai neo volontari che si aggiungeranno, per illustrare loro le tecniche di salvataggio: perlustrazione, identificazione della specie, conteggio, attrezzature indispensabili e le importantissime norme di sicurezza; il tutto, con l’ausilio di tabelle, foto e filmati e tantissimi aneddoti sulle passate stagioni.

 

L’incontro informativo gratuito si terrà a Conegliano, presso la sala dell’Informagiovani di piazzale Zoppas (Biscione) venerdì 8 febbraio alle 20.30.

 

Con questo incontro, Enpa rinnova il consueto appello per la ricerca di volontari, dettato dalla sensibilità e al senso di civiltà dei singoli cittadini, a tutti coloro che disposti a fare qualcosa di concreto per la salvaguardia dell’ambiente, affinché diano una mano a salvare numerose preziosissime vite animali.

 

La novità di quest’anno è la costruzione dei primi due tunnel di attraversamento sotto-stradali (rospodotti) all’interno del progetto complessivo che riguarda il Parco Regionale dei Laghi di Tarzo-Revine; il primo, in località Colmaggiore di Tarzo, e il secondo a Revine.

 

Purtroppo gli anfibi sono una specie a grave rischio d’estinzione ovunque, a causa della distruzione e sottrazione dell’habitat e dell’inquinamento. Pagano il prezzo di essere animali piccoli, schivi e pressoché notturni, per cui la loro esistenza, ai più, è purtroppo quasi totalmente ignota con la conseguenza che si tende a sottovalutare il pregio rappresentato dalla loro presenza nell’ambiente. Ricordiamo che questi “animaletti”, oltre a essere preziosissimi per l’agricoltura cibandosi d’insetti, sono anche importantissimi bio-indicatori dello stato di salute dell’ambiente. La loro numerosa presenza è il termometro che indica lo stato di salute dell’ecosistema che li ospita, comunemente definito biodiversità.

 

È in quest’ottica che dovrebbero essere assolutamente salvaguardati ma, non sarà così fintanto che questi utilissimi animali continueranno a rimanere uccisi avvolti, come sono, dal cono d’ombra dell’informazione negata.

 

Sono creature viventi che meritano rispetto anche solamente per il fatto che sono indispensabili al mantenimento del delicatissimo equilibrio naturale.

 

Ricordiamo a chi volesse aderire al salvataggio, che lo stesso si compie lungo la carreggiata su strade molto trafficate e, a tratti, prive d’illuminazione pubblica, in condizioni meteo precarie, con forti piogge e visibilità limitata. Si consiglia quindi di fornirsi di attrezzatura e abbigliamento adeguati ad alta visibilità.

 

L’orario va da subito dopo il tramonto e si prosegue per 2-3 ore. La durata complessiva è attorno ai due mesi.

 

Il 49° intervento di soccorso del comando dei i vigili del fuoco di Venezia e l’ultimo a chiusura della giornata di ieri, è stato il salvataggio di un gattino, infilatosi all’interno del sottoscocca di un fuoristrada al parcheggio del Tronchetto.

 

A dare l’allarme sono stati alcuni passanti, che hanno sentito il miagolio di lamento dell’animale provenire dall’interno del motore.

 

Gli operatori della squadra arrivata da Mestre, nell’assenza del proprietario dell’auto, si sono prodigati a lungo sotto la scocca dell’auto fin quando solo con l’uso delle mani, sono riusciti ad afferrare il felino e portarlo in salvo. Il micetto in buono stato è stato affidato ai felici richiedenti il soccorso, che se ne sono presi cura.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni