Home / Posts Tagged "riqualificazione urbana"

Sono iniziati, e si concluderanno entro i primi di aprile, i lavori di manutenzione straordinaria del sottopasso pedonale di via Roma.

 

Le principali lavorazioni previste riguardano:

– Trattamento per l’eliminazione della flora batterica verde presente sulle pareti verticali e sui cordoli, idropulizia e trattamento con protezione fotocatalitica

– Decalcificazione dei gradini in pietra naturale e loro lavaggio/pulizia

– Eliminazione dei graffiti a mezzo di opportuno solvente e trattamento antigraffiti

– Pulizia dal chewing gum della porzione di pavimentazione sottostante il sottopasso

– Bocciardatura sulle superfici delle pedate in marmo antiscivolo

– Sostituzione lastre in pietra d’Istria danneggiate

 

“Il sottopasso che collega via Pia a via Roma è una delle zone più frequentate della nostra città, sia per gli spostamenti tra est e ovest della linea ferroviaria, sia per la quantità di persone che arriva o parte in treno dalla stazione. Abbiamo deciso di fare subito questi lavori. Rientravano nel progetto di riqualificazione dell’area della stazione, che è in attesa di parere favorevole da parte di Ferrovie dello Stato, ma le condizioni precarie ci hanno fatto intervenire già oggi con una manutenzione straordinaria per ridare decoro ed evitare un aggravamento della situazione a tutela di tutti i cittadini che lo utilizzano”, ha commentato il sindaco Carola Arena.

 

L’impresa esecutrice è la Vetex Srl di Padova, e il costo dell’opera ammonta a poco più di 30mila euro.

L’alberatura del secondo stralcio sarà piantumata in autunno con le siepi tappezzanti nelle aiuole

 

 

Mancano solo gli alberi, e saranno di leccio, e le siepi tappezzanti nelle aiuole, che in autunno, periodo ottimale, saranno piantumati tra via dalla Chiesa e via Scoutismo, ma per il resto, la “nuova” via Zermanesa è stata riqualificata ed è già patrimonio della cittadinanza, dei commercianti che vi si affacciano, di pedoni e ciclisti che possono transitarvi in totale sicurezza.

 

I lavori sono stati eseguiti con puntualità, ne era previsto il termine entro l’estate di quest’anno, e saranno completati dall’ulteriore intervento avviato per la realizzazione della nuova rotatoria tra le via Zermanesa e dello Scoutismo, in corso d’opera.

 

“Ora che l’abbiamo utilizzata a pezzi nella sua nuova veste, mano a mano che il cantiere si spostava, ci siamo probabilmente già quasi dimenticati in che stato era ridotta questa importante arteria e quanto fosse pericolosa per i ciclisti e anche per i pedoni che dovevano superare sui marciapiedi gli ostacoli creati dalle radici dei pini marittimi. Siamo sicuri che il risultato meriti l’apprezzamento dei cittadini e che chi arriva a Mogliano da questa “porta” avrà una sensazione molto positiva della nostra città”, ha commentato nel corso dell’inaugurazione il sindaco Carola Arena.

 

I lavori sono eseguiti dalle società Vega e Sercam, sulla base di una progettazione condivisa con il Comune a partire dal 2015, nell’ambito dell’attuazione della convenzione edilizia per la realizzazione del centro logistico a Bonisiolo.

 

Obiettivo della riqualificazione è stato mettere in sicurezza la circolazione dei pedoni e dei ciclisti mediante la realizzazione di un percorso ciclopedonale sul lato nord ed il rifacimento dei marciapiedi pedonali sul lato sud, e sistemazione del manto stradale.

 

Col primo stralcio, nel tratto da Villa Stucky a Via dalla Chiesa, parcheggio cimitero compreso, per una lunghezza di circa 400 metri, oltre ai marciapiedi e alla pista ciclabile, sono stati realizzati una rotatoria all’intersezione con via Verdi, due “golfi” in corrispondenza delle fermate dell’autobus in prossimità del cimitero, il rifacimento del parcheggio del cimitero con l’eliminazione dell’uscita su via Zermanesa, la rimozione dei pini marittimi e la loro sostituzione con alberature di leccio, la realizzazione di una vasca di laminazione sotto il parcheggio del cimitero per regolare il deflusso delle acque meteoriche e la realizzazione nuovo impianto di illuminazione a LED.

 

La stessa tipologia di intervento ha interessato anche il secondo stralcio, tra via dalla Chiesa e l’intersezione con via Olme e via dello Scoutismo, per una lunghezza di circa 700 metri, col quale, oltre ai marciapiedi ed alla pista ciclabile, sono stati realizzati il rifacimento del sistema di deflusso delle acque meteoriche lato nord e il nuovo impianto di illuminazione a LED. Rimangono da piantumare gli alberi di leccio e le siepi tappezzanti nelle aiuole.

 

“Questa opera ci ha permesso di riqualificare una zona centrale di Mogliano, dandole nuove funzionalità ed eliminando i molti problemi che col tempo si erano acuiti. Ci ha anche permesso di implementare la rete ciclabile del nostro comune che supera ormai i 31 chilometri, con il nuovo tratto che si collegherà con la pista ciclabile Olme-Zerman”, ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici, Filippo Catuzzato.

 

Miracolosamente Mestre comincia a rivivere, dando chiari segni di una vivacità ormai dimenticata da anni.

 

La riqualificazione del parco di Villa Querini, finalmente ora allietato dalle risate e dai giochi di bambini, e le cene notturne nel quartiere Piave con 500 persone, partecipate da tutti senza distinzione né di razza né di religione, sono segnali di una città che sta riprendendo coscienza di sé e delle sue possibilità.

 

Ora è giunto il momento dell’ultima stupenda iniziativa al Piraghetto, ulteriore segnale positivo di risveglio, dove sabato sera sono state montate delle tende in fila indiana con il buio della notte rotto dalla sola luce delle pile elettriche.

 

Tanta gente di diverse etnie si è mescolata con allegria, tante lingue, ma soprattutto tanto puro dialetto veneziano, a molti incomprensibile.

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, ha approvato il progetto definitivo degli interventi di riqualificazione dell’ex piscina Rari Nantes a Venezia.

 

“Con un impegno economico di 300mila euro – ha commentato Zaccariotto – andiamo a riqualificare un’area della città da tempo abbandonata all’incuria. Nello specifico, si sistemerà lo specchio acqueo denominato ex Piscina Rari Nantes sul Canal Grande, dietro il parco ferroviario a Cannaregio, che attualmente è delimitato, da un parte, da palancolato in calcestruzzo armato con passerella soprastante di proprietà del Comune. Con questa azione andremo a demolire una vecchia struttura fatiscente, creando le condizioni per successivi interventi. Un’altra azione in difesa del decoro della nostra città”.

Dopo l’avvio nei giorni scorsi del cantiere per i lavori del secondo stralcio, che si concluderanno tra 70 giorni, il comprensorio Ronzinella va verso il completamento della riqualificazione dell’area

 

“Siamo intervenuti in questa area molto popolosa della nostra città che aveva iniziato a soffrire di un particolare trascuratezza. E sappiamo che degrado suscita degrado. Per questo motivo abbiamo avviato un percorso di ascolto dei cittadini, degli amministratori di questi grandi condomini del comprensorio, e delle attività produttive, per capire come meglio intervenire. Una progettazione partecipata che già con la conclusione del primo stralcio ha dato ottimi risultati. Andiamo ora a completare questa opera importante per chi qui vive e lavora”, ha commentato il Sindaco Carola Arena.

 

Il progetto esecutivo di questo secondo stralcio del completamento della riqualificazione urbanistica del comprensorio Ronzinella, approvato a fine anno scorso dalla Giunta, riguarda la realizzazione di opere di messa in sicurezza e l’adeguamento del parcheggio e delle piazzole ecologiche del lato est del comprensorio, per le quali l’Amministrazione ha impegnato 320mila euro.

 

Il progetto, realizzato dallo Studio Alberti & Company di Conegliano, prevede il rifacimento delle reti di fognatura meteorica e di illuminazione pubblica, delle tre piazzole ecologiche, “Ragusa”, Gorizia/Aosta” e “Cadore”, e l’asfaltatura di un tratto di strada ammalorato. Al termine dell’intervento la viabilità e i parcheggi risulteranno messi in sicurezza. Saranno sostituiti alberi ammalati o che creano problemi a marciapiedi e parcheggi con gli apparati radicali che si sono molto sviluppati negli anni.

 

 

Nel luglio 2016 erano iniziati gli interventi per il primo dei due stralci della riqualificazione, partendo dall’ala ovest del complesso residenziale. Anche in quel caso la riqualificazione aveva riguardato principalmente le isole ecologiche, il parcheggio lato ovest (laterale via Ronzinella, di fronte alla Coop) che è stato ampliato con nuova pavimentazione carrabile, la realizzazione di un nuovo impianto per lo smaltimento delle acque meteoriche, l’ampliamento delle aiuole e la sostituzione di alcuni alberi pericolanti, la realizzazione della nuova pavimentazione dei percorsi pedonali e del nuovo impianto di illuminazione.

 

Con il secondo stralcio i lavori proseguiranno, con lo stesso tipo d’intervento, nella zona est verso via Ragusa. Il costo complessivo dei due stralci dell’intervento ammonta a circa 600 mila euro.

 

“Una volta riqualificato, il comprensorio tornerà a essere il quartiere centrale e importante della nostra città che è stato nei suoi primi anni di vita e per questo diamo molta importanza anche dal punto di vista sociale a questo intervento, molto sentito dai residenti. Inoltre interveniamo in un’area di criticità idraulica, così come definita dalla Valutazione di Compatibilità Idraulica del P.A.T., caratterizzata da tubazioni con tratte in contropendenza, malfunzionamenti per interconnessioni a maglia chiusa, e dimensioni dei collettori insufficienti. Perciò, sebbene per questo intervento non vi sia l’obbligo di garantire l’invarianza idraulica, sarà realizzato un impianto di smaltimento delle acque meteoriche tale da ridurre, se non annullare, gli incrementi di portata generati dall’incremento di impermeabilizzazione delle superfici”, hanno commentato Filippo Catuzzato e Oscar Mancini, assessori ai Lavori pubblici e alle Politiche ambientali.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni