Home / Posts Tagged "piazza san Marco"

Mostra artistica in Piazza San Marco in celebrazione della nuova era giapponese “REIWA”, presentata dal Karuizawa New Art Museum presso le Procuratie Vecchie

 

Il Karuizawa Art Museum ha annunciato una mostra artistica che celebrerà l’inizio della nuova era giapponese.

La mostra si terrà nelle Procuratie Vecchie di Piazza San Marco, Venezia, durante la 58esima Biennale dell’Arte, da mercoledì 8 maggio a domenica 24 novembre 2019.

 

“DIVERSITY FOR PEACE!” vuole essere la vetrina di 10 giovani artisti provenienti da tutto il mondo, esibendo i loro variati stili e approcci artistici in una celebrazione di libertà creativa:

• Florentijn Hofman (The Netherlands)

• Ronald Ventura (Philippines)

• Huang Yuxing (China)

• Miwa Komatsu (Japan)

• Yang Yongliang (China)

• Chris Succo (Germany)

• Fabio Modica (Italy)

• Æsa Björk (Island / Norway)

• Ahhi Choi (Korea / Japan )

• Ryotaro Muramatsu NAKED (Japan).

 

 

Il concetto di “DIVERISTY FOR PEACE!” è sincronizzato col significato del nome della nuova era giapponese “REIWA” (令和) che simboleggia: “Pace e Cultura fioriscono in un ambiente di accettazione della diversità.”

 

 

Il periodo REIWA sarà la nuova era giapponese. Inizierà il 1° maggio 2019, quando il Principe Naruhito, figlio dell’Imperatore Akihito, ascenderà al trono come 126esimo Imperatore del Giappone.

 

 

Questo è un messaggio di speranza affinché l’arte possa contribuire ad avvicinare tra loro persone di background culturali, sociali, di orientamenti sessuali completamente diversi tra di loro.

 

Sono secoli che Venezia, grazie alla sua unicità paesaggistica, ai suoi canali, ai suoi monumenti e al suo eterno fascino, riesce a richiamare ogni anno milioni di visitatori provenienti tutto il mondo che giungono in laguna per godere dello spettacolo unico ed inimitabile della Serenissima.

 

Accade sempre più spesso che Venezia venga scelta per fare da ambientazione a film e videogiochi principalmente d’azione, in quanto il suo contesto urbano si presta ad assolvere benissimo tale scopo. Scenari evocativi che raccontano di lotte di potere, congiure di palazzo, intrighi, che hanno ispirato nel corso degli anni numerosi registi e produttori di videogame che, sempre più spesso, scelgono come sfondo della propria narrazione proprio la città lagunare.

 

 

I videogame ambientati in laguna

 

 

Counter-Strike: Global Offensive

È ricaduta su Venezia la scelta dello scenario in cui ambientare uno dei giochi multigiocatore di massa “sparatutto” più famosi, Counter-Strike: Global Offensive. Il gioco in questione è strutturato in una versione a pagamento ed una gratuita, la più popolare. La crescita del fenomeno e del numero di utenti e di competitività è stata talmente improvvisa ed enorme che ormai esistono delle vere e proprie squadre professionistiche di giocatori di CS:GO. Su tali incontri è possibile ora piazzare delle scommesse: così come si punta sul vincitore della Serie A o di un Grande Slam, i giocatore possono scommettere su quale squadra a fine anno possa riuscire a portarsi a casa la Intel Gran Slam. Questo trofeo, a durata annuale, è ad aggiudicazione eventuale: solo nel caso in cui una squadra riesca a vincere nel corso dell’anno solare 4 dei maggiori tornei in programma, si potrà aggiudicare il montepremi di un milione di dollari. Ad oggi i favoriti assoluti per la vittoria dell’Intel Grand Slam sono i membri del team Astralis, squadra danese che, al 22 di Novembre, è già riuscita ad aggiudicarsi ben tre dei tornei più importanti. Affinché possano riuscire nell’impresa dovranno tuttavia sbrigarsi, in quanto il termine ultimo per vincere il quarto torneo stagionale è il 30 dicembre 2018.

 

 

 

Overwatch

Uno degli altri giochi più diffusi è praticati del momento è sicuramente Overwatch, gioco di guerra/fantasy, ambientato nel futuro e basato su una vera e propria guerra civile tra gli omnium ed omnic, dei robot dalle incredibili capacità e dalle sembianze umane, e gli Overwatch, una task force creata dalle Nazioni Unite per combattere l’invasione robotica in questo scenario apocalittico. I giocatori potranno scegliere tra quasi trenta eroi da utilizzare, ciascuno con la propria storia personale: si passa da criceti lunari geneticamente modificati al comando di un carro armato rotante al più classico pistolero fuorilegge con tant di cappello e stivali da cowboy. L’ultimo episodio di questo praticatissimo videogioco, che vede la propria popolarità aumentare con il passare del tempo, è ambientato proprio a Venezia come raccontato in un recente articolo de La Stampa. Questo perché i programmatori hanno deciso di far sviluppare la storia all’interno di uno scenario unico al mondo in cui robot ed umani si daranno battaglia senza esclusione di colpi.

 

 

I videogiochi del passato

La scelta di ambientare un videogioco a Venezia non è nuova ma già negli anni passati, numerosi videogame destinati alla più svariate consolle di gioco avevano deciso di orientarsi in tal senso.

 

Ne sono un esempio il videogioco Tomb Raider II, la cui protagonista, l’archeologa Lara Croft, interpretata nel gioco ed al cinema, come ricordato da La Repubblica, da Angelina Jolie, è alla ricerca del pugnale Xian proprio a Venezia.

 

La Serenissima, tuttavia, non è stata scelta nel corso degli anni solo per l’ambientazione di videogiochi di guerra o di avventura, ma il suo scenario unico si presta benissimo anche a giochi sportivi, come ad esempio Gran Turismo 4, gioco edito nel 2005, che permetteva ai giocatori, al fine di pubblicizzare la propria autovettura personalizzata, di immortalarla in una foto che avesse come sfondo, a scelta, Piazza San Marco o il Canal Grande.

 

Che si tratti di film o di videogiochi Venezia, con il suo eterno fascino e il suo paesaggio unico al mondo, si presta benissimo come perfetta ambientazione di storie di avventura, fantasy o addirittura sportive e ciò non potrà che contribuire alla crescita ed alla notorietà di una città unica al mondo come la Serenissima.

La settimana scorsa, al concerto di Zucchero in piazza San Marco, un ragazzo si metteva in ginocchio e pronunciava con emozione la fatidica proposta di matrimonio alla sua ragazza. Qualcuno li ha ripresi, qualcun altro li ha applauditi e acclamati, e noi non ce ne siamo dimenticati.

 

Alessandro e Luana, questi i nomi dei futuri sposi di 34 e 25 anni, condividono una storia d’amore ormai da tempo e da qualche mese convivono anche a Motta di Livenza, dove hanno aperto la bottiglieria BE-Live Spirits & Wine, che gestiscono insieme e che spesso ospita eventi con musica live.

 

Tornando alle nozze, abbiamo chiesto loro se potessero rivelarci qualche dettaglio e così abbiamo saputo che la data del matrimonio è prevista per ottobre 2019 e la cerimonia si celebrerà sulla spiaggia di Eraclea Mare.

 

Chissà, a questo punto non ci resta che sperare che il buon Zucchero sia stato il segno premonitore di una lunga e dolce vita coniugale!

In occasione della manifestazione “Zucchero in concerto”, che si svolgerà in piazza San Marco a Venezia questa sera e domani, il Comandante generale della Polizia locale, Marco Agostini, ha emanato un’ordinanza per agevolare la circolazione pedonale e consentire il regolare svolgimento dell’evento.

 

Al fine di assicurare ogni eventuale intervento di emergenza, particolarmente nelle zone più affollate, in base al numero di persone e alle caratteristiche strutturali dei luoghi, le misure disposte potranno prevedere temporanei obblighi e divieti al transito pedonale per singole vie e/o la loro chiusura parziale o totale. In particolare:

– nelle località interessate dalla manifestazione, la Polizia locale avrà la facoltà di dirottare il traffico pedonale ed organizzarlo con l’istituzione di sensi unici e di temporanei obblighi e divieti, facendo transennare, ove necessario, le aree interdette, inibendo l’accesso nelle zone in cui la presenza e il transito delle persone potrebbe creare pericolo alla pubblica incolumità;
– la Polizia locale e gli altri Organi di Polizia, ove ne ravvisino la necessità a tutela della pubblica incolumità, potranno adottare ogni altro provvedimento di limitazione della circolazione pedonale nel Centro storico di Venezia, anche con l’utilizzo di transenne mobili e disporre la sospensione o riduzione parziale delle occupazioni di suolo pubblico esistenti.

 

Per chi dovesse violare i divieti è prevista una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro.

 

 

Martedì 3 e mercoledì 4 luglio sono le due date veneziane in cui il famoso cantante Zucchero Fornaciari si esibirà in piazza San Marco, e per le quali si prevede l’arrivo di fan da tutta Europa.

 

I posti a disposizione saranno circa 7mila e tutti a sedere, ma i biglietti sono quasi esauriti. Già chiuse infatti le prenotazioni al Caffè Quadri, mentre restano ancora diversi biglietti disponibili per un posto a sedere al Caffè Florian. Il costo di ciascun biglietto va dai 50 ai 200 euro.

 

 

Fonte: La Nuova Venezia

Dopo il festival di San Giuliano a Mestre, torna la grande musica anche a Venezia.

 

Dopo 7 anni di assenza la grande musica pop-rock torna a incantare Piazza San Marco a Venezia: il 3 e 4 luglio Zucchero “Sugar” Fornaciari sarà in concerto in una delle piazze più belle del mondo con “The Best Live”. Questo l’annuncio del sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che, dopo aver consentito lo svolgimento di un festival musicale a San Giuliano (Mestre) a fine luglio, ha messo a disposizione l’area marciana per uno degli artisti più conosciuti al mondo per due serate che resteranno nella storia della musica leggera italiana.

 

“Venezia, città fatta apposta per l’armonia, per la grazia e per l’arte” così Zucchero descrive una città che ha sempre avuto nel cuore e che lo vede spesso perdersi tra le calli. L’artista ha aderito anche alla campagna #EnjoyRespectVenezia, promossa dal Comune di Venezia per la promozione dei comportamenti virtuosi per tutti gli ospiti e i visitatori.

 

Queste le altre date del tour che Zucchero porterà in giro per l’Europa questa estate:
30 giugno – Montreux Jazz Festival – Montreux (Svizzera)
1 luglio – VAZ St. Pölten – St. Pölten (Austria)
3 e 4 luglio – Piazza San Marco – Venezia
6 luglio – Sigulda Medieval Castle – Sigulda (Lettonia)
8 luglio – British Summer Time Festival (Hyde Park) – Londra (Regno Unito)
10 luglio – The Queen’s Hall – Edimburgo (Regno Unito)
11 luglio – The Glasgow Royal Concert Hall – Glasgow (Regno Unito)
13 luglio – Cornbury Music Festival – The Great Tew Park, Oxfordshire (Regno Unito)
15 luglio – Rivierenweg Weert – Bospop Weert (Paesi Bassi)
17 luglio – Festival Opatija – Zert bb, 51410 Abbazia (Croazia)
21 luglio – Festival Guitare En Scene – Saint Julien En Genevois (Francia)
23 luglio – Ancient Theatre – Plovdiv (Bulgaria)
25 luglio – Ancient Theatre – Ohrid (Macedonia)
27 luglio – Schloss Kapfenburg Festival – Lauchheim (Germania)
28 luglio – Flumserberg Open Air – Flumserberg (Svizzera)

 

I biglietti per le due date “The Best Live” in Piazza San Marco, organizzate da F&P Group, saranno disponibili dalle ore 18.00 di oggi, venerdì 18 maggio, su Ticketone e a seguire nei punti vendita abituali. Per informazioni: www.fepgroup.it.

Radio Italia è radio partner dei due concerti di Zucchero a Venezia.

Era l’8 maggio 1948 quando Giovanni Barbalich apriva la sua gelateria in piazza San Marco, a fianco la colonna di San Teodoro, Todaro per i veneziani, primo patrono della città.

 

A festeggiare con un brindisi i primi 70 anni dello storico negozio di famiglia, oggi gestito da Claudio Vernier, nipote di Barbalich e presidente dell’associazione Piazza San Marco, sono intervenuti ieri pomeriggio il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro e l’assessore comunale al Turismo, Paola Mar. Tra gli invitati anche i giovani atleti della squadra di pallavolo femminile del Cus e i “Kokai” di rugby, di cui la gelateria Al Todaro è sponsor.

Tocchi al cielo questo pomeriggio in piazza San Marco per 930 nuovi laureati dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Alla cerimonia, presieduta dal rettore dell’Ateneo Michele Bugliesi, è intervenuto, in rappresentanza del Comune di Venezia, il consigliere comunale Maurizio Crovato. Presenti inoltre il consigliere comunale Paolo Pellegrini e il vicepresidente del Consiglio regionale Bruno Pigozzo.

 

Ricordando il suo percorso di studi a Ca’ Foscari, dove si è laureato e dove ha ricevuto il premio Cafoscarino dell’anno 2003, il consigliere Crovato ha rivolto ai laureandi un affettuoso saluto a nome dell’Amministrazione comunale, augurando loro buona fortuna per i traguardi futuri.

 

Ospite speciale della giornata, che ha tenuto il discorso di augurio per i neo dottori, è stato quest’anno il fisico Federico Faggin, inventore del primo Microchip. Nel corso della cerimonia sono inoltre saliti sul palco il miglior studente italiano e straniero della sessione, Leonardo Sanelli e Haijing Yao.

“Ogni anno, al termine di ogni edizione, mi domando se in quella successiva si potrà fare ancora meglio: devo dire che anche questa volta gli organizzatori non solo non hanno deluso le mie aspettative, ma hanno creato un evento davvero unico e straordinario.” L’assessore comunale al Turismo, Paola Mar, ha presentato così a Ca’ Farsetti la sesta edizione di “Kids Creative Lab”, nel corso della conferenza stampa di  qualche giorno fa, a cui hanno preso parte, tra gli altri, anche la direttrice della Collezione Peggy Guggenheim, Karole Vail, l’amministratore unico di Vela SpA, Piero Rosa Salva, il presidente dell’associazione “Piazza San Marco”, Claudio Vernier, il direttore Marketing e Comunicazione di Ovs, Paolo Landi.

 

Il progetto educativo, che nasce nel 2012 dalla collaborazione tra la Collezione Peggy Guggenheim e OVS, ed è dedicato alle Scuole primarie d’Italia, approderà quest’anno in piazza san Marco, a Venezia, con una performance artistica ideata dall’artista e film-maker Marinella Senatore, che avrà luogo il 9 maggio alle ore 11. Ad eseguire la grande coreografia collettiva saranno i bambini delle classi iscritte al progetto, diretti proprio dalla nota artista campana, e accompagnati dalle musiche inedite, create ad hoc per il progetto, dal compositore e pianista Emiliano Branda. Grazie al coinvolgimento della Senatore, “Kids Creative Lab” parla quest’anno di Social Practice con il progetto partecipativo “WE the KIDS”, che ha raggiunto 1.800.000 bambini, 66.000 classi, 8.000 scuole in tutta Italia. Le scuole si potranno iscrivere alla performance sul sito https://kidscreativelab.ovs.it/.

 

Dopo aver trattato, nel corso degli anni, diverse tematiche artistiche, si è voluto fare un passo in avanti con una proposta alle scuole che prevede l’attivazione di un sistema di relazioni e azioni, volte al cambiamento sociale della comunità coinvolta. Marinella Senatore, artista di fama internazionale che da anni cura progetti di partecipazione pubblica coinvolgendo intere comunità nella realizzazione di opere collettive, ha ideato per “WE the KIDS”, una performance che si fonda sulle relazioni tra i partecipanti al progetto e che intende promuovere, tra i giovanissimi, valori quali il rispetto e la consapevolezza, ma che vuole nel contempo raggiungere il loro contesto famigliare e territoriale, arrivando a coinvolgere persone di età, provenienza, etnie e culture diverse.

 

“WE the KIDS” sostiene anche i valori della campagna di sensibilizzazione del Comune di Venezia #EnjoyRespectVenezia e si inserisce in “Le Città in festa”, programma promosso dal Comune stesso che coinvolge, con diverse iniziative, la città di Venezia, le isole e la terraferma.

 

“È davvero significativo – ha sottolineato l’assessore Mar – che questa sesta edizione di Kids Creative Lab tratterà, attraverso il grande lavoro svolto nelle scuole dall’artista Mariella Senatore, il tema del rispetto, facendo diventare i bambini delle vere e proprie opere d’arte. Rispetto che questa Amministrazione comunale, nella campagna di sensibilizzazione #EnjoyRespectVenezia chiede per la città più bella del mondo, che è patrimonio dell’Unesco e che nella sua fragilità deve essere tutelata da tutti, residenti, lavoratori e turisti. Il 9 maggio in piazza san Marco, ci saranno oltre 2000 bambini che eseguiranno una coreografia collettiva, stimolati a conoscersi reciprocamente e trasmettere valori universali.”

 

Per questo evento conclusivo hanno collaborato attivamente sia Vela Spa, che l’associazione “Piazza San Marco”.

 

“Vela – ha osservato il suo amministratore unico, Rosa Salva – ha dato il suo contributo con entusiasmo ad una iniziativa come quella del Kid Creative Lab perché va nella direzione della formazione di cittadini e visitatori più responsabili e consapevoli, intrapresa dall’Amministrazione comunale. Educare divertendo è certamente la chiave giusta per sensibilizzare al rispetto per sé stessi, per gli altri e per l’ambiente.”

 

“Anche la nostra associazione – ha aggiunto il presidente Venier – ha collaborato in maniera entusiastica a questo fantastico progetto: siamo sempre favorevoli a iniziative che coniugano insieme la creatività e il rispetto per la piazza e per la città.”

 

“Sono lieta – ha rilevato la direttrice del museo Guggenheim, Karole Vail – che questo sesto anno di collaborazione con OVS per il progetto educativo Kids Creative Lab rappresenti un passo verso la Social Practice, pratica artistica contemporanea volta all’attivazione di un sistema di relazioni e azioni finalizzate al cambiamento sociale della comunità coinvolta. Inoltre l’importante partecipazione al progetto di un’artista italiana come Marinella Senatore, ci rende ancora più orgogliosi del lavoro che svolgiamo con OVS dal 2012”.

 

“Un caloroso grazie a Comune di Venezia, Vela Spa e associazione ‘Piazza San Marco’ – sottolinea in una nota l’amministratore delegato di OVS, Stefano Beraldo – che consentono al nostro progetto Kids Creative Lab di uscire dal museo e animare piazza san Marco. Questa volta non ci limitiamo a suscitare l’interesse di bambini e insegnanti: puntiamo a coinvolgere anche le loro famiglie con una grande festa creativa, secondo quei principi di inclusività che sono il cardine dei valori del nostro brand. Ci ritroveremo quindi in piazza S. Marco per festeggiare sei anni insieme alla Collezione Peggy Guggenheim e al Comune di Venezia. Siamo sempre alla ricerca della bellezza, anche quando disegniamo le nostre collezioni per adulti e bambini: la vicinanza con la Collezione Peggy Guggenheim è per OVS fonte di arricchimento e stimolo a fare bene il nostro lavoro, con l’orgoglio di insegnare ai bambini a usare mani e mente per dare spazio alla loro fantasia”.

 

“Nel 2013 – ha ricordato l’artista Marinella Senatore – ho dato vita a The School of Narrative Dance, una scuola itinerante fondata sull’apprendimento non gerarchico, sull’auto-formazione e sull’educazione informale. Kids Creative Lab è un progetto che ritengo particolarmente interessante in quanto rientra in un territorio che mi appartiene e penso possa rivelarsi una sfida che mi darà la possibilità di approfondire diversi sistemi didattici e di entrare in relazione con la comunità scolastica. Auspico che ‘WE the KIDS’ possa trasformarsi in un invito ai bambini ad esprimere creativamente desideri e aspirazioni, costituendo un’iniezione di autostima, di passione e di voglia di credere nelle proprie capacità, e rivelarsi come un’esperienza diretta e partecipata di cittadinanza attiva, alla quale contribuire tutti insieme”.

 

L’evento del 9 maggio potrà essere seguito in diretta sul sito internet di Facebook del Comune di Venezia.

 

Per ulteriori informazioni: https://kidscreativelab.ovs.it/

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni