Home / Cultura  / Ambiente  / Animali  / Roma, la colonia diversamente felina

Roma, la colonia diversamente felina

Avete mai visto gatti, lontre, fagiani, tassi, ricci, volpi, piccioni dividersi il cibo pacificamente? E portare al banchetto anche la prole?   È la colonia diversamente felina di Laura, anima errante della cultura prestata (si fa per

Avete mai visto gatti, lontre, fagiani, tassi, ricci, volpi, piccioni dividersi il cibo pacificamente? E portare al banchetto anche la prole?

 

È la colonia diversamente felina di Laura, anima errante della cultura prestata (si fa per dire, sarebbe meglio dire votata) a nutrire ogni essere vivente le si presenti davanti.

 

Così si è sparsa la voce: “Ao! Ce sta un angolo de Roma dove non importa chi sei o cosa fai, se magna!”.

Sono tutti lì, in attesa. A vederli, tutto potresti pensare, tranne che sia una colonia interraziale di randagi di ogni specie.

 

La volpe è arrivata e poi, tastato il terreno, s’è portata dietro marito e volpanza (leggi cucciolata). Tanto le piace, quel posto, che a volte si porta via direttamente il piatto. Tipo take away.

 

I gatti vigilano, ogni tanto s’incazzano (ma poco pochissimo) e alla fine condividono la “tavola” con tutti.

Pioggia, neve, vento, sole. Il cibo non manca mai.

 

C’è Caterina la Grande, di nome e di fatto, che ormai fa per due gatte.

 

Ma la nostra preferita è in assoluto Ada De Recchis, non ce ne vogliano gli altri: una micia operata alle orecchie di cui son rimasti due piccoli monconi, che ha capito come grazie a Laura si mangi sempre e… si mangi spesso, basta seguirla nei suoi spostamenti!

 

Così la vedi trotterellare accanto alla macchina, all’interno del kibbutz, di colonia in colonia. A volte brontola pure, chiama, ragiona, trova scorciatoie impensabili e alla fine si sbafa qualcosa come tre o quattro pranzi e cene, snack compresi, ovunque Laura piazzi una ciotola.

 

Mica solo lei, però. “Oggi ho dovuto servire la cena a Remigio a casa della fidanzata Bafina dove m’ha portato pure un nuovo amichetto  – racconta – Guardate che fine faccio io eh! Manco fossi Glovo, e manco me pagano”.

 

Perché il grande cuore di questa donna incredibile fa il paio con una simpatia unica e un’altrettanta grandiosità in cucina. Soprattutto se si tratta di dolci e marmellate.

 

È così che la premiata ditta Laura & Cats contribuisce al mantenimento dello straripante livello adiposo di Caterina e famiglia, della volpanza, di Giannutria, della mai sazia Ada De Recchis e di tutti gli esserini  che sono curati, nutriti e seguiti come fossero in famiglia.

 

Volete sapere delle marmellate? Ce ne sono per tutti i gusti! Per quanto mi riguarda, in pole position metto quella al peperoncino del Vesuvio (durata meno di mezza giornata!) alla cipolla (stratosferica) e quella ai limoni.

 

Ma potreste provare quella all’uva, alla melagrana, all’anguria, all’uva fragola e chi più ne ha, più ne metta. Fatevi un regalo con una marmellata sana, come quelle che facevano le nonne e i dolci che le accompagnano sempre.

 

Quanto bello è farsi del bene, sapendo di fare del bene?

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni