Home / Cultura  / Istruzione  / Riconoscimento a Valentino Giacomin, fondatore di Alice Project Universal Education: la scuola del sorriso

Riconoscimento a Valentino Giacomin, fondatore di Alice Project Universal Education: la scuola del sorriso

Il messaggio è forte e viene da Valentino Giacomin fondatore di “Alice Project Universal Education” un metodo educativo che ha incantato il Dalai Lama e Richard Gere.

Domani a Palazzo Rinaldi di Treviso presentazione per genitori e insegnanti del Manuale di Etica Universale

 

“Se non si cambia direzione non c’è speranza di risolvere i problemi della scuola. Aumenterà la violenza aumenteranno i bambini con disagi iperattivi. Aumenteranno le nevrosi e la violenza dei genitori. Tutto ciò era stato detto già 40 anni fa”.

 

Il messaggio è forte e viene da Valentino Giacomin, fondatore di “Alice Project Universal Education”, un metodo educativo che ha incantato il Dalai Lama e Richard Gere. Un metodo innovativo introdotto nelle scuole pubbliche; sperimentale e profondamente spirituale, che mira ad integrare il curriculum scolastico tradizionale con materie che possano aiutare gli studenti ad aprire la mente creando un nuovo paradigma formativo. “Alice Project” è stato definito la Pedagogia Montessori del XXI secolo: gli obiettivi raggiunti, sia dal punto di vista accademico che educativo, sono la sconfitta del bullismo nelle scuole, l’assenza di problemi comportamentali, di apprendimento e iperattività negli studenti ed eccellenti risultati agli esami di Stato.

 

Il Maestro trevigiano, ieri a Venezia, al termine della presentazione a Palazzo Ferrofini del suo Manuale di Etica Universale per genitori e insegnanti (edito da Terranuova) ha ricevuto un riconoscimento da parte del Presidente del Consiglio Roberto Ciambetti e anche a nome del Presidente Luca Zaia.

 

“L’etica universale di Giacomin – ha detto il presidente Ciambetti durante la presentazione – è una risposta interessantissima a quei processi che segnano il mondo globalizzato governato da algoritmi e da poteri che non hanno di certo lo scopo di promuovere il benessere delle comunità. Quella che chiamiamo globalizzazione in verità è una sorta di MacDonaldizzazione, l’appiattimento di saperi e sapori, l’omogeneizzazione di comportamenti, stili di vita e consumi che negano il valore dell’identità, la ricchezza cioè che porta con sé ogni singola cultura, ogni comunità, ogni individuo. Davanti a questi fenomeni spersonalizzanti, avvertiamo sempre più la necessità di riportare al centro della vita non solo economica, ma anche politica, sociale e culturale, l’essere umano, i suoi bisogni, la sua dignità, la sua identità. Giacomin ha visto bene il pericolo celato se a uomini e donne si sostituisce l’homo oeconimicus, amorale per definizione, immorale negli esiti – ha sottolineato Ciambetti –  la strada indicata da Giacomin è quella della scuola e dell’educazione, e il volume che presentiamo oggi è un manuale per insegnanti e genitori: fondamentale è partire dai più giovani, da chi domani porrò rimedio ai nostri disastri”.

 

 

“Siamo partiti con 70 studenti nella scuola elementare e ora abbiamo 1300 studenti – ha detto Valentino Giacomin- 3 scuole e tutte impostate sulla visione educativa di Alice. I risultati sono tangibili: nelle nostre scuole c’è pace e gli studenti continuano a sorridere. Non c’è bullismo e i problemi l’iperattività non esistono. Non ho memoria nel corso dei miei 25 anni di esperienza di aver assistito nelle nostre scuole a un litigio. Durante la ricreazione, abbiamo 1300 studenti dai piccoli della scuola materna a quelli del liceo, gli insegnanti non hanno bisogno di sorvegliarli. Quando entri all’interno della scuola senti qualcosa di diverso. Si sta bene. C’è qualcosa che vale la pena esportarlo anche in altri paesi. Quello che stiamo facendo in Italia. Nel plesso scolastico di Tavernelle ad esempio, le maestre mi confermano che c’è un cambiamento. Cambiamento che si traduce poi in maggior felicità, maggior serenità, meno tensione. I bambini sono più rilassati e imparano anche meglio. Quindi abbiamo due risultati importanti, quello sul piano cognitivo e quello sul piano del comportamento.

 

A presentare il volume, Claudia Benatti, giornalista coordinatrice di progetti per la Casa Editrice ‘Terra Nuova’: “Un patrimonio di sapere che Valentino Giacomin, anche con questo Manuale, ha messo a disposizione per la crescita e l’educazione di tantissimi ragazzi. Il libro è illuminante, racchiude l’etica e l’approccio del Progetto Alice, si presenta quindi come uno strumento prezioso, fondamentale, per il lavoro degli insegnanti e il ruolo educativo dei genitori, al fine di cercare di rispondere in modo adeguato al crescente disorientamento dei ragazzi”.

 

“Siamo quindi felici e orgogliosi – ha concluso il Presidente Ciambetti – di conferire al Maestro Valentino Giacomin una pergamena di riconoscimento, da parte della Regione Veneto, per il suo prezioso ruolo di grande protagonista della cultura e della pedagogia”.

 

Il volume “Manuale di Etica Universale” è in uscito in questi giorni e il Maestro Valentino lo sta presentando in un tour in diverse regioni d’Italia. In Veneto, dopo ieri a Venezia, l’appuntamento è per giovedì  27 giugno a Treviso, alle ore 18.30 nella Sala Verde di Palazzo Rinaldi. Per la partecipazione si consiglia di prenotare i posti inviando una email a [email protected] oppure chiamare il numero 349.095 26 29. L’ingresso è gratuito.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni