Mogliano Veneto

L’Istituto Gris: Bene aggiunto e tradizione per Mogliano

2 minuti di lettura

Una delle priorità di Mogliano è quella di impedire la vendita dei beni dell’Istituto Costante Gris. Intendo la Villa Torni e le Barchesse annesse.

 

La situazione ad oggi è grave perché sono ancora circa 8 i milioni di euro da pagare. E’ noto che con l’ammissione del Tribunale di Treviso del piano di recupero, presentato a suo tempo dalla direzione dell’Istituto, l’80% dei 33 milioni di debiti iniziali sono giunti ad una composizione con i debitori che l’Istituto Gris ha iniziato a pagare.

 

Tuttavia due fornitori, creditori appunto di 8 milioni di euro, non hanno accettato il piano di recupero ammesso dal Tribunale ed hanno chiesto la vendita dei beni del Gris, beni che comprendono anche la Villa Torni e le annesse barchesse. A questa richiesta il Gris ha fatto ricorso in Cassazione, ricorso che, fino ad oggi, non ha avuto riscontro.

 

Tutto questo si poteva evitare con certezza se la proposta di trasferire il Distretto Socio Sanitario nei locali del Gris, fosse stata accettata, ma l’Uls 2 ha definitivamente posto una pietra tombale su questa possibilità. Il Distretto quindi rimarrà nell’attuale sede di Piazza Donatori di Sangue dove il Comune investirà 300 mila euro ed altrettanti ne metterà la Cadoro che sta per avviare la costruzione di un supermercato nella ex area Macevi.

 

Tutti i moglianesi devono essere consapevoli che il Gris è un valore aggiunto per la città e che fa parte della tradizione e della storia di Mogliano. Valore aggiunto tanto più ora che l’attuale direzione ha aperto le porte dell’Istituto alla cittadinanza ospitando al su interno molte associazioni alcune delle quali si dedicano all’assistenza dei malati di Alzheimer e delle persone a vario titolo disagiate.

 

E devono anche sapere che con il mancato trasferimento del Centro socio sanitario, le ristrutturazione e gli ampliamenti che verranno effettuati saranno talmente insufficienti che prima o poi il Distretto rischia di essere trasferito in altro comune, già ne esiste uno che lo vorrebbe, e così Mogliano oltre al Gris perderebbe anche il Distretto.

 

Sono certo che tutto questo i moglianesi non lo vogliono e quindi tutti insieme ricordiamo al Sindaco che durante la sua campagna elettorale aveva promesso il suo impegno per la salvezza dell’istituto Gris.

 

Ora è il momento di mantenere la promessa e di attivarsi in tutte le maniere coinvolgendo in primo luogo la Regione affinchè intervenga nel malaugurato caso la Cassazione respingesse il ricorso promosso dalla direzione del Gris. Ricordiamogli anche che il Distretto è cosa di Mogliano e che deve fare l’impossibile per dotarlo di spazi sufficienti ad accogliere tutti gli utenti di un territorio vasto come quello che il Distretto serve.

 

Il Direttore

Gianfranco Vergani

Articoli correlati
AmbienteMogliano Veneto

Dieci foto-trappole e sanzioni più elevate contro gli eco-vandali

2 minuti di lettura
Con l’obiettivo di continuare la lotta all’abbandono e assicurare una corretta gestione dei rifiuti, a Mogliano Veneto sono state installate ben dieci…
Mogliano VenetoPsicologia e DintorniSlide-mainSociale

“Piccoli Passi, Grandi Sorrisi”: riparte il progetto educativo

1 minuti di lettura
Torna una nuova edizione del progetto “Piccoli Passi, Grandi Sorrisi”, percorso di incontri gratuiti dedicati ai genitori residenti nel Comune di Mogliano…
Mogliano VenetoSlide-mainSpettacolo

Anna Mazzamauro in "Com'è ancora umano lei, caro Fantozzi"

2 minuti di lettura
Uno spettacolo-amarcord sull’indimenticata e indimenticabile comicità surreale e innovativa di Paolo Villaggio. Mogliano Veneto (Tv) – “Com’è ancora umano lei, caro Fantozzi”,…