FoodFood & LifestyleItalia MondoSlide-mainVenezia

Il viaggio di Sina Chefs’ Cup Contest fa tappa all’Antinoo’s Lounge e Restaurant, ristorante del Sina Centurion Palace di Venezia

3 minuti di lettura

Martedì 19 luglio il cinque stelle lusso affacciato sul Canal Grande ospiterà l’eccellenza della cucina della Serenissima.
Protagonisti gli chef Stefano Vio di Zanze XVI e Valerio Dallamano di Wistèria, entrambi ristoranti stellati di Venezia, che, assieme allo chef resident Giancarlo Bellino presenteranno i loro piatti ispirati al tema del viaggio.

Martedì 19 luglio 2022, alle ore 20.00, l’Antinoo’s Lounge & Restaurant, il ristorante del Sina Centurion Palace, cinque stelle lusso della Sina Hotels affacciato sul Canal Grande, ospiterà la quarta tappa del contest che rende protagonisti gli chef stellati fra i più famosi del panorama nazionale.

Un appuntamento dedicato all’eccellenza della cucina della Serenissima. Saranno, infatti, gli chef Stefano Vio di Zanze XVI e Valerio Dallamano di Wistèria, entrambi ristoranti stellati di Venezia, assieme allo chef resident Giancarlo Bellino, ad accompagnare il viaggio dei commensali. Ed è proprio il viaggio il tema scelto per l’ottava edizione del contest: tour di sette tappe, nelle maggiori città italiane, che per ciascun appuntamento rende protagonista una coppia di chef stellati. Il viaggio, che alimenta e ispira i cuochi nella preparazione dei loro piatti, racchiude il desiderio di libertà, di scoprire luoghi e nuove culture, di conoscere la tradizione, la storia e la cucina di popoli stranieri. Sentimenti riaccesi in seguito alla pandemia che ha alimentato il desiderio di esplorare nuove mete per viaggiare in libertà.

Sono dodici gli chef stellati che hanno il compito di interpretare il tema proponendo ricette e piatti ispirati a ricordi, emozioni, sensazioni, colori e sapori vissuti durante i loro viaggi. Le cene sono ospitate all’interno dei ristoranti del gruppo Sina Hotels. Da Perugia a Roma, da Venezia a Torino Sina Chefs’ Cup Contest si compone di sette appuntamenti alla scoperta dei luoghi, le città, le opere d’arte che hanno influenzato gli chef stellati protagonisti di questa nuova edizione.

Le cene, aperte al pubblico, offrono la possibilità di assistere dal vivo gli chef stellati nella preparazione delle ricette che li hanno ispirati. Le proposte culinarie sono poi presentate ad una giuria costituita, in ogni tappa, da tre esperti del settore (critici enogastronomici, giornalisti, nutrizionisti…) e da una giuria garante composta da tre persone presente a tutte le tappe il cui peso del voto è pari a quello di un unico giurato.

Per la tappa veneziana la giuria è costituita da Fausto Arrighi, già direttore della Guida Michelin e oggi consulente per ristoranti e hote, Claudio De Min giornalista gastronomico de Il Gazzettino, Annamaria Pellegrino, cuoca e narratrice gastronomica, docente di cucina e cultura del cibo, autrice televisiva.

Gli chef si alterneranno nella preparazione del menu. Chef Vio accompagnerà il pubblico alla scoperta del suo antipasto composto da ricciola, gobbetti e green curry Giancarlo Bellino preparerà i ravioli di spigola con salsa di burro e caviale e come secondo piatto la “Seppiolina nostrana“,  ovvero seppia alla plancia con salse al nero, fegato, aglio dolce, prezzemolo e n’duja. Il compito di chiudere il viaggio spetterà a chef Dallamano che presenterà la sua René Magritte il dessert che racchiude  il tema del viaggio dei figli dell’uomo tra realtà e il mistero.

In vetta alla classifica provvisoria ci sono gli chef Enrico Marmo (Ristorante Balzi Rossi) e Massimo Viglietti con 95 punti su 100. Il secondo posto con 94/100 se lo dividono le coppie di chef Vincenzo Guarino del Castello di Postigliano (Sellano – Perugia) e Giancarlo Polito della Locanda del Capitano (Montone – Perugia); gli chef Alessandro Rossi de Il Gabbiano 3.0 (Marina di Grosseto – Grosseto) e Maurizio Bardotti dell’Osteria Passo dopo Passo aFizzano, Castellina in Chianti (Siena).

Dopo la tappa veneziana Sina Chefs Cup Contest proseguirà il suo tour al Sina Villa Medici di Firenze, il 20 settembre, con gli chef stellati Senio Venturi de L’Asinello (Castelnuovo Berardenga – Siena) e Riccardo Agostini de Il Pilastrino (Pennabilli – Rimini). L’11 ottobre il Sina Bernini Bristol di Roma ospiterà l’ultimo appuntamento, prima della finale, fra gli chef Giovanni Vanacore di Palazzo Alvino (Ravello) e Luigi Lionetti del ristorante Le Monzù dell’Hotel Punta Tragara (Capri). La finale si svolgerà l’8 novembre al Sina de La Ville di Milano.

La giuria presente ad ogni tappa esprimerà il suo giudizio riguardo ai piatti proposti in relazione all’aderenza al tema scelto, alla complicità di coppia e di squadra, alla bontà del piatto, al rapporto fra qualità e prezzo, al valore estetico e artistico.

Al termine di ogni evento sarà aggiornata la classifica relativa alle sei coppie di chef sul sito dedicato all’evento.

Articoli correlati
AttualitàMoglianoSlide-main

Marta Novello: la tragedia e quel profondo senso di ingiustizia

2 minuti di lettura
Processo da rifare per l’aggressore di Marta Novello. È piombata nei quotidiani, con il fragore che tanto piace ai lettori, la notizia:…
MoglianoSlide-main

Assemblea pubblica a Marocco: condivisi e accolti dalla cittadinanza i nuovi progetti

2 minuti di lettura
Durante l’assemblea pubblica tenutasi ieri sera, giovedì 1° dicembre, presso il Quartiere di Marocco di Mogliano Veneto, il Sindaco Davide Bortolato ha…
Slide-mainVeneto

Autonomia. Zaia incontra il ministro Calderoli a Venezia

2 minuti di lettura
“L’autonomia non è la richiesta di un’amministrazione ma di un popolo, su basi democratiche; il Veneto se la aspetta fino in fondo….

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio