Italia MondoSlide-mainTreviso

Donne Vita Libertà. Al cinema Edera di Treviso “Gli orsi non esistono” di Jafar Panahi e un dibattito sulle donne iraniane e i diritti civili

2 minuti di lettura

Gli orsi non esistono è stato girato in Iran nella primavera 2022. La prima del film arriva a Venezia il 9 settembre scorso, in occasione della 79ª Mostra internazionale d’arte cinematografica e si aggiudica il Premio speciale della giuria che, dopo il Leone d’oro e il Leone d’argento – Gran premio della giuria, è uno dei premi più importanti della kermesse veneziana.

Il 9 settembre, però, registra anche un grande assente: il regista Jafar Panahi, infatti, non ha potuto presenziare alla cerimonia perché è stato arrestato nel luglio 2022 e condannato a sei anni di reclusione per propaganda contro il governo iraniano.

Jafar Panahi, regista, attore e sceneggiatore iraniano nel 2010 aveva già subito una condanna che prevedeva per venti anni l’impossibilità di girare film, espatriare e avere contatti con i media.

Universalmente riconosciuto come uno dei più influenti cineasti iraniani, i suoi film sono spesso banditi nel suo Paese ma premiati a livello internazionale, come, nel 1997, il Pardo d’oro al Festival di Locarno per Lo specchio, il Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia per Il cerchio nel 2000 e, nel 2006, l’Orso d’argento per la migliore regia al Festival di Berlino per Offside.

Panahi non fa come gli viene detto, infatti egli ha avuto successo proprio per non fare come gli viene detto“. Hamid Dabashi, professore di letteratura iraniana

Nei suoi film Panahi racconta la prospettiva sociale e umana del suo Paese, spesso concentrandosi sui disagi dei bambini, dei poveri, e delle donne.

Ed è appunto di donne e diritti civili che si parlerà questa sera, alle 20.00, al cinema Edera di Treviso, prima della proiezione del film – che proseguirà anche il 18 e 19 ottobre prossimi – nel dibattito “Donne Vita Libertà” organizzato da Azione e Italia Viva Treviso.

Le proteste di queste ultime settimane delle donne e dei giovani iraniani sono la testimonianza di un cambio culturale profondo. A sostegno delle libertà individuali, riflettiamo insieme. Siamo lieti di invitarvi al dibattito a sostegno delle donne iraniane e dei diritti civili che precederà la proiezione del film “Gli Orsi non Esistono” del regista iraniano Jafar Panahi, vincitore di un premio speciale all’ultima mostra del Cinema di Venezia. Un film che toccherà l’animo di ognuno di noi. Vi aspettiamo”, dicono gli organizzatori.

Un’occasione per conoscere l’opera di un artista che non si piega ai diktat del potere, riuscendo a raccontare al pubblico uno spaccato reale sulla vita del suo Paese.   

Una strada e una coppia. Lui ha procurato per lei un passaporto falso per consentirle di espatriare ma quando la donna apprende che non partiranno insieme rifiuta di lasciarlo. Uno “Stop” ci informa del fatto che si tratta di una scena di una docufiction che Jafar Panahi sta cercando di dirigere a distanza da un villaggio in cui il segnale è estremamente precario. Ma anche la vita in quel luogo è precaria.

credits foto ©2022_JP Production

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio