Slide-mainTrevisoTutela del Cittadino

Carabinieri. 32enne ai domiciliari per molestie, rapina e minaccia aggravate

1 minuti di lettura

I Carabinieri della Compagnia di Treviso, all’esito di attività d’indagine svolta sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, nei giorni scorsi hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa a carico di un 32enne di origini marocchine indagato per i reati di rapina aggravata, minaccia aggravata e molestie continuate.

L’attività investigativa ha avuto inizio nelle fasi immediatamente successive alla rapina avvenuta presso un esercizio pubblico del comune di Quinto di Treviso (TV), dove il 17 settembre scorso l’indagato aveva minacciato il titolare puntandogli un coltello da cucina all’addome costringendolo poi a consegnargli una banconota da 100 Euro.

Nel frangente, anche un avventore del locale, intento a giocare alle macchinette video-poker, veniva minacciato con il coltello e insultato dallo straniero che infine si allontanava dal locale non prima di avere scaraventato a terra tutti i bidoni di rifiuti del bar e del condominio attiguo.

La pericolosità del soggetto tratto in arresto dai militari dell’Arma è stata confermata anche dalle gravi condotte dello stesso nei giorni immediatamente antecedenti e successivi alla rapina:

  • la sera del 13 settembre u.s. nel locale ove era avvenuta la rapina lo straniero, in evidente stato di alterazione, aveva avuto un acceso diverbio con un avventore cui aveva danneggiato l’autovettura scagliando contro la carrozzeria un bidone dei rifiuti preso nei pressi e i Carabinieri erano dovuti intervenire per riportare la calma, salvo poi dover successivamente tornare in forze in loco, la stessa sera, poiché l’indagato aveva iniziato a litigare con i passanti, a urlare e lanciarsi in mezzo alla strada con grave pericolo per sé e per la circolazione. I militari dell’Arma lo sanzionavano, nel frangente, per ubriachezza, minaccia e molestie;
  • la notte del successivo 20 settembre, appena tre giorni dopo la rapina, l’indagato veniva nuovamente controllato nella pubblica via, in Quinto di Treviso, da una pattuglia di Carabinieri dopo che un cittadino aveva segnalato la presenza di un uomo in stato di alterazione che creava fastidio con urla e schiamazzi. Avvicinatisi, gli operanti notavano che dai pantaloni dello straniero spuntava il manico di un oggetto poi rivelatosi una mannaia, sequestrata. In questo caso l’indagato veniva denunciato in stato di libertà per porto di armi o oggetti atti a offendere.

In forza al provvedimento restrittivo eseguito, il cittadino marocchino è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio