Home / Slide-main  / Angelo Pintus al Teatro Goldoni con “Destinati all’estinzione”

Angelo Pintus al Teatro Goldoni con “Destinati all’estinzione”

Al Teatro Goldoni si accendono i riflettori su Divertiamoci a teatro: martedì 12 e mercoledì 13 novembre, Angelo Pintus da il via alla prima edizione della rassegna di teatro leggero che animerà il palcoscenico veneziano per la stagione 2019/2020.

Al Teatro Goldoni si accendono i riflettori su Divertiamoci a teatromartedì 12 e mercoledì 13 novembreAngelo Pintus da il via alla prima edizione della rassegna di teatro leggero che animerà il palcoscenico veneziano per la stagione 2019/2020. Con Destinati all’estinzione la comicità popolare e coinvolgente di Pintus accompagna il pubblico in una divertita riflessione su come, suo malgrado, l’uomo contemporaneo vada incontro ad un inesorabile destino.

 

Lo spettacolo

Vero portento della comicità italiana degli ultimi anni, dal 2009 Pintus è presenza fissa di Colorado, il programma comico più popolare di Italia 1. Dopo il successo dei suoi precedenti live show, con Destinati all’estinzione mette in scena uno spettacolo brillante e divertente, presentando una serie di esilaranti ritratti dell’italiano medio: c’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste, c’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare e c’è chi vuole fare la rivoluzione, ma solo su Facebook. C’è poi chi parcheggia la macchina nel posto riservato ai disabili “tanto sono solo 5 minuti” e c’è chi dice ciaone o fa l’Apericena. Ma soprattutto c’è chi crede che la terra sia piatta, e probabilmente si è anche convinto che la colpa sia di Silvio Berlusconi. Sono questi i piccoli segnali che fanno presagire un ritorno… quello dei Dinosauri. Tra una battuta e l’altra, giunge chiaro l’invito a riflettere: non si può sempre distogliere lo sguardo e delegare l’impegno agli altri, perché “è il cittadino che cambia il paese”. A poco a poco, appare il canovaccio che sta alla base dello spettacolo, tracciato su una grande lavagna posta al centro del palcoscenico dall’artista stesso, novello cantastorie, cronista sagace della “più grande involuzione umana della storia”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni