AmbienteAttualitàEconomiaSlide-mainSostenibilitàSpeciale SostenibilitàVenezia

All’isola di San Giorgio il convegno nazionale “La trasformazione sostenibile: ambiente economia e società” della Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice

3 minuti di lettura

Al convegno nazionale “La trasformazione sostenibile: ambiente economia e società“, tenutosi ieri nella splendida cornice della Fondazione Giorgio Cini all’isola di San Giorgio, su iniziativa del Fcapp di Treviso, si è parlato delle sfide che ci attendono e delle azioni possibili.

All’evento hanno portato il loro contributo accademici, imprenditori, banchieri e responsabili di istituzioni.

Ad aprire e a chiudere i lavori, durati l’intera giornata, la Dottoressa Anna Maria Tarantola, presidente della Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice.

Sostenibilità, ambiente, imprese, istituzioni, dialogo, territorio, solidarietà, responsabilità, giovani, formazione e futuro. Queste in sintesi sono le parole chiave che rappresentano i concetti emersi dal convegno nazionale dedicato alla “Trasformazione sostenibile: ambiente, economia e società. Le sfide che ci attendono e le azioni possibili”, promosso dalla Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice (FCAPP) ed organizzato in collaborazione con il gruppo della FCAPP di Treviso che si è svolto a Venezia, sabato 11 giugno, nell’isola di San Giorgio presso la Fondazione Giorgio Cini Onlus.

Tante le riflessioni ricche di contenuti che hanno animato il dibattito. “Fra queste – come ha detto il direttore generale della Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini – i meccanismi di mercato possono essere potenti alleati per raggiungere gli obiettivi della transizione climatica quindi occorre aiutare le persone in difficoltà non offrendo
sovvenzioni permanenti all’uso di fonti fossili, ma dando loro la possibilità concreta di
ridurre gli sprechi energetici e di passare a fonti rinnovabili e  guardare alla tecnologia come utile strumento d’applicare ai nuovi modi di produrre, attenti alla tutela dell’ambiente
”.

La riflessione dei diversi relatori si è poi soffermata sul fatto che, è diventato sempre più urgente pensare rapidamente a un cambiamento del nostro modello di sviluppo. Questo passaggio non va considerato come un costo, ma come un’opportunità. Le persone devono essere al centro di questo processo di trasformazione e per renderlo effettivamente reale bisogna puntare su una formazione all’avanguardia, capace di stare al passo dei tempi che cambiano. In effetti, la transizione ecologica è una grande sfida. I meccanismi di mercato e le istituzioni non bastano a risolvere la questione, c’è bisogno di risposte dall’alto e dal basso. È un problema che incide su tutti i settori produttivi. Quest’anno per esempio l’agricoltura sta soffrendo molto a causa della siccità, dovuta al cambio del clima. Molto interessante tra le proposte emerse vi è quella di promuovere l’adozione della Carbon tax, così come quella di adottare azioni dirette a favorire nelle persone scelte orientate a forme di consumo responsabili. Fondamentali sono anche le comunità energetiche, nelle quali l’energia viene prodotta in maniera diffusa e partecipata dai cittadini. In questo contesto, determinante è il dialogo con il territorio, con le aziende e le istituzioni. I giovani chiedono sempre di più agli adulti di essere parte attiva nella gestione del processo verso la transizione sostenibile e per governare al meglio questo cammino occorre non perdere mai di vista l’obiettivo. Per realizzare concretamente la sostenibilità ambientale ognuno deve fare la sua parte.

In conclusione, la presidente della Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice, Anna Maria Tarantola ha ricordato che: “Bisogna guardare al futuro agendo per contribuire a creare una società più solidale, più inclusiva, più sostenibile, orientata al benessere di tutti e fondata sul principio dell’ecologia integrale che vuol dire cura e custodia del Creato». In effetti, ha aggiunto: «C’è una generalizzata consapevolezza sul fatto che questo percorso non possiamo fermarlo o rallentarlo di fronte ad emergenze terribili come la guerra di aggressione in Ucraina. Dunque, il senso di responsabilità deve essere il tratto distintivo di ciascuno: dai singoli, che devono cambiare il loro stile di vita, alle aziende che devono rivedere il loro obiettivo, il quale non deve essere semplicemente e solo profitto, ma si deve orientare verso forme di produzione del profitto che abbiano un impatto positivo sull’ambiente, sulle persone e sulle cose». La presidente Tarantola ha sottolineato anche che: «I governi devono cambiare le loro politiche pensandole nella prospettiva di guidare in modo corretto il processo di transizione ecologica. Ed in più si deve tenere in buon conto il fatto che i costi della transizione non possono gravare su categorie di persone o di paesi fragili, dobbiamo perciò prevedere forme di sostegno che li aiutino durante questo cambiamento epocale».

Infine, ha concluso la Presidente della Fondazione Centesimus Annus: «Dobbiamo trasmettere ai giovani il senso della vita. Dopo la pandemia hanno bisogno di ritrovare la speranza e la capacità di vedere un futuro che gli dia la possibilità di realizzare i loro sogni».

Articoli correlati
Slide-mainSport

Nuoto, 35 medaglie: Italia Campione d'Europa

2 minuti di lettura
3.28.46. 4 secondi e passa alla Francia che arriva a 3.32.50. Praticamente il vuoto. Con 57.72 Nicolò Martinenghi nella sua frazione ha…
MargheraMestreSlide-mainTutela del CittadinoVenezia

Allerta meteo: da domani pomeriggio a venerdì mattina possibili temporali associati a rovesci, vento forte e grandine

1 minuti di lettura
La Protezione civile del Comune di Venezia, sulla base dei dati del Servizio meteorologico del Centro funzionale decentrato (CDF) della Regione Veneto,…
CulturaMestreSlide-main

La Biblioteca di Carpenedo Bissuola si rifà il look

2 minuti di lettura
Al via dal prossimo 19 agosto i lavori di ristrutturazione edilizia della Biblioteca di Carpenedo Bissuola. L’intervento è finanziato, per complessivi 200.000…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!