ItaliaVeneto

Vinitaly 2024: un’ode al vino e al territorio

1 minuti di lettura

Vinitaly 2024 si appresta a illuminare la Fiera di Verona con la sua 56ª edizione, promettendo un’esperienza enologica senza precedenti e confermando il Veneto come protagonista indiscusso nel mondo del vino.

VERONA. Dal 14 al 17 aprile, la prestigiosa Fiera di Verona ospiterà nuovamente uno degli eventi più attesi nel mondo dell’enologia: Vinitaly. Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha esaltato l’importanza di questa manifestazione internazionale, definendola una “manifestazione top a livello internazionale, capace di innovarsi e rinnovarsi ogni anno, con estrema attenzione alla qualità e all’identità dei territori”. Queste parole non fanno che accrescere l’entusiasmo intorno a un evento che si conferma essere un faro nel panorama vinicolo mondiale.

Con oltre 4.000 cantine espositrici che si estenderanno su una superficie di 100.000 metri quadrati, Vinitaly 2024 promette di superare ogni aspettativa. Ma non è solo una questione di numeri: l’edizione di quest’anno vanta il coinvolgimento di 1.200 top buyer, segnando un aumento del 20% rispetto all’anno precedente e addirittura del 70% rispetto a due anni fa. Un segnale inequivocabile della crescente rilevanza che questo evento ha acquisito a livello globale.

Non è un caso che 65 Paesi saranno protagonisti della domanda estera selezionata, con l’arrivo previsto di circa 30.000 operatori stranieri provenienti da oltre 140 nazioni, tra cui Stati Uniti, Canada, Cina e Regno Unito. Questi numeri straordinari non solo confermano il successo consolidato di Vinitaly, ma sottolineano anche il ruolo chiave che il Veneto riveste nel panorama vinicolo internazionale.

Infatti, il Veneto non è solo la regione leader nella produzione di vino in Italia, ma è anche tra le più importanti in termini di esportazioni nel mondo. Vinitaly diventa così non solo una vetrina per i produttori locali, ma anche un’opportunità per promuovere la cultura vinicola e il territorio veneto a livello globale.

Non possiamo che attendere con ansia l’apertura di questa 56ª edizione di Vinitaly, pronti a immergerci nelle eccellenze enologiche del Veneto e del mondo intero. Un sentito ringraziamento va agli organizzatori e a tutti coloro che stanno contribuendo al successo di questa straordinaria manifestazione.

Articoli correlati
ItaliaSociale

Senior Housing: benessere e socializzazione per anziani

1 minuti di lettura
Il Villaggio Novoli offre agli anziani attivi una comunità accogliente e una gamma completa di servizi per favorire il loro benessere e…
ItaliaSaluteSlide-mainSociale

"Pensati celiaco": il disagio sociale nelle persone con celiachia

2 minuti di lettura
ll convegno “Pensati celiaco” al Senato della Repubblica ha offerto uno sguardo approfondito sulle sfide e le soluzioni per migliorare la vita…
ArteCittà Metropolitana di VeneziaItaliaMondoSlide-mainVenezia

Biennale di Venezia 2024: i padiglioni da non perdere ai Giardini

5 minuti di lettura
L’edizione 2024 della Biennale di Venezia “Stranieri Ovunque, Foreigners Everywhere” rivela una selezione eclettica e stimolante di padiglioni artistici nei Giardini, offrendo…