Home / Cultura  / Venezia città termale

Venezia città termale

Prosegue il programma di eventi online promosso dall'Ateneo Veneto. Oggi pomeriggio l'incontro con Alessandro Marzo Magno, che - attraverso la sua ultima fatica letteraria - racconterà Venezia, culla della tipografia tardo quattrocentesca e madrina del

Prosegue il programma di eventi online promosso dall’Ateneo Veneto. Oggi pomeriggio l’incontro con Alessandro Marzo Magno, che – attraverso la sua ultima fatica letteraria – racconterà Venezia, culla della tipografia tardo quattrocentesca e madrina del primo editore italiano, Aldo Manuzio.

Domani, mercoledì 17 marzo 2021, alle ore 17.30 sul canale YouTube dell’Ateneo Veneto, l’appuntamento sarà con Nelli-Elena Vanzan Marchini per scoprire un altro volto di Venezia, quello di città termale.

 

Dopo la caduta (1797), la Repubblica di Venezia da Dominante diventa terra di conquista delle monarchie straniere che la utilizzano come porto degli imperi.
I francesi e gli Austriaci, affascinati dal clima e dalle acque della città, potenziano il turismo romantico finalizzato a vivere Venezia come una totalizzante esperienza fisica che si appaga nella sua specificità anfibia. La nuova immagine della Venezia suddita affascina per la decadenza delle sue pietre e per il valore terapeutico delle sue acque che la trasformano in una città termale dotata a metà Ottocento di ben otto stabilimenti talassoterapici. In un’Europa, che dalla fine del Settecento aveva scoperto il potere sanante dei bagni di mare, a Venezia si moltiplicano gli alberghi, tanto che Daniele Manin, in una adunanza dell’Ateneo Veneto nel 1847, chiede di invertire la rotta per non offrire ai giovani un futuro di “bagnini e locandieri”, e auspica l’apertura di una “Scuola di Commercio e Nautica Mercantile” perché “alla pratica dee precedere l’istruzione”. Ma l’economia di Venezia era compressa rispetto a quella di Trieste e dopo la rivoluzione di Manin la situazione peggiora. Il giogo austriaco si fa più pesante. I bagni per cura si trasferiscono al Lido dove, a partire dai primi del ‘900, nascono i grandi alberghi e tutta l’isola viene valorizzata come la città del loisir che attrae l’aristocrazia e le élites internazionali con gli sport e la Mostra del Cinema.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni