Slide-mainSocialeVeneto

Trasporto pubblico locale. Dalla Regione 1,5 milioni di euro per agevolare persone cieche e ipovedenti

1 minuti di lettura

“Una sperimentazione, in fatto di agevolazioni tariffarie per le categorie più deboli, frutto della collaborazione con gli enti di governo e le aziende del trasporto pubblico locale e per il corretto avvio della quale si è optato per una proroga nella data di inizio. Accogliendo le richieste del comparto, vogliamo che il sistema parta senza intoppi e con una organizzazione perfetta”.

Con queste parole la Vicepresidente e Assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione Elisa De Berti commenta il provvedimento che dilaziona l’avvio della sperimentazione relativa all’introduzione di nuove agevolazioni tariffarie per ciechi e ipovedenti.

La Regione ha infatti previsto di assegnare un contributo di 1,5 mln di euro alle aziende del comparto del trasporto pubblico locale a ristoro dei costi sostenuti per le agevolazioni tariffarie per queste fasce deboli di utenza: integrando quanto già in vigore, di fatto viene ampliata la platea dei destinatari delle agevolazioni.

Inizialmente previste a partire dal 1° novembre, le nuove agevolazioni avranno validità dal 1° dicembre 2022 e si concluderanno il 31 dicembre 2024: lo stanziamento complessivo sarà suddiviso in 300mila euro per il 2022, 600mila per il 2023 e 600mila euro per il 2024.

Nel dettaglio, il provvedimento prevede che gli accompagnatori di soggetti ciechi totali, parziali o ipovedenti gravi possano usufruire di un abbonamento agevolato (in misura non inferiore all’80% del valore dell’abbonamento ordinario) o della gratuità della corsa semplice, purché in presenza dell’utente disabile.

“Con questo provvedimento il concetto di ‘servizi essenziali’ riferito al trasporto pubblico locale acquista un significato ancora più rilevante: la collaborazione tra ambiti diversi con l’obiettivo ultimo di essere al servizio degli utenti dimostra la volontà di lavorare per i cittadini e di sostenere le fasce più deboli, proprio attraverso il comparto della mobilità regionale, che per queste persone riveste un’importanza fondamentale trasformando anche i più piccoli spostamenti quotidiani in un’occasione di piena integrazione nella comunità. Un buon esempio di provvedimento in cui trasporti e sociale si integrano e dialogano in modo costruttivo”, conclude la Vicepresidente De Berti.

Dagli esiti della sperimentazione verrà considerata l’opportunità di presentare un progetto di legge per l’introduzione definitiva delle agevolazioni valutando anche l’estensione ad altre categorie di disabili. A breve, infine, verranno diramate agli enti di governo e alle aziende del trasporto pubblico locale le linee guida per consentire il materiale rilascio dei titoli di viaggio agevolati.

Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio