Home / Posts Tagged "Sanremo"

A inizio settimana abbiamo intervistato Sabrina Salerno, che mercoledì sera abbiamo visto in splendida forma scendere le prestigiose scale del teatro Ariston di Sanremo (anche se con un piccolo incidente di percorso).

 

I suoi strepitosi look hanno incantato il pubblico di tutta Italia e domani sera sarà di nuovo sul grande schermo a fianco di Amadeus per il gran finale!

 

 

Photo Credits: https://staticfanpage.akamaized.net/

Ha fatto discutere Achille Lauro ieri sera sul palco dell’Ariston del Festival di Sanremo, dividendo pubblico e critica. Si è proposto con Me ne frego avvolto in una cappa nera con decori d’oro, per poi rimanere, tolto il mantello, “nudo”.

 

Ha concluso la sua esibizione scalzo, ricoperto di tatuaggi con una sottile tutina intima aderente impreziosita di strass, tra clamore e perplessità del pubblico. Un momento, stando alle dichiarazioni sulle pagine Social dell’artista, di estasi mistica in cui lui, così dannato e controverso, ha personificato un san Francesco moderno. Una scena di pittura “vivente” attribuita a Giotto e tratta delle Storie di san Francesco della Basilica Superiore di Assisi. Lauro, come il Santo, abbandona le ricchezze e il superfluo per seguire la vocazione.

Scelta assolutamente discutibile, ad ogni modo l’esibizione fa tendenza e Me ne frego è già tra i video più cliccati su Youtube.

 

Il performer sembrerebbe esser scivolato su una “buccia di banana”, rendendosi più che Santo un imprenditore di se stesso in stile Andy Warhol. A pensarlo è l’esperto d’arte Daniele Radini Tedeschi che, negli studi di “Vieni da me” su Rai1, davanti a Caterina Balivo, apprezza l’esibizione sottolineandone però l’operazione commerciale che c’è dietro, perché il mantello di Lauro non è altro che prodotto dalla nota casa di moda Gucci e lo stesso cantante sui social ne pubblicizza la griffe. Alessandro Michele, direttore creativo della maison, ripubblica sul suo profilo Instagram la foto del rapper in un rimando reciproco di pubblicità e business. E allora le virtù cardinali sono davvero lontane perché anche il rapper ha mostrato il suo grande “tallone d’Achille”.

Domani sera tutta Italia vedrà l’intramontabile icona genovese scendere le mitiche scale del Teatro Ariston. Alla vigilia della sua apparizione su Rai1 a fianco di Amadeus, abbiamo intervistato la splendida Sabrina Salerno, trevigiana d’adozione ormai da molti anni.

 

• Felice o sorpresa per l’invito a partecipare a Sanremo?

Sorpresa no, felice sì. Sanremo per me è tornare un po’ nel posto e nel teatro dove tutto è cominciato, avendo io vissuto a Sanremo dai 5 ai 15 anni, quindi in un periodo della mia vita molto importante.

 

• Che effetto ti fa tornare nella tua terra natale?

Sono legata affettivamente a quella città e al teatro dell’Ariston dove sono successe tante cose. Mi ricordo che lì per la prima volta vidi Grease, perché faceva anche cinema. Da ragazzina, fino ai 12-13 anni, mi imbucavo ogni volta che arrivavo al Festival di Sanremo per chiedere l’autografo e vedere i vari cantanti in gara. Diciamo che da lì sono nati un po’ i miei sogni.

 

• Cosa pensi dell’invito di Amadeus a partecipare al Festival?

Amadeus cercava donne con percorsi diversi, che avessero ancora molto da raccontare.

 

• Credi sia possibile che la tua storica amica Jo Squillo ti raggiunga sul palco dell’Ariston?
Siete sempre molto amiche, vi sentite?

Sì, con Jo siamo ancora molto amiche, ci siamo sentite anche ieri, ma la sua partecipazione non è prevista.

 

• Quali sono le tue impressioni in merito allo studio di incisione delle star della musica riaperto recentemente a Villa Condulmer di Mogliano Veneto?

Condulmer Recording Studio è stato inaugurato da poco e ne sono molto felice, perché di lì sono passate alcune delle più famose star mondiali e italiane al mondo.

 

• Perché hai deciso di vivere nella provincia trevigiana e cosa ti affascina di questi luoghi?

A dire il vero non ho deciso, è stata una scelta dettata dal destino perché come tutti sanno sono sposata con Enrico Monti e stiamo insieme da trent’anni, quindi mi sembrava una scelta fin troppo logica.
Comunque sia in Veneto c’è un’ottima qualità di vita e si sta bene (clima a parte)!

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni