Home / Posts Tagged "libro"

Dopo la bella serata dedicata al gatto, grazie alla bravura del Dott. Cattarossi veterinario con clinica a Casale e residente a Conscio, venerdì 29 novembre “Consciamente” ospiterà una serata dedicata ai libri. Sarà una piacevole conversazione con la scrittrice moglianese Monica Tessarin.

 

Un’occasione un po’ diversa e gradevole per riflettere e conoscere.

Segue alle 19.30 l’immancabile spritz per tutti.

 

Una donna ferita da un amore sbagliato e un serbo di Bosnia dal passato sconosciuto, che il destino fa incontrare, sono i protagonisti di Dragan l’imperdonabile. Il nuovo romanzo dai forti connotati psicologici dello scrittore Roberto Masiero, nativo di Bolzano ma moglianese di adozione, è ambientato agli inizi degli anni ’90 proprio nei dintorni di Mogliano.

 

L’autore ama affiancare alla quotidianità di vite comuni l’irrompere di eventi della Grande Storia che, a volte inconsapevolmente, ci riguardano. Nella nuova opera Giada, giovane cassiera di un supermercato, è turbata da questioni personali e da una solitudine interiore, solo a tratti spezzata dal dialogo rassicurante con una bambina inesistente, generata dalla propria fantasia. 

 

Su questo scenario entra come un fulmine il dramma della vicina, ma affettivamente lontanissima guerra che si combatte nei Balcani, dopo la disgregazione della ex Jugoslavia.

 

Dragan, giovane ex insegnante di Višegrad, fuggito in Italia per ragioni misteriose, si arrabatta come può nella precarietà. Tra lui e la ragazza viene a stabilirsi uno strano rapporto: il serbo bosniaco, spirito pratico, si rivelerà una specie di premuroso angelo custode al servizio della ragazza, anche nell’assistenza alla madre gravemente malata, fino a quando succede l’irreparabile…

 

Pur non avendo finalità di letteratura narrativa dichiaratamente ancorata al territorio locale, tra le pagine più significative rivivono il parco abbandonato di Veneland con l’ambiente straordinario delle ex cave di Marocco, insieme a paesaggi della nostra pianura, ricca di testimonianze.

 

Appaiono sullo sfondo episodi dell’inenarrabile genocidio consumato in Bosnia, a cui questa storia toccante, pur nella finzione narrativa, fa riferimento in modo circostanziato. 

 

Pagine tese, dai toni pungenti, alternate a sprazzi di delicata introspezione e paesaggi dell’anima, ci avvicinano alla realtà di un conflitto fratricida vicino nel tempo, largamente incompreso, che rimanda alla questione irrisolta sulla natura contraddittoria dell’uomo, sempre in bilico tra l’aspirazione a una limpidezza irraggiungibile e l’abisso dei propri istinti peggiori, di cui sono vittime soprattutto gli esseri più deboli e in particolare le donne. 

 

Presentazioni

Venerdì 22 novembre, ore 17.30, Corte di Villa Errera, biblioteca comunale di Mirano (via Bastia Fuori)

Domenica 1° dicembre, ore 18, presso la libreria LOVAT di Villorba (via Newton 13)

Roberto Masiero è nato da genitori veneti e cresciuto a Bolzano, in anni in cui era forte la tensione tra popolazioni di diversa estrazione linguistica. Risiede nel trevigiano e nel corso della sua vita ha coltivato una vera avversione per ogni forma di pregiudizio. Tra le sue principali pubblicazioni: la raccolta di racconti Una notte di niente, i romanzi Mistero animato, La strana distanza dei nostri abbracci, L’illusione che non basta e Dragan l’imperdonabile.

 

 

Photo Credits: www.librerielovat.com

Nuovo appuntamento con la storia dell’impresa di Fiume, di cui ricorre quest’anno il Centenario, raccontata dalla scrittrice moglianese Silvia Moscati nel suo libro Le cinque giornate di Fiume, il prossimo mercoledì 6 novembre, a Mestre.

 

Con il suo libro, Silvia Moscati aprirà la rassegna d’autunno dedicata agli scrittori veneti che si tiene al Rione Pertini, nella Sala della Colonna, antistante la biblioteca Zorzetto, in via Gagliardi n. 27 a Mestre.

 

La trama

La rivisitazione del libro omonimo scritto nel 1930 dal legionario Giuseppe Moscati, a dieci anni dal tragico Natale di sangue, si intreccia, nel romanzo di Silvia Moscati, con il seguito della vita stessa del legionario, poi avvocato del Foro di Milano, amico fedelissimo di Gabriele D’Annunzio e fondatore dell’associazione “Amici del Vittoriale”.

 

Silvia Moscati ha sentito il bisogno di riscrivere queste pagine di storia e dare al legionario Peppino Moscati, fratello del nonno, il giusto ruolo e il riconoscimento che merita.

 

Conduce l’incontro Pierluigi Rizziato.

 

 

Sabato 26 ottobre, alle ore 17, presso l’area Infopoint Infovox del centro commerciale Auchan Porte di Mestre, avrà luogo la presentazione del libro Tieni duro, Glauco scritto da Giorgio Girace, scrittore locale. Modera l’incontro Paolo Giovannetti, scrittore.
Girace nasce a Salerno nel 1959 ma vive e lavora a Mestre. È appassionato di storia antica, di filosofia, ma soprattutto di ballo. Tieni duro, Glauco è il suo quinto romanzo.

Il libro

Tieni duro, Glauco è un noir sentimentale, il cui protagonista non ricorda più dove ha nascosto la refurtiva che ha sottratto ad un rapinatore. Si ritroverà così inconsapevolmente in Australia dove il suo alter-ego lo ha portato e lì si innamorerà di una splendida ragazza sordomuta, Epiphany, la quale, grazie a lui, riscoprirà i colori e l’amore.
La forza del sentimento accompagna il nostro protagonista che rompe gli schemi per redimersi e tornare dall’amata con uno spirito nuovo attraversando due mondi, quello reale e il suo, interiore. La presentazione del libro sarà intervallata da momenti musicali e recitati, performance artistico-musicali a cura dell’autore stesso.

Settembre andiamo, è tempo di migrare… scriveva il poeta Gabriele d’Annunzio nella sua lirica dedicata a I Pastori d’Abruzzo. Nel settembre del 1919 fu lui a lasciare Venezia e partire, insieme a un folto gruppo di volontari patrioti, per l’impresa di Fiume.

 

Il giovanissimo studente napoletano Giuseppe Moscati corse ad arruolarsi ed ebbe dal Comandante compiti importanti, tra i quali quello di annotare tutto ciò che accadde durante i quindici mesi gloriosi, e ingloriosi, dell’impresa di Fiume.

 

Dieci anni dopo quel Natale di sangue del 1920 scrisse il libro Le cinque giornate di Fiume con dedica e avvallo del Comandante D’Annunzio.

 

La nipote Silvia Moscati, oggi cittadina moglianese, ha riscritto quella storia di una parte d’Italia dimenticata e sconosciuta ai più.

 

Lunedì 9 settembre, alle 18.30, presso la sala consiliare del Comune di Mogliano Veneto in Piazza Caduti, 8, Silvia Moscati (giornalista e scrittrice) presenterà il suo libro Le cinque giornate di Fiume.

 

L’evento vedrà la presentazione e introduzione del vicesindaco e assessore alla Cultura Giorgio Copparoni.

 

 

 

Esce per Planet Book il nuovo libro dell’autrice mestrina Michela Salizzato

 

Eric e Luna e la lunga strada del ritorno è il terzo avvincente romanzo della saga per bambini di Eric e Luna, dopo Eric e Luna nel paese dei draghi ed Eric e Luna e la battaglia dei draghi.

 

 

È il momento per Eric, Luna, Fiamma e Anton di accompagnare i varani sulla strada del ritorno verso casa: l’isola di Komodo. Il percorso sarà irto di pericoli e ci saranno molti ostacoli da superare prima di raggiungere la meta. Sarà necessario il sostegno di molti draghi e di altre creature magiche per compiere la missione e cercare di arrivare sani e salvi a destinazione.

 

La prima presentazione del libro si terrà oggi, sabato 25 maggio, alle ore 17.00, a Scorzè, presso la libreria Booklet.

 

Lo scorso 11 maggio, al Salone Internazionale del Libro di Torino, l’autrice è stata tra le protagoniste di una tavola rotonda sulla narrativa per bambini e per ragazzi dal titolo “Come scrivere romanzi e racconti per bambini e ragazzi”, organizzata dalla CSA Editrice – Planet Book  presso lo stand della Regione Puglia.

 

 

 

L’autrice

Michela Salizzato è nata a Mestre (VE).

Ha conseguito una laurea in Scienze Ambientali e una laurea in Lingue e Letterature Straniere. Lavora come assistente di direzione presso un’azienda internazionale.

Ha pubblicato articoli scientifici su riviste internazionali e ha scritto Eric e Luna nel paese dei draghi” ed Eric e Luna e la battaglia dei draghi, pubblicati da Planet Book nel 2017 e nel 2018.

Venerdì 10 maggio 2019, alla libreria La Feltrinelli di Treviso, il filosofo politico Giuseppe Goisis racconterà le testimonianze, le idee e i suggerimenti di Edipo, Antigone e Creonte, a commento del libro Giustizia & Mito (edizione Il Mulino). Un interessante libro che indaga nei dilemmi del diritto e della giustizia nei vari periodi storici.

 

 

Lo hanno fatto la professoressa Marta Cartabia, oggi vice presidente della Corte Costituzionale e l’onorevole Luciano Violente, che oltre a essere un magistrato è stato Presidente della Camera dei Deputati e della Commissione Parlamente Antimafia.
Alla storia e l’etica di ieri si collegheranno le problematiche di oggi.

 

 

Punto di partenza delle riflessioni saranno le considerazioni sulla XXIV° assemblea nazionale di Libera, in memoria e ricordo delle vittime innocenti delle mafie, svoltasi a Padova il 21 marzo 2019. Riflessioni e testimonianze di Bruno Pigozzi, vice presidente del Consiglio Regionale Veneto, Giancarlo Brunello di Cittadinanzattiva e Umberto Tronchin Presidente di AUSER: due associazioni impegnate nel tema della legalità.

 

Per celebrare il bicentenario del Comune di Casier, domenica 28 aprile (alle 17) nella sala consiliare di Dosson, l’amministrazione comunale, in collaborazione con l’istituto comprensivo, ha organizzato un pomeriggio di musica con il quartetto “Il mito di Prometeo”.

 

Nel corso della giornata sarà assegnata anche la benemerenza civica a Pietro Terracina e a Sami Modiano, testimoni della Shoah che in questi anni sono stati protagonisti indimenticabili delle giornate della Memoria con gli studenti del territorio.

 

 

Presentazione del volume della storica Chiara Scinni

I duecento anni di Casier sono però raccolti anche nel libro voluto dall’amministrazione, dal titolo 200 – Casier e le sue identità culturali.

 

Scritto dalla storica Chiara Scinni in collaborazione con Istresco (la copertina è stata realizzata dal consigliere comunale Paolo Criveller), il volume sarà presentato nel corso della cerimonia e regalato a tutte le associazioni di volontariato che operano nel comune.

 

Un viaggio che parte dalla preistoria e arriva ad oggi. Un viaggio parallelo di Casier e Dosson, unico territorio ma identità profondamente diverse fino dalle origini.

 

L’ultima parte del volume contiene la testimonianza delle donne che hanno fatto la storia dell’emancipazione femminile locale:

• Paola Storini, prima donna assessore nel 1975

• Vanda Vagliero del Circolo Femminile di Casier

• Liviana Battistella, prima donna presidente del Comitato dell’asilo di Casier

• Serenella Perotti, ex dirigente scolastico dell’istituto comprensivo

• Daniela Marzullo, che nel 2004 venne eletta prima donna sindaco di Casier.

«Ho una bomba nella mia valigetta. La userò, se necessario. Voglio che si sieda accanto a me. State per essere dirottati»

 

Nuovo appuntamento con la letteratura per ragazzi. Domenica 14 aprile, alle ore 16.30 La Stanza Spazio Eventi apre le porte alla storia dell’aviazione americana, con l’ultimo romanzo “Il ladro dei cieli” di Christian Hill, ingegnere aereonautico milanese e giornalista. Ingresso libero.

 

L’autore parlerà ai giovani della vicenda che il 24 novembre 1971 sconvolse l’America con un eccezionale caso di dirottamento, ancora oggi rimasto irrisolto: D.B. Cooper si lanciò da un aereo di linea decollato dall’aeroporto di Portland (Oregon), dopo aver chiesto che venissero caricati a bordo duecentomila dollari e un paracadute.

 

Una storia ad alta quota che nel libro si intreccia alla vita del giovane Rusty Secatero, 35 anni dopo il fatto realmente accaduto. Il ragazzo di quindici anni, a capo di una banda di teppisti, deve fare i conti con una esistenza difficile, turbata in particolare dall’assenza del padre e dalla madre tossicodipendente. Tutto per lui sembra finito, ma il rapporto con il vecchio Carter gli darà una chance di riscatto: «c’è sempre un’altra possibilità».

 

L’autore

Nato a Milano da madre italiana e padre tedesco, Christian Hill ha studiato ingegneria aeronautica e nella vita si è occupato di giochi di ruolo, giornalismo, informatica e fotografia. Ha molte passioni tra le quali spiccano la scrittura, la lettura, il cinema e la musica. Fa parte del gruppo di autori Book on a Tree, colleghi e amici con cui condivide l’amore per la narrazione di storie avvincenti.

 

La Stanza Spazio Eventi

via Pescatori 23, Treviso
[email protected]
tel: 349.3768420

www.temacultura.it

Il libro è una sorta di viaggio dell’autrice, Maria Luisa Semi, che attraversa la storia dell’Italia degli anni Sessanta fino ai nostri giorni, raccontando gli eventi, tra resurrezione e tormento, i cambiamenti epocali, tra conflitti e utopie, che hanno scosso questo lungo periodo. “Una ragazza… i suoi anni Sessanta” (Linea Edizioni) è anche un saggio sincero, puntuale e preciso che narra sia gli eventi personali dell’autrice che quelli sociali del Paese. Giovedì 7 marzo, alle ore 18.00, al Caffè Florian lo scrittore e storico Riccardo Calimani, presenterà l’autrice accompagnando il pubblico in questo viaggio attraverso la Storia per capire dal passato la realtà presente di questi giorni.

 

Maria Luisa Semi, ha esercitato la professione di notaio dal 1968; è stata componente del Consiglio notarile di Venezia negli anni Ottanta, socia dell’Ateneo Veneto, Componente del Consiglio Accademico della stessa istituzione e del Consiglio generale della Fondazione Venezia. Ha scritto i romanzi Una bambina (2012), La petite fille et la guerre (2015), L’età della bellezza… si cresce (2017).

 

«Una ragazza… i suoi anni Sessanta» raccoglie la storia delle donne nate e cresciute in quegli anni, narrando delle contraddizioni di un lungo caldo periodo, fatto di decisioni ingiuste, di fatiche del quotidiano e di traguardi possibili. Nel libro si legge il rispetto e le considerazioni dell’autrice nei confronti di un’epoca che ha consentito a un Paese di raggiungere nel dopoguerra, dopo le immense tragedie, insperati traguardi industriali, politici e sociali. La figura della donna è la protagonista inarrestabile del vento di emancipazione che ha portato a una nuova versione del mondo, segnando un profondo cambiamento nelle relazioni interpersonali.

 


«Il libro – scrive la psicologa Vera Slepoj nella prefazione – È un contributo all’alto valore morale che le soggettività sensibili riescono a mettere in atto. È sì un romanzo personale, ma anche di educazione sociale, una sorta d’insegnamento che riesce a comunicare alle generazioni attuali quali sono i passaggi dell’infanzia e dell’adolescenza, come ci si laurea, come si diventa un professionista, e, nel contempo, fa intravedere i valori di un’epoca scomparsa. Scomparsa non perché non ci siano ancora figure di valore, ma perché viviamo all’interno di un silenzio emotivo, di un tessuto sociale privo di voci, afono, senza quelle spinte di passione e coerenza, che si incontrano invece nella narrazione di questa vita».

 

 

 

 

 

Maria Luisa Semi esalta il rispetto e le formalità di un’epoca che hanno consentito a un Paese di raggiungere nel dopoguerra, dopo le immense tragedie, insperati traguardi industriali e sociali. «Stride drammaticamente la visione pulita e lucida dell’autrice rispetto al caos sociale e politico in cui viviamo – si legge nella prefazione – Il nostro Paese ha smantellato rigidità, codici sociali ed etici, lasciando al suo posto un vuoto valoriale e un deserto culturale. Il rumore delle barbarie in cui viviamo ha messo sotto silenzio i valori su cui poggiava l’umanità; tutto è accaduto in un percorso quasi onirico, all’interno di un reticolo di supposizioni utopiche e irreali. Più che la libertà, oggi, all’individuo non è concesso di potersi emancipare culturalmente perché siamo prigionieri di una visione pulsionale in un’epoca in cui tutto diventa complesso e faticoso». Infine, l’analisi schietta, decisa, tagliente della Slepoj non lascia nessun dubbio: «Se il passato a cui appartiene l’autrice è stato carico di difficoltà personali e collettive, è pur vero che tutti con impegno e passione avevano un’opportunità per migliorare».

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni