Home / Posts Tagged "Farmaci"

“Da un mese migliaia di persone affette dal morbo di Parkinson sono rimaste senza un farmaco indispensabile. Cosa sta facendo la Regione per affrontare questa emergenza e garantire ai pazienti di potersi curare?”. È quanto chiedono il consigliere del Partito Democratico Andrea Zanoni insieme al capogruppo Stefano Fracasso, primi firmatari di un’interrogazione depositata oggi.

 

 

Al centro il caso del Sinemet, farmaco di vitale importanza e diventato praticamente introvabile da metà marzo. Una carenza dovuta a problemi produttivi, come ha sottolineato l’Agenzia italiana del farmaco. “Sono evidenti i disagi per queste persone e le loro famiglie, costrette a un’improbabile ‘caccia al tesoro’. Non esistono ‘generici’ che possano sostituirlo, al momento l’unica alternativa è acquistare un medicinale analogo dall’estero, dove costa di più, rivolgendosi alla propria Ulss di riferimento.

 

 

È inaccettabile che si arrivi a situazioni del genere, il ministero della Salute dovrebbe impegnarsi per assicurare la fruizione di medicinali fondamentali, come nel caso del Sinemet per i pazienti affetti dal Parkinson. Auspichiamo che la situazione possa normalizzarsi a breve, ma non ci sono certezze. Nel frattempo, viste le numerose segnalazioni che abbiamo ricevuto, quali procedure ha messo in atto la Regione, tramite le proprie Ulss, per fronteggiare l’emergenza?”.

Torna anche quest’anno, in Italia e in Veneto, la Giornata di raccolta del farmaco di banco  farmaceutico, un’iniziativa di solidarietà che punta a mettere a disposizione farmaci da banco (vendibili senza ricetta medica) alle persone e alle famiglie che non hanno la possibilità di acquistarli.

 

Come ogni anno, e siamo già alla 19^ edizione, il Veneto partecipa con grande impegno e punta, come nelle annate precedenti, a risultare tra le regioni più generose: in 450 farmacie aderenti chi lo desidererà potrà acquistare uno o più di questi medicinali che saranno consegnati a Enti assistenziali convenzionati con Banco Farmaceutico per essere distribuiti alle persone indigenti.

 

L’iniziativa sarà presentata nel corso di una conferenza stampa che si terrà a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale a Venezia, martedì 5 febbraio alle ore 11.30, alla presenza dell’Assessore alla Sanità e Sociale Manuela Lanzarin e dei rappresentanti del Banco farmaceutico e dei farmacisti veneti.

Casier, Preganziol e Zero Branco sono i tre comuni protagonisti del “Farmaco Sospeso“, un’iniziativa importante rivolta ai più bisognosi. In collaborazione con l’Ulss territoriale, i medici di base e i farmacisti del territorio, sarà ora possibile acquistare un farmaco da banco da destinare a chi non può permettersi le cure basilari.

 

I farmacisti aderenti al progetto conserveranno lo scontrino e lo consegneranno ai servizi sociali che faranno da intermediario fra le farmacie e i beneficiari dei farmaci acquistati.

I requisiti per usufruire di questa agevolazione sono un Isee al di sotto dei 7mila euro e un’attestazione del medico di famiglia indicante il farmaco. Spetterà ai comuni rilasciare una speciale tessera che i beneficiari potranno utilizzare per 12 volte.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni