Home / Posts Tagged "campagna sensibilizzazione"

Campagna di raccolta fondi per il soccorso animale

 

Il randagismo è un fenomeno lontano dall’essere superato e gli interventi da mettere in atto – soprattutto al Centro Sud e nelle Isole – sono più che mai urgenti per gli animali coinvolti che, traumatizzati dall’abbandono o nati da animali in libertà, sono costretti a una vita di stenti o esposti a continui pericoli come gli incidenti stradali, che possono costituire un rischio anche per l’incolumità pubblica. Questo fenomeno rappresenta anche un costo per la collettività: nel 2017 si sono spesi 402.031,00 € al giorno per il mantenimento dei cani detenuti nei canili secondo una stima estremamente conservativa, con un danno di immagine a livello turistico per le regioni in cui il fenomeno è più diffuso.

 

Il Mezzogiorno si conferma zona critica per numero e gestione di cani e gatti sul territorio. Al Sud il 44% dei canili, il 37% al Nord e il 19% al Centro, gattili quasi inesistenti al Sud e nelle isole. Nel 2017 il numero dei cani presenti nei canili rifugio è aumentato del 9,26% rispetto al 2016, e su 114.866 cani presenti in queste strutture, ben il 72% (82.342) si trova in quelle del Mezzogiorno (fonte “Randagismo: l’indagine LAV 2018” ©LAV).

 

 

Chiama o manda un sms al numero 45587 e dona 2 o 5 euro. Aiuterai LAV a destinare un’ambulanza veterinaria alle emergenze e alla prevenzione del randagismo

A partire dal 24 giugno puoi partecipare anche tu alla raccolta fondi promossa da LAV, per destinare un’ambulanza veterinaria alla prevenzione del randagismo e al soccorso di animali in caso di calamità.

 

La prima ambulanza veterinaria LAV sarà:

• attiva sull’intero territorio italiano
• dedicata in via prioritaria agli interventi per la prevenzione del randagismo, una vera emergenza in particolare nel Mezzogiorno
• destinata al soccorso di animali in caso di calamità naturali (in accordo con quanto sancito dal D.Lgs n.1 del 2018), che include tra le finalità della Protezione civile, con cui LAV ha siglato un Protocollo di intesa, l’azione di soccorso e assistenza agli animali e alle famiglie con animali al seguito in caso emergenze naturali.

 

“Uno strumento utile per azioni di profilassi e di prevenzione del randagismo”

“L’ambulanza veterinaria potrà essere un valido ausilio nel gestire emergenze, come in caso di animali vittime di calamità naturali – afferma Gianluca Felicetti, presidente LAV. – Forti dell’esperienza che la nostra associazione ha maturato sul campo nel corso dei più recenti e drammatici eventi sismici del Centro Italia, e del protocollo d’intesa siglato con la Protezione Civile proprio per garantire il soccorso di animali, l’ambulanza veterinaria sarà uno strumento utile anche per azioni di profilassi e di prevenzione del randagismo (sterilizzazioni). Con una piccola donazione ci aiuterete a essere più efficaci nel soccorrere gli animali in difficoltà”.

 

 

 


Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile e di 2 o 5 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. La campagna si svolge in collaborazione con Responsabilità Sociale Rai.

Uno spiegamento di forze si è messo in moto a Roncade per organizzare le tante iniziative e celebrare la giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo.

 

 

Chi contribuisce all’iniziativa

 

Oltre al Comune e alla Fondazione, si sono prodigati altri enti ed associazioni del territorio; tra questi: la biblioteca comunale, l’Istituto comprensivo di Roncade, Ala Autismo onlus, ANGSA Treviso onlus, i Comitati dei genitori di Roncade, Biancade, Musestre e quello della scuola primaria di Monastier, le associazioni Cielo Blu onlus, Colibrì, Le Ginestre e Roncade Nuoto.

 

 

Il programma e gli appuntamenti

 

Il risultato è un programma ricco di eventi che si spalma sui mesi di marzo e aprile; chiaramente il fulcro degli appuntamenti saranno nel weekend tra il 6 e il 7 aprile.

 

Già venerdì scorso si è tenuto uno spettacolo per le classi seconde nell’auditorium delle scuole secondarie; ma per tutto aprile, sono previsti laboratori, letture, proiezioni di cartoon e testimonianze nelle suole d’infanzia e primarie del comune. L’apice della manifestazione è previsto per sabato 6 e domenica 7 aprile.

 

Sabato pomeriggio, alle ore 14,30, si terrà la consueta “Camminata in Blu”; un percorso breve e simbolico cui possono partecipare grandi e piccini con partenza in piazza del Municipio e con arrivo nei pressi della biblioteca, dove si terrà un brindisi.

 

Domenica ci si sposterà all’impianto natatorio, dove si svolgeranno le inedite “Bracciate in Blu”; quest’ultima è la prima maratona di nuoto ispirata al tema della giornata, dalle 8,30 alle 11,30.

 

 

Le parole dell’assessore Leonardi

 

“Partendo dalla considerazione che l’autismo è una condizione che può aiutare a comprendere la diversità e che questa consapevolezza può arricchire mente e anima; il mio assessorato si è, sin dall’inizio del mandato, impegnato ad ascoltare e a confrontarsi con ‘le persone’”.

 

Queste le parole dell’assessore Sergio Leonardi che poi aggiunge:

 

“Si sono messe in relazione e condivise difficoltà e preoccupazioni ma anche  idee, spazi,  luoghi e competenze, valori capaci di generare comprensione, accoglienza e senso di appartenenza. Da questa consapevolezza il desiderio di una comunità eterogenea e comunicante, dove ciascuno ha un proprio posto stabile e funzionale. Una comunità che si compenetri di modi diversi che insieme generano valore aggiunto: il valore della conoscenza e dell’accoglimento delle diversità. Il gruppo di genitori e le associazioni, nel condividere il percorso, hanno voluto, per la maratona di nuoto, rivolgere un pensiero di ‘forza’ a Manuel Bortuzzo, giovane e promettente campione di nuoto rimasto paralizzato durante la sparatoria del 3 febbraio scorso”.

Anche la delegazione provinciale FISA di Padova ha aderito al progetto “Sea Rescuers Against Plastic” patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, che ha preso il via domenica 24 marzo presso la spiaggia di Ponente a Caorle.

 

 

Questo progetto, promosso dal Settore Minaccia e Salvaguardia dell’Ambiente Marino della FISA e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente. Il corso degli Assistenti Bagnanti FISA in mare prevede: 30 minuti di raccolta dei rifiuti con particolare attenzione alla plastica. Poi la sensibilizzazione sul consumo della plastica; questo insieme a un’educazione a stili di vita ecocompatibili, come l’utilizzo delle “boraccie” riutilizzabili che permettono di ridurre l’utilizzo della plastica monouso. Tutto questo portando ad una conseguente produzione di rifiuti.

 

La prima giornata ha visto la raccolta di rifiuti abbandonati in riva al mare o sulla diga, raccolti da dodici allievi che stanno affrontando la formazione di Assistente Bagnanti Mare. Molti passanti hanno apprezzato l’opera e molti di questi hanno loro stessi aiutato i ragazzi.

Dopo l’impegno profuso per la realizzazione della campagna di sensibilizzazione al rispetto delle regole e senso civico denominata “Questo paese è anche tuo. Vivilo, rispettalo.” e il grande risalto anche mediatico ottenuto dagli slogan ideati per questa campagna dai ragazzi del Consiglio Comunale dell’I.C. di Casale sul Sile, l’amministrazione ritiene importante proseguire il percorso intrapreso e dar vita a nuove iniziative volte a promuovere i valori alla base della civile convivenza e che migliorano la qualità della vita di ogni cittadino.

 

Tutti i rappresentanti delle agenzie educative del territorio – quali scuola, parrocchia, società sportive, associazioni, attività produttive e laboratori di cittadinanza – sono pertanto invitati a partecipare alla serata di presentazione e avvio lavori 2019 del Laboratorio Tematico “Senso Civico”. L’incontro avrà luogo lunedì 04 febbraio alle 19.00, presso l’ex Sala Consiliare in piazza all’Arma dei Carabinieri, a Casale.

 

Grande successo di pubblico ieri pomeriggio in piazzetta Coin a Mestre per la tappa veneziana dell’iniziativa “Pensa alla vita… guida con la testa!!! – Dall’Adriatico alle Dolomiti 2018”, la campagna informativa sulla sicurezza stradale promossa dall’ANVU (Associazione Professionale Polizia locale d’Italia) in collaborazione con le Polizie locali e vari Enti e Associazioni impegnati nel campo della sicurezza stradale e che ha interessato, durante l’estate 2018, le piazze di alcune località turistiche (Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti, Chioggia, Rosolina, Caorle, Bibione, Belluno, Rovigo, Conegliano, Abano Terme e Verona).

 

La manifestazione, organizzata dalla Polizia locale di Venezia, ha ospitato vari stand informativi per sensibilizzare i cittadini a una maggiore educazione alla sicurezza, sostenendo l’uso del casco e delle cinture e informare sui rischi e gli effetti derivanti dall’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti alla guida dei veicoli, con particolare attenzione nei confronti dei giovani al fine di ridurre le cosiddette “stragi del sabato sera”.

 

“Da diversi anni – ha sottolineato l’assessore alla Sicurezza urbana, Polizia locale e Protezione civile, Giorgio D’Este – siamo impegnati con percorsi formativi nelle scuole puntando, in particolare, sui più giovani. L’intento è quello di potenziare ulteriormente queste attività, integrando anche la materia della navigazione che purtroppo è stata recentemente oggetto di cronaca”.

 

Nel corso dell’evento gli operatori della Polizia locale di Venezia sono stati a disposizione dei cittadini per rispondere alle domande e fornire informazioni su vari temi inerenti la sicurezza, mentre sono stati distribuiti numerosi opuscoli informativi e illustrato il funzionamento delle attrezzature quotidianamente utilizzate sulle strade per garantire una maggiore sicurezza della circolazione (autovelox, dispositivo pre-test per il rilevamento dello stato di ebbrezza ecc).

 

Notevole successo hanno riscosso i simulatori di guida di motocicli in dotazione alla Polizia locale e alla Federazione Motoclub Spinea, apprezzati soprattutto da parte dei giovani.

 

Allestito anche un circuito ciclo-pedonale attrezzato con relativa segnaletica, a disposizione dei moltissimi bambini che durante l’intero pomeriggio hanno potuto sperimentare una corretta circolazione sulle bici fornite dalla Polizia locale. Gli adulti sono stati coinvolti in simulazioni di guida in stato di ebbrezza di vario livello, attraverso una semplice gimcana a piedi, resa difficoltosa dall’uso di speciali occhiali per l’alterazione del visus.

 

Alla realizzazione dell’iniziativa hanno contribuito i volontari della Croce Verde, della Federazione motociclistica italiana, dell’Associazione vittime della strada e ARCAT e della Protezione civile che, con i loro operatori, hanno effettuato dimostrazioni pratiche in materia di sicurezza.

Sono state girate tra Venezia e Mestre, con il pilota Jorge Lorenzo, le immagini per lo spot promozionale della prossima tappa del MotoGP, che si svolgerà domenica 3 giugno al Mugello.

 

Le riprese che hanno visto protagonista il pluricampione del mondo sono state realizzate in piazza Ferretto a Mestre, in piazza San Marco e in Bacino a bordo di una gondola, oltre a Ca’ Vendramin Calergi, sede del Casinò di Venezia.

 

Con l’occasione Lorenzo ha accettato la proposta di diventare testimonial di #EnjoyRespectVenezia, la campagna di sensibilizzazione del Comune di Venezia per il rispetto e il decoro della Città che ha già coinvolto illustri personaggi della musica, dello sport, del cinema e dello spettacolo, nazionali ed internazionali.

 

A portare i saluti del sindaco Luigi Brugnaro è stato il presidente della commissione sport del Consiglio comunale Matteo Senno.

Le riprese si sono svolte grazie alla collaborazione di Vela, Casinò di Venezia e associazione Gondolieri.

Il comune di Venezia anche quest’anno aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e sulla mobilità sostenibile “M’illumino di Meno” che si terrà il 23 febbraio prossimo, giorno in cui verrà simbolicamente festeggiato il compleanno del Protocollo di Kyoto. L’iniziativa, giunta alla sua 14a edizione, è stata ideata da Caterpillar, storico programma radiofonico in onda su Radio2.

 

 

Dalle ore 18 di venerdì 23 febbraio – commenta l’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin – anche Venezia, aderendo alla campagna “M’illumino di Meno”, spegnerà le luci dei suoi “simboli”. Resteranno al buio, compatibilmente con questioni di sicurezza, Piazza San Marco, Piazza Ferretto, i palazzi istituzionali dell’Amministrazione comunale come Ca’ Farsetti, Ca’ Loredan e la sede del Municipio di Mestre in Via Palazzo e, quest’anno, anche le installazioni luminose che abbiamo voluto creare a Marghera per ricordare il centenario della sua fondazione. Si spegneranno così, per quella notte, le luci che illuminano i serbatoi delle bioraffinerie Eni, il ponte Bossi, la torre dell’acquedotto e il faro Ramses II. Non potevamo non dare anche quest’anno il nostro sostegno all’iniziativa – continua De Martin – visto il tema che farà da filo conduttore all’edizione 2018: dedicare quella giornata alla bellezza di camminare e di andare a piedi, per ricordare simbolicamente che sotto i nostri piedi c’è la terra e per salvarla è necessario cambiare passo e incentivare una delle forme più salutari di mobilità sostenibile, non può che trovarci favorevoli. L’invito, quindi, è di spegnere le luci e di andare a piedi – conclude De Martin – perché anche da questi piccoli gesti possiamo dare un segnale di amore e di rispetto per la nostra terra”.

 

 

L’obiettivo dell’iniziativa è raccontare best practice in ambito di risparmio energetico da parte di istituzioni, comuni, associazioni, scuole, aziende e singoli cittadini, promuovendo la riflessione sul tema dello spreco di energia, che si può evitare con interventi strutturali, ma anche con semplici accorgimenti che ogni singolo individuo può mettere in pratica.

 

 

Anche per questo motivo, il comune di Venezia ha invitato le scuole a aderire all’iniziativa attraverso varie attività, come il pedibus e un incremento dell’educazione fisica, per camminare, correre e andare in bicicletta non solo nel tragitto casa-scuola, ma anche nel resto della giornata. L’obiettivo è quello, impegnandosi a contare i passi percorsi, di offrire il proprio contributo alla missione nazionale di raggiungere la Luna a piedi percorrendo in tutta Italia 555 milioni di passi entro la notte del 23 febbraio.  Alcune scuole hanno già manifestato interesse per l’iniziativa, tra cui la scuola primaria Querini, che ha proposto di organizzare un pedibus per tutta la scuola.

 

 

All’iniziativa aderisce, anche quest’anno, la Fondazione Musei Civici di Venezia, spegnendo le luci di 7 sedi museali (Palazzo Ducale, Museo Correr, Casa Goldoni, Ca’ Rezzonico – Museo del settecento Veneziano e Museo di Storia Naturale e Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna).

 

 

Di seguito il decalogo di M’illumino di Meno:

1. Spegnere le luci quando non servono
2. Spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici
3. Sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. Mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola
5. Se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre
6. Ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. Utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. Non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni
9. Inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni
10. Utilizzare l’automobile il meno possibile, condividerla con chi fa lo stesso tragitto. Utilizzare la bicicletta per gli spostamenti in città

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni