Home / Posts Tagged "amministrative"

Nella Marca Trevigiana l’unico comune al ballottaggio è Mogliano Veneto, dove dopo un continuo susseguirsi di incertezze su chi potesse vincere già al primo turno, si è giunti al responso finale che vede Davide Bortolato – sindaco proposto dalla coalizione di Centro Destra – sopravanzare con un 49,42% sul sindaco uscente, Carola Arena, che si ferma al 44,18%.

 

Ecco le percentuali

Davide Bortolato  49,42%: Centro Destra

Lega Nord 24,71%, Piazza Civica 4,37%, Forza Italia 2,51%, Fratelli d’Italia 2,69%, Davide Bortolato Sindaco 15,54%.

 

Carola Arena  44,18% Centro Sinistra

Carola Arena Sindaco 20,59%, Mogliano Bene Comune 6,61%, Partito Democratico Civica 12,50%, Il Ponte 3,79%

 

 

Per il Centro Destra colpisce il crollo di Forza Italia e di Fratelli d’Italia che non raggiungono il 3%, mentre nel Centro Sinistra la sorpresa è stata lo scarso risultato de Il Ponte, che resta sotto il 4%.

Che avrebbe vinto a mani basse era scontato, ma non che avrebbe ottenuto una maggioranza bulgara; così è andata nel Comune di Scorzè (VE) dove la candidata sindaco Nais Marcon è stata eletta con il 73,56% delle preferenze stravincendo al primo turno.

Marcon, già vicesindaco e assessore uscente con Giovanni Battista Mestriner, si è proposta fin da subito nel segno della continuità del lavoro svolto dall’ormai ex primo cittadino tanto da essere premiata dagli elettori con una maggioranza schiacciante pari al 73,5%.

La lista civica Mestriner per Nais è stata la più votata con il 47,24%, mentre la Lega ha ottenuto il 25,91%. Il Partito Democratico con il candidato Dario Zugno si è fermato al 22,69%; mentre gli ex alleati di Mestriner Forza Italia Fratelli d’Italia, riuniti sotto una lista civica a sostegno di Emanuela Barbiero, non arrivano al 4% rimanendo tagliati fuori dal Consiglio Comunale.

 

A fine spoglio, i dati delle elezioni comunali di Mogliano Veneto confermano un 49,42% a favore del Centro Destra e un 44,19% a favore del Centro Sinistra.

Al Centro Destra mancherebbero quindi 88 voti per passare al primo turno.

 

Nel frattempo ci sono due sezioni sotto riconteggio. Il dato definitivo sarà dato domani dalla prefettura.

In una giornata dal clima gradevole, i moglianesi si sono recati al doppio appuntamento, per eleggere il nuovo Parlamento europeo e la nuova amministrazione locale, in 15.479 pari al 68,84%.

 

L’affluenza è stata lievemente superiore rispetto allo stesso appuntamento del 2014 (68,09%).

 

In linea con il Nord Est, la Lega anche a Mogliano ha superato il 40% (40,71%).
Il Partito Democratico ha ottenuto il 26,02% e il Movimento 5 Stelle si è fermato al 10,41%.

Forza Italia, 5,83%.

Fratelli d’Italia, 6,05%.

(Qui le percentuali di tutti i partiti).

 

Tutto si è svolto regolarmente tranne il disagio per alcuni cittadini che, spostati di seggio in altra scuola, non avevano memorizzato o forse nemmeno saputo per qualche disguido postale, l’esatta destinazione della loro sezione elettorale.

 

Lo spostamento era stato pensato per evitare di fare le scale alle persone anziane o con disagi motori, ma poi si è rivelato ancor più problematico per il lungo tragitto da percorrere. Tali sezioni erano infatti collocate ai primi piani e pertanto si era pensato di farli in altra sede, solo a pianoterra.

“…E mi desso gò da farme tutta sta strada? Gera meio se fasevo na scala!” è stato il commento di una signora inviperita.

 

Silvia Moscati

Sabato mattina in Pizza dei Caduti la Lega ha presentato la lista dei candidati alle prossime elezioni amministrative di fine maggio.

 

Erano presenti l’assessore regionale Roberto Marcato, il segretario della Lega Gianantonio Da Re, il sindaco di Treviso Mario Conte, il candidato sindaco Davide Bortolato e un folto gruppo di simpatizzanti.

 

Di seguito, l’elenco dei candidati:

Albanese Carlo, Barbon Barbara, Bertato Susanna, Bison Edoardo, Cerello Enrico, Cocito Martina, Eula Tiziana, Gherardi Marco, Micheletti Elena, Michielan Martino, Morè in Bortolato Francesca, Ramo Stefano, Rigon Giorgia, Rossi Ugo, Toniolo Alvise, Zanardo Roberto.

Il moglianese Lucio Carraro, uomo di cultura e da sempre autore di libri, insieme a Sandro Del Todesco Frisone, anch’egli scrittore e con un passato da sportivo, ha fondato la lista civica Il Ponte, che parteciperà alle prossime elezioni amministrative in appoggio al sindaco uscente Carola Arena.

 

Lucio Carraro ha concesso alla nostra testata una intervista nella quale spiega perché si è deciso ad affrontare questa prova politica e quali sono i suoi obbiettivi per il futuro di Mogliano.

 

Carraro, la domanda che alcuni concittadini si pongono è perché due uomini di cultura e con un ormai lontano passato politico, hanno deciso di tornare alle luci della ribalta presentandosi con una loro lista civica a queste elezioni amministrative?

Pensiamo che Mogliano stia vivendo la sua terza stagione politica dopo quelle che hanno fatto i servizi per anziani, il centro socio sanitario e il centro anziani. Noi vogliamo dare un contributo perché rappresentiamo un passato di cui siamo fieri, vogliamo essere un ponte con le nuove generazioni e prospettiva per il futuro, da qui il nome dato alla lista,  Il Ponte.

 

Perché, a prescindere dalle vostre convinzioni politiche, avete deciso di schierarvi con questa amministrazione uscente?

Questa amministrazione è riuscita a portare a termine opere importanti sia in centro che in periferia, quali le piste ciclabili e la piazza a Campocroce. Mogliano sta diventando la città del benessere che si qualifica dal punto di vista architettonico con una vocazione legata alla sostenibilità. Sono state realizzate opere e realizzate bene, esempio ne è il rifacimento della sala del Centro Sociale con accorgimenti estetici interessanti, la piazza del mercato riqualificata anche con un sistema parcheggi ed il centro anziani. Mogliano sta diventando un modello di sviluppo compatibile con le esigenze della città.

 

Voi con la lista civica Il Ponte come intendete contribuire a questo nuovo progetto, inteso a cambiare il volto della città?

Noi intendiamo dare un contributo culturale con nome e cognome, quindi quale cultura  e come vogliamo farla, ad esempio il nuovo centro culturale all’Ovest nell’ex SPIM.

E ancora il progetto della Cittadella dello Sport, già messo a bilancio,  dove i giovani potranno integrare sport e cultura. Porre attenzione al disagio, al problema degli anziani con  la realizzazione del Cohousing che riteniamo fondamentale. Il concetto deve essere ospitalità e non ricovero, Scolarità, come risolvere la decrescita e come affrontare l’integrazione. Attenzione alle povertà ed alle associazioni di volontariato, progetti che cambieranno il volto della città.

 

Infine, come pensate di poter essere utili a risolvere il problema ormai assillante dell’inquinamento e quello legato alla chiusura dei negozi di vicinato?

Ci proponiamo come valore aggiunto specialmente con i molti giovani in lista con noi. Vogliamo affrontare il problema alimentare con l’aiuto di slow food che sviluppa delle buone pratiche sul cibo. In lista con noi ci sono due agricoltori che intendono prodigarsi sul problema del cibo e sull’abbattimento dell’inquinamento derivante dagli allevamenti e dall’agricoltura.

Vogliamo creare una città sociale e culturale incrementando anche lo sviluppo e la salvaguardia dei negozi del centro storico e in periferia.

 

Chi sono i candidati della lista civica Il Ponte

Carraro Ferruccio (detto Lucio), Del Todesco Frisone Sandro, Bison Otello, Bocchi Jacopo, Cecilian Alberta, Delfini Alessandro, Dittadi Alessandro, Endrizzi Enrico, Fighera Fiorella, Marchi Antonietta, Mariano Giorgia, Michielan Elisa, Scandolin Luigi, Soci Marta, Zanellato Matthias, Zuccon Stefania.

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma del candidato sindaco alle prossime amministrative di Mogliano, Davide Bortolato

 

Per la stesura del programma elettorale della Mogliano che vogliamo, abbiamo incontrato e ascoltato centinaia di cittadini e moltissime associazioni: si può affermare che il programma lo abbiano scritto loro!

 

Quello che più ci hanno evidenziato è che in questi cinque anni di amministrazione Arena non c’è stato ascolto, e anche il semplice ottenere appuntamento per molti è stata un’impresa.

 

Anche gli operatori economici che abbiamo incontrato hanno lamentato il mancato dialogo: è ridicolo che dopo 5 anni di nulla solamente adesso, a un mese dalle elezioni, l’assessore Minello convochi gli albergatori per un incontro informativo, tra l’altro dopo le nostre segnalazioni.

 

In questi giorni è in distribuzione alle famiglie un pieghevole che riassume gli otto temi principali del programma che abbiamo individuato per riportare Mogliano ad essere “la Perla del Terraglio”: Sicurezza, Ambiente, Quartieri, Turismo e Cultura, Sviluppo e Lavoro, Decoro Urbano, Sport e Associazioni, Sociale.

 

Il programma della Mogliano che vogliamo parte dalla sua storia, dalle sue radici, parte dai cittadini che la vivono ogni giorno e da una visione alta, che guarda il Comune nella sua interezza e in tutti i suoi aspetti. Vogliamo una città che torni a splendere, curata e pulita nella sua totalità, anche nei quartieri, dove il verde pubblico, i marciapiedi, le strade siano oggetto di manutenzioni costanti per tutta la durata del mandato e non solo in periodo pre elettorale. Vogliamo una città più sicura, più viva, più moderna e che offra servizi di qualità per tutti i cittadini.

 

Le nostre scelte non saranno dettate dal tornaconto elettorale e da logiche di visibilità ma saranno determinate dai reali bisogni della città e dei moglianesi.

 

 

Davide Bortolato

Sabato mattina, Il Ponte, lista civica che appoggia la candidatura del sindaco uscente Carola Arena, ha indetto una conferenza stampa per illustrare i punti del suo programma elettorale e presentare i candidati. Erano presenti Lucio Carraro Sandro Del Todesco e il sindaco Carola Arena.

 

Il programma prevede un impegno molto nutrito e impegnativo. Per la verità alcune delle cose elencate sono state all’ordine del giorno della amministrazione uscente senza però essere state realizzate.

 

I suoi esponenti assicurano impegno per:

• realizzare spazi per la cultura e una cittadella dello sport

• le esigenze della scuola

• la promozione e la difesa dei servizi sanitari

• la valorizzazione dell’istituto Gris

• creare un “tavolo delle opportunità” a favore delle nuove povertà e in difesa delle donne e dei minori

• una città sicura ed eco sociale

• l’innovazione delle attività produttive

• per salvaguardare le Cave di Marocco.

 

Un insieme di ottimi propositi per la nostra città e che come comune denominatore dovrebbero avere una cosa: il rispetto per la democrazia.

 

Purtroppo un fatto increscioso accaduto durante la conferenza stampa – e che francamente non ci si aspettava da persona qualificata quale è Lucio Carraro – ha posto seri dubbi sulla democrazia e sul fair play di questa compagine politica.

L’accaduto

La stampa presente ha chiesto spiegazioni su come si intendesse recuperare l’istituto Gris, visto che in questi ultimi cinque anni non sono stati portati avanti i progetti in programma dell’attuale sindaca. Ancora, è stato chiesto come si pensasse di recuperare le Cave di Marocco, dal momento che appartengono a un privato. Infine è stato chiesto di poter visionale il progetto di ampliamento del poliambulatorio (mai mostrato) e il motivo per cui sono stati persi dei servizi.

 

I rappresentanti de Il Ponte hanno risposto accusando la precedente amministrazione e la Lega, mentre il sindaco ha accreditato le responsabilità all’Ulss, affermando inoltre che anche la mancata applicazione del P.A.T. è da attribuirsi alla Regione governata dalla Lega.

 

Alle giuste e circostanziate repliche della stampa presente, Carraro – visibilmente molto alterato – ha tolto la parola ai giornalisti, chiudendo di fatto la conferenza stampa tra gli applausi dei suoi e dimostrando uno scarso senso della democrazia.

 

La stampa era stata invitata per conoscere i candidati e anche per ascoltare e discutere sui programmi, quindi stava svolgendo il lavoro per il quale era stata convocata.

 

Foto credit: Facebook @ilpontelistacivicamogliano

Venerdì 5 Aprile alle 20.45 in via Murano 7, presso Villa Fiorita a Spinea la lista Civica èTempo – Prospettiva Spinea ha organizzato “La Città Sostenibile: rigenerazione urbana, ecologia, comunità sostenibili”.

 

Preoccupati dai turbolenti cambiamenti climatici che, senza provvedimenti, renderanno il Mondo, un posto meno ospitale dove vivere, la lista “èTempo – Prospettiva Spinea” accoglie la voce dei tanti ragazzi e ragazze che chiedono con #FridaysForFuture che la crisi climatica sia risolta ora; questo prendendo l’impegno a compiere azioni in questo senso per la città di Spinea.

 

All’incontro saranno presenti:

  • Rossella Muroni, già Presidente Nazionale di Legambiente, ora deputata della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici, eletta nelle liste di Liberi e Uguali
  • Emanuele Ditadi, Candidato Sindaco
  • Salvatore Raniolo, Scienziato Ambientale
  • Giovanni Litt, Consigliere Comunale

 

All’incontro sono state invitate anche le associazioni e i comitati ambientalisti del territorio spinetense; un’occasione per discutere e contribuire ai contenuti del Programma della Coalizione di Centro-Sinistra per chi ne fosse interessato.

Durante un viaggio scattiamo un sacco di fotografie, per mostrarle agli amici e, in seguito, per ricordare dei bei momenti.

Ma quasi mai lo facciamo nel posto in cui viviamo, nonostante ci siano cose belle e buone (che spesso sottovalutiamo) e altre che potremmo migliorare (chissà che la foto non possa essere d’aiuto a questo scopo?).
E’ poi luogo comune che Spinea sia una città dormitorio, una città triste e brutta.

 

Noi pensiamo invece che sia piena di scorci e angoli speciali, dalle Ville Venete agli angoli verdi, da attività artigianali a murales delle scuole, ecc.; ma anche di tante attività che le nostre bellissime associazioni, comitati, volontari portano costantemente avanti rendendo Spinea una città viva e ricca. Forse vanno semplicemente valorizzate e fatte conoscere di più!

 

Ecco perché, con l’iniziativa “Spinea è bella, ma ci vivrei! vogliamo scardinare questi luoghi comuni e ribaltare il paradigma, invitando i cittadini di tutte le età di Spinea a fotografarla: le case, i negozi, i luoghi di lavoro e di divertimento, i luoghi di ritrovo, i paesaggi, la gente. Insomma, Spinea come la vedete, come la vivete, come la vorreste!

 

 

Poi, le foto possono essere postate con l’hashtag #myspinea sui social: Instagram, Facebook, Twitter oppure inviandole via e-mail a [email protected]. Noi le raccoglieremo per costruire un filo logico che le unisce e raccontare una Spinea diversa con un evento apposito.

 

Chi sono

 

Donne e uomini che desiderano che Spinea venga governata con un modo di fare politica che porti la città ad
essere amica della vita delle cittadine e dei cittadini, perché così diventa viva, vivibile, curata, vicina all’esperienza di vita di ogni giorno. Questo dando importanza prima di tutto alle relazioni interpersonali, quelle appassionate e non d’interesse, quelle che si formano sulla base del Bene Comune tra cittadini e di buon vicinato, che fanno si che Spinea non sia solo un dormitorio, ma una Città.

Siamo un gruppo di persone che già si danno da fare – ciascuno a proprio modo e con le sue capacità e caratteristiche
– per rendere Spinea un luogo più accogliente, vivibile, bello: nelle associazioni, nei comitati, come singoli cittadini.
Per un progetto per la nostra Città che sia democratico, diversamente europeista, antifascista, competente, femminista, alternativo, ecologista.

 

Si vuole costruire tutto questo dalla comunità in cui viviamo, dai luoghi e quartieri residenziali: con un progetto condiviso, perché “l’io diventi noi”, l’ego diventi eco per trasformare l’impegno personale in responsabilità collettiva.

 

Persone che mettano in parola e in azione le idee che servono, con uno sguardo lungo che non sia solo quello di qualche scadenza elettorale, ma che pensino assieme al futuro della nostra città.
Il tutto con lo scopo di passare dalla politica del consenso a un nuovo senso del fare politica.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni