Home / Posts Tagged "Alpini"

“Si merita sicuramente di essere considerato un vecchio alpino per quanto ha rappresentato per le Penne nere ma io lo sento anche come un vecchio amico. Ho quindi un motivo in più per ringraziare e mandare un sincero saluto a tutti coloro che domani parteciperanno alla tumulazione di Iroso, mulo che rimarrà un simbolo nella storia delle nostre truppe alpine e del Veneto. Al Mulo con la emme maiuscola confermo commosso il mio omaggio e quello di chi crede nei valori della nostra cultura veneta”.

 

Sono le parole del presidente Luca Zaia che accompagneranno le ceneri di Iroso – ultimo rimasto tra i muli immatricolati nell’esercito e salvato dalla macellazione negli anni Novanta – alla sepoltura, domani a Vittorio Veneto. Cerimonia alla quale, con grande dispiacere, il Governatore non potrà essere presente a causa di altri, concomitanti, impegni istituzionali.

 

“Lo avevo soprannominato generale perché Iroso è stato veramente un simbolo del legame secolare tra l’uomo e l’animale, tra l’Alpino e il Mulo – aggiunge Zaia -. I suoi occhi profondi e di un’espressività unica mi erano rimasti impressi fin dalla prima volta che lo vidi ad un’Adunata. Aveva la rugosa serenità di quei nostri vecchi, provati dalla vecchiaia e dal lavoro ma forti nella solidità di una vita vissuta. Nella sua espressione si leggevano la docilità e la forza che da sempre, insieme alla fedeltà, hanno fatto del mulo il fratello dell’alpino nelle fatiche della guerra e del lavoro in tempo di pace”.

 

“Da domani Iroso sarà un simbolo ulteriore – conclude il Presidente – uno dei rari animali che riposano sotto un monumento. Ha avuto in sorte di vivere a lungo, molto per una bestia, grazie ai sentimenti di chi conosceva i muli e non ha accettato che fossero solo mezzo di lavoro prima e carne da macello poi. Ringrazio l’alpino De Luca per quanto ha fatto e la sezione Ana di Vittorio per l’organizzazione della cerimonia. Un momento che conferma come un affetto così grande non si estingue con un tratto”.

“Come tutti i veri Alpini, anche il Generale Iroso non è morto, è semplicemente andato avanti, per restare comunque per sempre nei nostri cuori”.

Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto ricorda l’epopea del mulo Iroso, l’ultimo mulo alpino rimasto in vita, con la matricola 212 ancora stampigliata sullo zoccolo, che oggi, a 40 anni, è “andato avanti”, come usano dire gli Alpini di un loro commilitone che non c’è più.

 

“Tante volte ci siamo incontrati con Iroso – ricorda il Governatore – e ogni volta era come ritrovare un vecchio amico, non solo un animale di accarezzare e rispettare. Un amico degli alpini, di noi grandi come dei tanti bambini che se ne innamorarono incontrandolo, all’adunata degli Alpini di Treviso 2017, come in occasione del suo compleanno che festeggiammo a Vittorio Veneto. In lui c’è stata una fierezza straordinaria, con la quale ha rappresentato tanti valori: l’alpinità, la storia del nostro territorio, l’identità del Veneto e delle genti di montagna”.

 

“Un grazie particolare in questo momento di profondo dispiacere – aggiunge il presidente della Regione – va a Toni de Luca, che salvò lui e i suoi compagni reduci dalla chiusura del reparto salmerie dell’esercito, alla moglie e alla famiglia di Toni e a tutti gli Alpini che in tanti anni, con tanto amore, lo hanno accudito, curato, seguito come meritava, perché il Generale Iroso ha meritato davvero tutte le attenzioni che ha ricevuto. Oggi – conclude – è bello immaginarlo lassù, forte e vitale come un tempo, a sfidare di nuovo un sentiero impervio di montagna, perché Iroso non è morto, è andato avanti su quel sentiero”.

 

Albino Bertazzon, capogruppo delle “penne nere” di Pieve di Soligo e grande appassionato di ciclismo, ha riabbracciato dopo oltre 48 anni l’ex commilitone Dante Stefani. Il ricordo di un episodio accaduto durante il servizio militare quando un mulo imbizzarrito mise in pericolo la vita di entrambi

 

Non si vedevano da circa 50 anni e hanno potuto riabbracciarsi grazie alla Prosecco Cycling. Albino Bertazzon e Dante Stefani hanno prestato servizio militare negli Alpini nel 1970. Poi, come spesso accade, si sono persi di vista.

 

Albino, capogruppo degli Alpini di Pieve di Soligo e grande appassionato di ciclismo (è giudice di gara a livello nazionale), si ricordava di Dante per un episodio capitato durante la naja, quando un mulo imbizzarrito mise in pericolo la vita di entrambi. E ha chiesto aiuto alla Prosecco Cycling per rintracciare l’ex commilitone.

 

L’evento che ogni settembre porta oltre duemila ciclisti a pedalare tra le colline del Prosecco si è messo in moto, sfruttando i tanti contatti maturati negli anni in Italia e all’estero. La ricerca è arrivata sino in Svizzera, dove Dante Stefani ha trascorso da emigrante una parte della sua vita, ma poi l’ex Alpino è stato rintracciato a Pezzaze Val Trompia, nel Bresciano. Qui, nei giorni scorsi, Albino ha potuto finalmente abbracciare Dante e il ricordo è subito andato a quell’episodio di quasi mezzo secolo fa.      

 

Era il 20 febbraio 1970 – racconta lo stesso Bertazzon -. Durante la marcia di rientro dal campo invernale della 115^ Compagnia Mortai del Battaglione Cividale, non lontano da Chiusaforte, in Friuli, mentre attraversavamo una galleria sulla Pontebbana, il rumore di un camion spaventò i muli che si imbizzarrirono e travolsero gli Alpini in marcia. I muli parevano impazziti. Vedevamo le scintille sull’asfalto provocate dalla loro corsa nel buio della notte. Una mula travolse Dante, che cercò invano di trattenerla, e poi mi colpì alle spalle con la bocca da fuoco del mortaio che trasportava sulla schiena, trascinandomi a terra per parecchi metri”.     

 

Tra il mondo degli Alpini e la Prosecco Cycling c’è un rapporto ormai consolidato. Grazie all’intervento della Prosecco Cycling, nel 2017 un Alpino piemontese, Cesare Einaudi, ha ricevuto in dono una bici d’epoca, dopo che la sua era stara rubata in occasione dell’Adunata di Treviso. E l’anno scorso la Prosecco Cycling ha coinvolto alcuni suoi partner nella ricostruzione della sede degli Alpini di Ponte della Priula andata distrutta in un incendio.

 

La Prosecco Cycling esprime un concetto di identità territoriale che è molto vicino alla sensibilità del mondo delle penne nere, e non è un caso che l’organizzazione dell’evento di Valdobbiadene veda in prima fila gli Alpini di ben cinque sezioni (Pieve di Soligo, Falzè di Piave, Lago di Revine Lago, Ponte della Priula e Sernaglia della Battaglia), oltre all’Associazione d’Arma di Miane e all’Associazione Paracadutisti sezione Piave. L’incontro tra Albino Bertazzon e Dante Stefani è anche il segno di un legame sempre più forte tra la Prosecco Cycling e il mondo Alpino.  

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni