Home / Cultura  / Arte  / “Sù Arte = Tiriamoci sù con l’Arte, 111 artisti per aiutare gli ospedali di Treviso e Venezia

“Sù Arte = Tiriamoci sù con l’Arte, 111 artisti per aiutare gli ospedali di Treviso e Venezia

A settembre dal 1 al 20, verrà organizzata, in collaborazione con il Comune di Treviso, l’esposizione di tutte le opere che hanno aderito all’iniziativa Sù Arte nella prestigiosa location di Casa Robegan, dal quale seguirà

A settembre dal 1 al 20, verrà organizzata, in collaborazione con il Comune di Treviso, l’esposizione di tutte le opere che hanno aderito all’iniziativa Sù Arte nella prestigiosa location di Casa Robegan, dal quale seguirà un evento alla presenza del sindaco Mario Conte e dell’assessore ai Beni Culturali e Turismo Lavinia Colonna Preti, durante il quale gli artisti consegneranno personalmente le opere agli acquirenti.

 

 

Si è conclusa “Sù Arte”, l’iniziativa ideata da Elisa Pascotto, con la collaborazione e
il patrocinio del Comune di Treviso e sostenuta da CentroMarca Banca per aiutare gli ospedali di Treviso e Venezia. Numerosi artisti, ben 111 tra cui 70 pittori, 28 fotografi e 13 scultori, hanno dotato a titolo gratuito una loro opera, messa poi in vendita al prezzo simbolico di 100 euro, interamente donati al crowdfunding “Emergenza Coronavirus: Aiutiamo gli ospedali di Treviso e Venezia”.Il totale raccolto è di ben 7.000€.

 

 

«È fondamentale dimostrare che l’Arte non si ferma mai, e può essere un importante mezzo per aiutare il proprio territorio anche nei momenti più difficili e critici», le parole di Elisa Pascotto, che ha messo a disposizione lo studio Unreal Architects per rendere possibile la realizzazione del tutto.

Tra i 111 artisti troviamo sia professionisti che dilettanti, tra i quali numerosi di fama nazionale e internazionale. L’iniziativa è risultata anche un grande esperimento sociale visto che gli acquirenti hanno avuto la possibilità di scegliere le opere per la loro
“pura bellezza” permettendo così che l’arte ritornasse a invadere la vita di tutti.

 

 

Un progetto partito con grande entusiasmo e concluso ben oltre le aspettative, visto che è stato gestito interamente attraverso i canali social. Le pagine mano a mano che crescevano, si incrementavano di differenti attività e servizi, mutando da piattaforma per l’illustrazione e interpretazione, delle opere donate e messe in vendita, a mezzo di diffusione di cultura e compagnia. Come molti messaggi dei followers confermano, @suarte2020 è divenuto un ‘luogo’ virtuale, dove parlare e discutere di arte.

Un modo di mettersi in gioco. Un appuntamento fisso, che scandiva la quotidianità degli appassionati nel periodo di quarantena, facendo scattare una rete di condivisione e solidarietà che ha sorpreso tutti.

Su’ Arte ha “viaggiato” molto e ha visto non solo la partecipazione di acquirenti e artisti veneti, sebbene questi ricoprano la maggioranza, ma anche provenienti dalle seguenti regioni: Lombardia,Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lazio, Abruzzo, Sardegna e Sicilia. E dall’estero, Portogallo, Francia, Svizzera e USA.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni