Home / Regione  / Ristoratori e commercianti dimostrano nelle piazze per chiedere a gran voce le riaperture

Ristoratori e commercianti dimostrano nelle piazze per chiedere a gran voce le riaperture

A quanto pare tutte le categorie obbligate a chiudere causa Covid sono veramente stufe, e protestano, protestano perché giustamente vogliono lavorare e non vivacchiare malamente con i ristori che poi tardano anche ad arrivare. Hanno cominciato

A quanto pare tutte le categorie obbligate a chiudere causa Covid sono veramente stufe, e protestano, protestano perché giustamente vogliono lavorare e non vivacchiare malamente con i ristori che poi tardano anche ad arrivare.

Hanno cominciato le manifestazioni contro i Dpcm di chiusura i ristoratori ed i bar, prima in pochi, ricordiamo i primi vagiti emessi da comitato “IoApro”, poi sempre più a voce alta con il blocco dell’Autogril sull’autostrada A1, ed ora con manifestazioni di piazza.

La protesta per chiedere a gran voce le riaperture si sono replicate in tutta Italia. Prima fra tutte quella avvenuta in piazza Montecitorio a Roma, davanti al parlamento, organizzata da commercianti e ristoratori. Hanno manifestato al grido “Siamo imprenditori non delinquenti”.

Segue quella di Milano dove gli ambulanti hanno bloccato il traffico alla stazione, ed a Napoli dove sempre gli ambulanti che operano nei mercati hanno bloccato il traffico sulla A1.

A Roma si sono riuniti i commercianti ed i ristoratori provenienti da tutta Italia e tutti, erano veramente tanti, hanno chiesto di lavorare dichiarando che non erano li per i ristori, ma solo per chiedere l’annullamento delle limitazioni.

Ci sono stati anche tafferugli ed alcuni feriti e la comprensione mostrata dalle Forze dell’Ordine . Una cosa è certa, tutti sono allo stremo e l’economia sta subendo un tracollo dal quale non si sa come potremo riprenderci.

In tanti si chiedono perché ci si ostini a vedere nelle aperture dei locali e dei commercianti la fonte della pandemia. A quanto sembra, affermano queste categorie, non ci sono mai stati focolai di Covid nati nei ristoranti o sui banchi dei commercianti.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni