Slide-mainVeneto

Osservatorio Sicurezza Lavoro. Veneto tra le regioni a minor rischio mortalità sul lavoro

2 minuti di lettura

Osservatorio Sicurezza Lavoro – Vega Engineering

VENETO TRA LE REGIONI A MINOR RISCHIO DI MORTALITÀ SUL LAVORO NEL PRIMO SEMESTRE 2021 E VA IN ZONA GIALLA. LA ZONIZZAZIONE A COLORI È LA NUOVA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA ELABORATA DALL’OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO VEGA ENGINEERING DI MESTRE, PER FOTOGRAFARE, ALLA STREGUA DELL’EMERGENZA SANITARIA, IL LIVELLO DI SICUREZZA DEI LAVORATORI. VENETO AL 7° POSTO IN ITALIA PER NUMERO DI VITTIME IN OCCASIONE DI LAVORO (SONO 32 SU UN TOTALE DI 444), MA LA REGIONE FA REGISTRARE UN RISCHIO DI MORTALITÀ CHE È TRA I PIÙ BASSI IN ITALIA. INTANTO, VERONA È IN CIMA ALLA CLASSIFICA REGIONALE PER NUMERO DI VITTIME TOTALI CON 11 INFORTUNI MORTALI. SEGUONO: TREVISO (8), PADOVA (7), VENEZIA (6), VICENZA (5), ROVIGO (2) E BELLUNO (1). CRESCONO DEL 20% GLI INFORTUNI NON MORTALI: 5632 IN PIU’ DELLO SCORSO ANNO. COMPLICE ANCHE L’EMERGENZA SANITARIA. Nel primo semestre 2021 sono 32 le vittime rilevate in occasione di lavoro in Veneto e 8 i lavoratori che hanno perso la vita in itinere. Così la regione è al 7° posto nella graduatoria nazionale per numero di decessi in occasione di lavoro; ma fa rilevare un indice di mortalità rispetto alla popolazione lavorativa che risulta essere tra i più bassi del Paese.   Questa la prima proiezione messa in evidenza nella nuova zonizzazione elaborata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, per fotografare con i colori, alla stregua dell’emergenza sanitaria, il livello di sicurezza dei lavoratori, il Veneto è in zona gialla.   Il Veneto, dunque, nei primi sei mesi del 2021 rimane in zona gialla con un’incidenza di mortalità compresa tra 0,75 e 1 rispetto alla media nazionale (Im – Indice incidenza medio pari 19,4 morti ogni milione di lavoratori). E con questa graduatoria che tiene conto del rischio reale di morte sul lavoro, perché considera il rapporto tra infortuni mortali e popolazione lavorativa, il Veneto finisce in 15° posizione a livello nazionale.   Intanto, rispetto ai primi sei mesi mesi del 2020 l’incremento degli infortuni mortali in occasione di lavoro è del 14,3% (erano 28 a fine giugno 2020 e 32 a fine giugno 2021). Verona la provincia più coinvolta, con i suoi 8 infortuni mortali in occasione di lavoro. Seguono: Padova (6), Treviso, Venezia e Vicenza (5), Rovigo (2) e Belluno (1). Anche nella classifica regionale delle morti sul lavoro (compresi quelli in itinere) è sempre Verona ad indossare la maglia nera con 11 infortuni mortali. Seguono: Treviso (8), Padova (7), Venezia (6), Vicenza (5), Rovigo (2) e Belluno (1). Le denunce totali per infortunio in Veneto tra gennaio e giugno 2021 sono 33.312 (+20% rispetto al 2020). Erano infatti 27.680 a fine giugno 2020. “Un incremento che preoccupa e nel quale è probabile che incida anche l’emergenza sanitaria – sottolinea Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre – Stando ai dati Inail, infatti, gli infortuni Covid registrati da gennaio 2020 rappresentano oltre un quinto del totale delle denunce di infortunio pervenute in Italia.” A Verona la maglia nera in regione per il più elevato numero di denunce di infortunio: 6.777. Seguono: Vicenza (6.312), Treviso (6.240), Padova (6.143), Venezia (5.296), Belluno (1.312), e Rovigo (1.232).

Articoli correlati
SaluteSlide-main

Nuovi giochi e libreria per i piccoli degenti

1 minuti di lettura
Il nuovo assetto contribuirà a rendere più gioioso il ricovero dei bambini San Donà di Piave (VE) – Un salottino giochi, allestito a…
Slide-mainVenezia

Redentore, inaugurato il ponte votivo

1 minuti di lettura
Conto alla rovescia per una delle festività veneziane più amate VENEZIA – Nella città lagunare è tutto pronto per la Festa del…
PoliticaSlide-mainVenezia

Brugnaro: “Sono totalmente innocente”

1 minuti di lettura
Le parole del sindaco Brugnaro al primo incontro con la stampa dopo il terremoto giudiziario VENEZIA – “Io non abbandonerò mai, proprio…