DigitalSlide-main

Italia digitale, a che punto siamo? Il 31% non utilizza internet, ma arriva il terzo bando di Wifi4Eu

2 minuti di lettura

Al giorno d’oggi essere connessi ad internet non è una moda, ma un vero e proprio bisogno poiché sono molteplici le operazioni di interesse quotidiano che possono essere svolte in rete.

 

La diffusione relativa alla digitalizzazione è favorita dall’avanzamento tecnologico delle infrastrutture e dei servizi, che sono alla portata di chiunque voglia inoltrarsi nel mondo digitale, e al contempo dalla Pubblica Amministrazione che si sta adattando all’era attuale, portando i suoi servizi sul web.

 

Tuttavia osservando i dati europei, l’Italia è ad oggi ad un livello di alfabetizzazione digitale non ottimale, visto che persistono ancora molte lacune. Andiamo ad approfondire la situazione.

 

 

Italiani e rapporto con il digitale

I dati effettivi relativi all’utilizzo di internet, vedono il 69% dei cittadini italiani impegnati nel suo uso quotidiano. La rimanente parte, ovvero il 31%, non utilizza mai internet o non lo fai in modo regolare. Questa situazione viene espressa in modo preciso nella classifica riguardante le competenze digitali: l’Italia è quartultima in Europa, seguita solo da Bulgaria, Grecia e Romania.

 

Le ripercussioni di questo quadro generale si riflettono in diversi settori: l’home-banking è un servizio che le banche offrono e che non viene adeguatamente sfruttato, le aziende che richiedono specifiche competenze digitali faticano nella ricerca di addetti capaci, l’economia legata ad internet, anche se in crescita, va ancora ad una velocità minore rispetto ad altri Paesi.

 

In generale la digitalizzazione, che porta l’economia su di un altro livello, é un’importante fattore di crescita sia al livello strettamente monetario, sia circa l’alfabetizzazione digitale del Paese, che ne esprime così le competenze opportune.

 

 

Infrastrutture, tecnologie e bandi europei

Nonostante le differenze attuali rispetto al panorama europeo, sono stati fatti molti progressi negli ultimi anni che hanno portato ad un aumento dell’uso delle tecnologie digitali. Oggi internet è sempre più alla portata di tutti, anche grazie ad alcune nuove tecnologie, Linkem ad esempio propone alcune offerte per internet casa che raggiungono molte di quelle zone fino a poco tempo fa non servite dalla tradizionale linea cablata.

 

Allo stesso tempo anche le strutture pubbliche stanno compiendo passi da gigante in tal senso ed il bando europeo per la connessione dei comuni ne è un esempio lampante: si tratta della terza edizione aperta a tutti quei comuni virtuosi che ancora non hanno una linea wifi. Le assegnazioni avvengono previa iscrizione del comune sul portale d’accesso Wifi4Eu e riscuotono sempre una grande partecipazione: nei bandi precedenti il 98% degli stanziamenti è stato affidato nei primi 60 secondi di apertura del concorso in rete, secondo il principio per il quale prima ci si iscrive, prima si accede ad i fondi europei specifici.

Articoli correlati
MestreSlide-mainVenezia

Mestre, scappa alla vista degli agenti, bloccato con dosi di hashish pronte allo spaccio

1 minuti di lettura
La radiomobile della Polizia locale si ferma davanti a un attraversamento pedonale per far attraversare un giovane in sella alla sua bicicletta,…
MargheraMestreSlide-mainVenezia

Venezia. Possibili gelate notturne: spargisale in azione dalla mezzanotte

1 minuti di lettura
La Protezione civile e la Centrale operativa della Polizia locale del Comune di Venezia comunicano che, vista la possibilità di gelate nelle…
Slide-mainTreviso

Il cordoglio della Cisl per la scomparsa di Luigi Cal

1 minuti di lettura
Grande il cordoglio della Cisl Belluno Treviso per la scomparsa di Luigi Cal, ex direttore per l’Italia e San Marino dell’Organizzazione Internazionale…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!