Home / Slide-main  / Il Venezia vince al Penzo in rimonta contro l’Ascoli per 2-1

Il Venezia vince al Penzo in rimonta contro l’Ascoli per 2-1

I leoni si avvicinano alla vetta della classifica   Nella nona giornata del Campionato di Serie BKT, gli arancioneroverdi di mister Zanetti ospitano in casa al Pierluigi Penzo di Venezia l’Ascoli. In questa fase del campionato, il

I leoni si avvicinano alla vetta della classifica

 

Nella nona giornata del Campionato di Serie BKT, gli arancioneroverdi di mister Zanetti ospitano in casa al Pierluigi Penzo di Venezia l’Ascoli. In questa fase del campionato, il Venezia, reduce dal pareggio in trasferta con il Brescia cerca i tre punti per consolidare la zona alta della classifica. I marchigiani arrivano in laguna dopo il pareggio casalingo con la Virtus Entella, con l’obiettivo di uscire dalla zona play-out che attualmente li vede terz’ultimi davanti a Pescara e Cremonese.
Mister Zanetti schiera il centrocampo a tre con Fiordilino e Maleh ai lati, Taugordeau in regia. In avanti la coppia Forte-Capello con Aramu a supporto.
Mister Bertotto schiera Avlonitis al centro della difesa, Cavion alzato in mediana con Pucino sulla fascia destra. In avanti dal primo minuto Chiricò al posto di Cangiano.
Prima del calcio d’inizio le squadre osservano un minuto di silenzio in ricordo della prematura scomparsa di Diego Armando Maradona.
Sul campo sono i padroni di casa a cercare di imporre il proprio gioco. Al 5’ la prima occasione per gli arancioneroverdi: Capello mette in mezzo per Fiordilino che a tu per tu con Leali si divora il goal.
Fiammata dei bianconeri che al 14’ sbloccano la partita: Kragl dalla sinistra, colpisce al volo Pucino che batte Lezzerini.

 

I leoni si riversano in attacco e al 20’ si fanno pericolosi: tiro in porta di Forte, Leali respinge corto, Maleh si avvicina per il tap-in ma Pucino salva sulla linea. I padroni di casa si fanno nuovamente pericolosi al 28’: tiro di Maleh, palla sui piedi di Fiordilino che clamorosamente riesce a buttare alto a porta vuota. Dalla ripartenza sono gli ospiti a farsi pericolosi un minuto dopo: Kargle tenta il cross al centro, Mazzocchi devia verso la propria porta, Lezzerini attento ci mette una pezza.
Gli arancioneroverdi continuano a spingere ma i marchigiani coprono con ordine.
Sono ancora i leoni ad andare vicino al pareggio al 37: Aramu da Forte, sinistro a giro, ma la palla fa la barba al palo lontano.

 

Il primo tempo termina al 45’ con il punteggio di Venezia-Ascoli 0-1.
L’Ascoli sembra crederci di più, punge nelle ripartenze ed è ben ordinata in difesa.
Il Venezia costruisce bene ma deve trovare maggior concretezza in fase conclusiva.
Nella ripresa gli arancioneroverdi si fanno più concreti e al 55’ riescono ad andare in rete: palla vagante in area marchigiana, Aramu va in rovesciata e buca la porta sotto il sette difesa da Leali con un fantastico eurogol.
I padroni di casa, galvanizzati dal risultato, continuano a pressare sulla squadra di Bertotto. Al 60’ Aramu ci prova dai 25 metri ma il pallone va fuori di un soffio. Passano tre minuti e questa volta è capitan Modolo ad andare vicino al sorpasso con un’incornata che Sabiri a portiere battuto salva sulla linea di porta. Ormai è un assedio alla porta degli ospiti. Al 66’ ancora i leoni vicini al sorpasso: Cross di Di Mariano, capitan Modolo al volo ma il pallone passa di poco sopra la traversa.
Il Goal partita arriva al 68’: Palla di Di Mariano per Fiordilino che calcia al volo bucando la porta di Leali.
I bianconeri provano a reagire e al 71’ hanno una buona occasione: Bajic in area per Chirico che di sinistro impegna un attento Lezzerini.

Girandola di sostituzione per entrambe le squadre ma il risultato non cambia. Al 90’+4 con il triplice fischio dell’arbitro Amabile l’incontro si conclude. Venezia batte l’Ascoli per 2-1.
Al termine della partita Mister Zanetti ha così commentato il match: “All’inizio sembrava una partita stregata, anche perché abbiamo sbagliato qualche occasione da gol; però è anche vero che non eravamo attenti come al solito ai dettagli, lasciando all’avversario qualche ripartenza di troppo ed essendo poco aggressivi sul loro portatore di palla. Nel secondo tempo invece ho visto la solita squadra; abbiamo creato tantissimo, li abbiamo messi alle corde prima pareggiando e poi superando l’avversario grazie ad una prestazione di grande personalità. Voglio fare i complimenti ai ragazzi, perché hanno dimostrato di saper reagire alle difficoltà mettendo in campo non solo l’orgoglio, ma anche grande lucidità. Rispetto alla partita di Brescia abbiamo cambiato qualcosa tatticamente, adattandoci anche alle caratteristiche di chi è sceso in campo; sapevamo che l’Ascoli sarebbe venuto a Venezia per battagliare ma abbiamo dimostrato di essere una squadra vera, un gruppo unito con un grande cuore. Voglio dedicare questa vittoria ai nostri tifosi, che purtroppo non possono venire allo stadio a sostenerci ma so che ci sarebbero stati e so che ci saranno sempre vicini.”

 

Una vittoria arancioneroverde meritata nei 90 minuti. Dopo un primo tempo per nulla brillante, nella ripresa i leoni hanno dimostrato grande carattere e grande capacità offensiva con molte occasioni-goal.
La squadra di Zanetti sale ad un solo punto dalla vetta della classifica e sabato prossimo sfiderà in trasferta proprio la capolista Lecce. La squadra di mister Bertotto resta ferma a cinque punti e nell’anticipo di venerdì prossimo sfiderà in casa il Pescara.

 

Photocredits: Facebook @veneziafc

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni