Home / Cultura  / Il nome Italia, una nuova spiegazione

Il nome Italia, una nuova spiegazione

Ci sono molte discordanze sull’etimologia del nome Italia. Secondo l'Enciclopedia Treccani: «Aristotele (Polit., VIII, 1329 b), seguendo Antioco, faceva derivare il nome d'Italia dal re Italo. Ellanico, invece (Dion. Hal., I, 35), raccontava che, mentre

Ci sono molte discordanze sull’etimologia del nome Italia. Secondo l’Enciclopedia Treccani: «Aristotele (Polit., VIII, 1329 b), seguendo Antioco, faceva derivare il nome d’Italia dal re Italo. Ellanico, invece (Dion. Hal., I, 35), raccontava che, mentre Eracle traversava l’Italia per condurre in Grecia il gregge rapito a Gerione, gli fuggì un capo di bestiame, e, ricercandolo egli affannosamente, e avendo saputo che, secondo l’idioma indigeno, la bestia aveva nome vitulus, chiamò Ούιταλίαν tutta la regione.

 

L’essenziale di questo racconto è la riconnessione del nome d’Italia con la voce vitulus, la quale era affermata anche da Timeo e da Varrone, quando costoro quel nome giustificavano così: quoniam boves Graeca vetere lingua ἰταλοι vocitati sunt, quorum in Italia magna copia fuerit (Gell, N. A., XI,1), perché è evidente che ἰταλός nel senso di vitulus sarebbe in ogni caso una voce derivata dal Latino nel Greco dell’Italia meridionale.

 

Un’espressione figurata della stessa riconnessione si ha nelle monete osche battute durante la guerra sociale con la figura del toro e nell’epigrafe Viteliu, sia che questa parola alluda alla capitale degl’Italici, Corfinio, che vediamo dagli scrittori chiamata Italica, sia che debba intendersi qual nome della dea Italia (v. Corp. Inscr. Lat., IX, al. n. 6088.

 

Nel corso del sec. IV a. C. il nome d’ Italia si estese, dall’una parte, sino a Posidonia e, dall’altra, comprese Taranto (Dionys., I, 74, 4 e Strab., V, 209); intorno al 300 a. C. si allargò alla Campania (Theophr presso Athen, II, 43 b). Quando poi nei primi decenni del sec. III a. C. tutta la penisola, dall’Arno e dall’Aesis allo stretto di Messina, fu amministrativamente e militarmente unificata sotto la dominazione romana, e le diverse stirpi che l’abitavano, Latini, Sabelli, Etruschi, Apuli e Greci furono costretti a combattere sotto le insegne di Roma con la comune designazione di togati, cioè uomini della toga, il nome d’Italia abbracciò tutta la penisola nei limiti indicati.)»

 

Presenterò un’altra interpretazione per quanto riguardo l’etimo della parola Italia. Nel VIII secolo a. C. dalle città della Grecia navi cariche di uomini, animali, aratri e oggetti di uso quotidiano lasciarono le coste greche e si diressero verso le coste dell’Italia. Una città greca che ha fondato una nuova città in Italia era la città di Eubea Kymi. Kymi (in greco Κύμη), nota come Cuma euboica, è un ex comune della Grecia nella periferia della Grecia Centrale (unità periferica dell’Eubea). Coloni di Cuma euboica, o più probabilmente di Cuma eolica, fondarono nell’VIII secolo a.C. la colonia di Cuma nell’Italia meridionale. Durante il periodo arcaico (VIII sec. a.C.), Kymi ha partecipato, con Calcide e Eretria, all’espansione delle colonie sulle sponde del Mediterraneo. Ha dato il suo nome alla città omonime di Kyme nell’Eolide (vicino a Smirne, Turchia), e forse di Cuma, nei pressi di Napoli. In seguito, la sua importanza è stata eclissata da altre città dell’ Eubea.

 

Molti cittadini di Kyme (Kume) arrivano in Campania. Nella provincia di Kyme c’è un piccolo villaggio che si chiama Vitala. E i cittadini di villaggio si chiamano Vitali, perché erano i primi in Eubea alla produzione dei vitelli. (L’isola Eubea era famosa per i suoi numerosi buoi da cui origina il nome). I primi cittadini di Vitala–Kyme che arrivano in Campania chiamano il nuovo paese Vitalia perché secondo pensiero greco antico la colonia (la nuova patria) è inferiore della patria originale. Cosi abbiamo una nuova fine della parola Vital-a, in Vital-ia. In particolare, la parola “Italia” non sarebbe altro che un prestito linguistico della parola Vitalia, che significa il nuovo paese dell’ immigrato che proviene dal paese Vitala, che si chiamava Vitalio, (anche era la nuova terra di bovini giovani) Questo (v) lo troviamo anche al latino, con gli anni la lettera (v) non c’è. Ancora oggi esiste un piccolo Comune della città metropolitana di Napoli che si chiama San Vitaliano che si estende in pianura per circa cinque chilometri quadrati. Quando i greci di Kuma – Kymi raggiungevano il comune Nola con il centro di Napoli passando per quella strada, la chiamano strada Vitaliano.

 

Articolo a cura di Apostolos Apostolou
Professore di Filosofia

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni