Italia MondoPillole di storia, arte e umanitàSlide-main

Il mare di Israele restituisce una moneta di 1.850 anni

2 minuti di lettura

Una spettacolare e rarissima moneta di bronzo eccezionalmente ben conservata è stata recentemente recuperata dal fondo del mare durante un’indagine archeologica subacquea condotta dall’Autorità israeliana per le antichità al largo della costa del Monte Carmelo ad Haifa.

La moneta fu coniata durante il periodo dell’imperatore Antonino Pio (138–161 d.C.) ad Alessandria d’Egitto. Il rovescio raffigura il segno zodiacale del Cancro sotto un ritratto della dea Luna.

La moneta porta la data “Anno otto”, l’ottavo anno di governo di Antonino Pio, o 144/145 d.C. Appartiene a una serie di tredici monete, dodici raffiguranti i diversi segni dello zodiaco e un’altra la ruota zodiacale completa.

Secondo Jacob Sharvit, direttore dell’Unità di archeologia marittima dell’Autorità per le antichità israeliane, “Questa è la prima volta che una moneta del genere viene scoperta al largo delle coste israeliane ed è una rara aggiunta alla collezione dei tesori nazionali. Le coste e le acque mediterranee di Israele hanno portato alla luce molti siti archeologici e reperti che attestano i collegamenti nell’antichità tra i porti del Mediterraneo e i paesi che lungo il mediterraneo stesso si snodano. Questi reperti, perduti in mare e scomparsi dalla vista per centinaia e migliaia di anni, sono stati straordinariamente ben conservati; alcuni sono estremamente rari e la loro scoperta completa parti del puzzle storico del passato del Paese“.

La moneta è stata scoperta durante un’indagine condotta dall’Autorità israeliana per le antichità per individuare, documentare, ricercare e preservare siti di antichità e reperti antichi, beni culturali che sono messi in pericolo dall’accelerazione dello sviluppo marino.

Secondo il direttore della Israel Antiquities Authority, Eli Eskosido, “nell’ultimo decennio, lo Stato di Israele ha cambiato la sua percezione del mare. Invece di segnare il confine del Paese, il mare è ora riconosciuto come parte integrante di esso in termini di patrimonio culturale, oltre a considerazioni di sicurezza e preoccupazioni strategiche ed economiche. Le acque territoriali di Israele contengono risorse naturali e beni culturali che devono essere esplorati e protetti alla luce dei diversi interessi e del potenziale sviluppo. L’indagine marittima al largo di Haifa fa parte di questo processo. La moneta rara recuperata durante il sondaggio è un vivido promemoria dell’importanza del sondaggio“.

È interessante notare che il sovrano che coniò la moneta, Antonino Pio, era un imperatore romano che ha regnato tra il 138 e il 161 d.C. A differenza dei suoi predecessori, non era un militare. Il suo regno fu il più tranquillo durante l’intero Impero romano e segnò l’apice del periodo di “pace romana” (Pax Romana) in tutto l’impero.

Antonino aveva un approccio diverso della gestione dell’Impero, preferendo affrontare eventuali crisi straniere attraverso i governatori provinciali; infatti, non ha mai lasciato Roma in persona. Ha incoraggiato e avviato la costruzione di templi, teatri e magnifici mausolei e ha promosso la scienza e la filosofia.

Durante il suo governo, le relazioni dell’impero con gli ebrei furono notevolmente migliorate, i decreti di Adriano furono revocati e gli ebrei furono autorizzati a praticare la circoncisione. Questi passaggi portarono a relazioni amichevoli tra l’imperatore e il rabbino Yehuda ha-Nasi.

Articoli correlati
Arte, Cultura, Storia e ArcheologiaItalia MondoSlide-mainVideo

27 Settembre, in Etiopia si festeggia il "Meskel” (VIDEO)

4 minuti di lettura
Prosegue la nuova rubrica “Arte, Cultura, Storia e Archeologia” curata da Carlo Franchini. Un viaggio alla scoperta delle bellezza, delle curiosità, del…
SaluteScienzaSlide-mainVeneto

L’ateneo di Verona stila la lista dei batteri più pericolosi per la salute

1 minuti di lettura
La sezione di Malattie infettive è a capo dello studio promosso dall’Oms sull’antibiotico-resistenza. L’incremento della mortalità causata da malattie infettive e il…
AmbienteItalia MondoSlide-main

Oltre il 2% delle emissioni globali di gas serra sono causate da fertilizzanti sintetici

2 minuti di lettura
Lo studio internazionale condotto dal team di ricerca dell’Università di Torino, dell’Università di Exeter e di Greenpeace. I fertilizzanti azotati sintetici sono…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!