Italia MondoSlide-main

Il gatto di Bucha

1 minuti di lettura

Uno scatto che potrebbe suscitare riflessioni.

Sono passate poche ore dalla distruzione perpetrata dai russi alla città di Bucha.

Dopo i militari, dopo i soccorsi, talvolta vani, sbarcano i reporter della stampa internazionale.

Scorgono, tra morte, sangue, palpabile terrore insidiatosi nell’aria, un gatto.

O meglio, lui è in centro a quel che resta di una via di una zona residenziale messa a ferro e fuoco dai combattimenti.

Si accucciano, con le loro macchine fotografiche, chi con il telefonino, per fotografarlo.

Un reporter vede la scena e la coglie. Così, scatta un’istantanea e la divulga.

Il tutto in un istante, quasi il raziocinio e l’istinto lo comandino a cogliere la scena, abbia essa, probabilmente, un significato. Quale, non si sa.

Di certo, tra chi urla agli orrori, tra chi muore, chi piange i propri cari, chi li cerca, chi scappa, tra chi si siede nei talk show e nei salotti politici a prender posizione ideologica, tra chi difende l’una o l’altra Nazione per pensiero politico, tra chi non sa neppure, per quale ideale, abbia perso la famiglia e la casa, tra chi pensa che l’Ucraina e la Russia siano troppo distanti per rovinare la propria quotidianità conquistata a suon di ore di lavoro, tra tutti noi, spunta il Gatto di Bucha.

Lui non ci ucciderà, non sparerà, non comminerà sanzioni. Forse, sopravvivrà.

Forse, guarda quei giornalisti stupiti e vorrebbe far capire che questa catastrofe è un po’ anche colpa loro, perché essere umani, perché, in fin dei conti, anteposto per decenni l’interesse economico generale per garantire il benessere comune, solo noi umani potevamo perdere i valori fondamentali della vita e della sopravvivenza.

E chissà quanti gatti dovranno ancora spuntare dall’orrore, per farci crescere dentro qualche sussulto al cuore, qualche sentimento che non sia solo sdegno ma consolidata consapevolezza che, in fin dei conti, siamo stati anche noi a lasciare quel gatto lì, solo.

Gianluca Longo

Articoli correlati
Italia MondoPillole di storia, arte e umanitàSlide-main

Il mare di Israele restituisce una moneta di 1.850 anni

2 minuti di lettura
Una spettacolare e rarissima moneta di bronzo eccezionalmente ben conservata è stata recentemente recuperata dal fondo del mare durante un’indagine archeologica subacquea…
CulturaItalia MondoSlide-mainSport

Le leggende dello sci e la coppa del mondo Cervinia - Zermatt al Cervino CineMountain

2 minuti di lettura
Pirmin Zurbriggen e Piero Gros, Peter Fill e il regista Gerald Salmina, la Streif di Kitzbuehl e la La Matterhorn Cervino Speed…
Slide-mainSpettacoloVeneto

Momix, il grande ritorno a Verona

2 minuti di lettura
Al Teatro Romano, per 12 serate, va in scena la magia dei ballerini-illusionisti diretti da Moses Pendleton.  I Momix tornano finalmente in…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!