Slide-mainVeneto

Gli Zattieri del Piave patrimonio culturale immateriale dell’umanità Unesco

1 minuti di lettura

“C’è un detto che recita così: Venezia poggia su un Cadore rovesciato. – ha dichiarato il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia – Un detto che ci porta alla lontanissima Serenissima, un tempo in cui erano terminate le scorte del legname lagunare e i veneziani hanno guardato, perciò, al Cadore per recuperarne. Legname preziosissimo, ricordiamolo, perché è su di esso che poggiano ancora oggi le fondamenta della gran parte dei palazzi veneziani e che veniva trasportato fino in laguna proprio grazie alle maestrie degli Zattieri del Piave. Il lavoro degli Zattieri, cioè quello di saper governare una zattera, è intriso di storia, di tradizione, di cultura veneta che, insieme al duro lavoro e alla passione, appartengono alla nostra terra e alla nostra gente. Ora, gli Zattieri del Piave sono stati anche riconosciuti dall’UNESCO Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità: un riconoscimento che ci rende profondamente orgogliosi per quanto la gente veneta ha dato alla sua terra e continua a dare come esempio di eccellenza nel mondo”.

Ma cosa sono gli zattieri e perché sono diventati patrimonio immateriale Unesco?

Tremila erano le zattere che di media ogni anno scendevano fino a Venezia. Sopra, a trasportare il legno, c’erano loro, gli zattieri, uomini che per secoli hanno portato i tronchi d’albero dalle Dolomiti fino alla laguna di Venezia.

Con quel legno, la Serenissima ha costruito la città di Venezia e le navi della famosa flotta.

Cinque erano le confraternite o fraglie (fratellanze) degli zattieri: Codissago, Ponte nelle Alpi, Borgo Piave, Nervesa, Ponte di Piave.

Festa degli zattieri a Codissago. Credits Museo degli Zattieri del Piave.

Come spiega il Museo degli Zattieri del Piave, “la vita degli zattieri non era certo facile. Gli zattieri di Codissago soprattutto quelli che arrivavano a Perarolo dovevano fare 20 Km a piedi, costruire la zattere facendo a mano 250 fori con le trivelle, ritorcere e assemblare il legname con le sache, costruire quattro remi e i relativi scalmi detti postei, caricare le tavole e fissarle sempre con le sache. Completata la zattera che era normalmente di 21×4,20 e pesante 20 tonnellate, scendevano il fiume e ad ogni sbarramento delle segherie dovevano infilare uno scivolo el bus dei cavi della larghezza di 6 m unico passaggio che permetteva di superare la rosta, alla fine dello scivolo la parte anteriore della zattera finiva sott’acqua”.

In copertina, credits Museo degli Zattieri del Piave

Articoli correlati
Slide-mainTutela del CittadinoVenetoViabilità

Cinque incidenti tra mezzi pesanti in A4: un ferito

1 minuti di lettura
Vigili del Fuoco impegnati dalle 16.00 di oggi, martedì 7 febbraio, per cinque diversi incidenti tra mezzi pesanti in A4 dal km…
AttualitàEsteriSlide-main

Un Veneto tra i dispersi del terremoto in Turchia

2 minuti di lettura
Si chiama Angelo Zen e i familiari non hanno sue notizie da domenica scorsa, 5 febbraio. Continua ad aggravarsi il bilancio delle…
LavoroMarca TrevigianaSlide-main

Carabinieri: tre attività sospese nel settore dell’edilizia in provincia di Treviso

2 minuti di lettura
Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Treviso, in collaborazione con le articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri, ha svolto nei giorni…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio